Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Sanita': stringere su esami diagnostici minacciando i medici e' incostituzionale

Sanita': stringere su esami diagnostici minacciando i medici e' incostituzionale
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/07/2015

A partire dal 1980, in Italia fu istituito il Sistema Sanitario Nazionale. Venivamo da decenni di Casse mutualistiche dedicate alle varie tipologie di lavoratori che, negli anni, avevano accumulato ingenti debiti nei confronti degli enti ospedalieri e che furono estinti attraverso la Legge n. 386 del 17 agosto 1974. All’epoca il Presidente del Consiglio era Aldo Moro.

Col Sistema Sanitario Nazionale, non si fece altro che mettere in atto il criterio universalistico dettato dall’art. 32 della nostra Costituzione, che recita:

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Per un paio di decenni dall’istituzione del Sistema Sanitario Nazionale, l’Italia è stata un esempio di civiltà ed efficienza in campo sanitario. Oltre ciò, garantendo l’assistenza sanitaria ai cittadini, l’Italia poté dimostrare come, attraverso l’ottica universalistica si possa mettere in atto il cosiddetto stato sociale, quel tipo di criterio che si fonda sui principi di uguaglianza e di conseguenza, di pari diritti.

Le cose hanno iniziato ad andar male alla fine degli anni ’90, quando le U.S.L. – Unità Sanitarie Locali – vennero trasformate in A.S.L. – Aziende sanitarie Locali, attraverso la Legge 502/92 che all’art. 3, c. 1 bis recita:

"in funzione del perseguimento dei loro fini istituzionali, le Unità Sanitarie Locali si costituiscono in Aziende con personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale".

Dal momento in cui le Unità Sanitarie Locali divennero, di fatto, delle imprese di Stato, il rapporto fra cittadino e Sistema Sanitario è andato via via modificandosi. Così come venne a modificarsi il rapporto economico rappresentato dalle prestazioni sanitarie erogate: così è nato il tripudio di analisi e prestazioni sanitarie prescritte in maniera indiscriminata. Come ogni impresa che si rispetti, le Aziende Sanitarie Locali hanno dovuto iniziare a guardare ai bilanci piuttosto che all’efficienza del servizio sanitario prestato ai cittadini e, di conseguenza, alla tutela della loro salute.

Ovviamente, in un sistema imprenditoriale, esistono molti metodi per far si che i bilanci appaiano regolari, e – come accade spesso – è facile cadere prede della volontà di appropriarsi di fondi pubblici messi a disposizione del settore sanitario per poi taroccare i bilanci fino a far letteralmente crollare interi enti ospedalieri. E’ ciò che stiamo vivendo in questo periodo: ospedali storici che chiudono i battenti – vedi ad esempio a Roma l’Ospedale Forlanini – o, nella migliore delle ipotesi, interi padiglioni ospedalieri costretti alla chiusura.

Non basta, perché al danno di un sistema sanitario che guarda ai bilanci, ai numeri e ai finanziamenti che vengono utilizzati per scopi impropri, si aggiungono i tagli costanti dedicati alla Sanità.

Si sappia anche che, quando viene fatta la cosiddetta “spending review” nel settore sanitario, le somme risparmiate non vengono riutilizzate per la Sanità ma vanno a riempire un calderone che è rappresentato dalle casse del Ministero del Tesoro che utilizzerà il denaro – pubblico – secondo criteri non del tutto aderenti alle necessità della popolazione.

Ciò che sta avvenendo in queste ore, relativamente la stretta sugli esami diagnostici e le visite specialistiche, è un ulteriore tassello che compone un disegno letteralmente contrario all’art. 32 della Costituzione ma anche all’art. 1, quello che ci ricorda come l’Italia sia una “Repubblica democratica”.

Dal Ministero della Salute la Lorenzin tuona: “13 miliardi di euro risparmiati con meno esami diagnostici e minori visite specialistiche”. Forse la Lorenzin spera che nessuno ragioni sul fatto che, vietare in maniera indiscriminata gli esami diagnostici e le visite specialistiche, minacciando i medici di vedersi decurtare lo stipendio in caso di non adesione al nuovo diktat, significa in pratica confermare che i cittadini italiani dovranno rivolgersi a medici e centri diagnostici privati, e che così facendo il nostro ex eccellente Sistema Sanitario Nazionale, viene di fatto cancellato così come l’art. 32 della nostra Costituzione.  Non a caso, il governo pone la fiducia anche su questa proposta.

Se anche stavolta la popolazione non si opporrà in maniera coesa a quest’ulteriore negazione di diritti umani, non ci saranno altri margini di contrattazione con le istituzioni che, dietro la parola “democrazia”, quella stampata sul logo del Partito Democratico, sta mettendo in atto il più rigido regime dittatoriale mai realizzato nel nostro paese dai tempi della seconda guerra mondiale.

Proporrei un bel referendum popolare per verificare se, quest’atto assolutamente incostituzionale, è fattibile, accettabile e condivisibile. 

Sempre di più, l'Italia copia il modello statunitense, quello che non è mai riuscito a garantire uno stato sociale ai cittadini dei vari Stati e che con Obama sta tentando di apporre qualche modifica - lontana ancora da venire - per copiare (assurdo ma vero) almeno in parte, il nostro sistema universalistico che era basato sullo stato sociale. Era, appunto. Importiamo sistemi fallaci ed esportiamo sistemi democratici. "Geniale", non c'è altro da aggiungere...

Firma e fai firmare la petizione:

 

 

 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/07/2024 23:09:04

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -