Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Governo del cambiamento sì, ma in che senso?

Governo del cambiamento sì, ma in che senso?
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 01/08/2018 18:22:28

Se le parole avessero il potere di materializzarsi in fatti, avremmo due possibilità. La prima, quella di veder realizzarsi davvero le promesse, le ostentate dichiarazioni di questo o quel politico. La seconda: quella di veder si materializzarsi le parole, ma in tutta la loro accezione negativa.

Prendiamo ad esempio uno dei termini più battuti negli ultimi mesi da chi, oggi, governa l’Italia: “cambiamento”. Attenzione, ogni termine contiene sia l’accezione positiva sia quella negativa. Facciamo un piccolo esperimento. Se io dico “Il nostro sarà il governo del cambiamento” e lo dico dopo aver elencato le negatività realizzate dai governi precedenti, ecco che chi mi ascolta, assimilerà il termine con la sua accezione positiva. Farò quindi pensare a chi mi ascolta, che con il mio avvento al governo, le cose cambieranno in meglio.

Se, invece, la mia dichiarazione sarà solo “Il nostro sarà il governo del cambiamento”, esattamente come è accaduto durante tutta la lunga e penosa campagna elettorale precedente alla nomina dell’attuale governo in carica, e come ogni protagonista di questo governo ha continuato a dichiarare, senza però chiarire cosa si intenda per “cambiamento” bè, allora è un’altra storia.

Cosa e come si vuol cambiare la situazione nazionale? La si vuol migliorare? Come? Cosa si vuol cambiare e perché? Silenzio di tomba. Nessuno ce lo chiarisce.

Faccio un esempio: recentemente il governo, compatto, ha votato contro un emendamento avanzato da LeU. Un emendamento molto importante per i diritti dei lavoratori italiani, visto che si trattava di avanzare la proposta di reintrodurre l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Si, proprio quello cancellato dal Jobs Act del governo Renzi, e che ai tempi dei governi Berlusconi era uno dei leitmotiv, mai ratificati, per ovvie ragioni di opportunità e di conservazione della faccia nei confronti dell’elettorato.

Ora: non erano quelli del M5S che ululavano contro la negazione dei diritti dei lavoratori a causa della cancellazione dell’articolo 18? Si, erano proprio loro. Ma in tempi diversi, prima di salire al governo, anzi no; al potere, che è cosa diversa dal governare. Anzi, è proprio un ossimoro in una nazione a regime democratico.

Per non perder di vista la realtà - vista l’aria che tira in tema di bufale, fake news e compagnia briscola – realtà che sta divenendo sempre più difficile da mantener salda, a causa dell’ignobile inferno provocato con questa assurda libertà di diffusione di castronerie data dal web, ecco un bel video che conferma le convinzioni che, all’epoca, venivano diffuse dall’ex Movimento: Di Maio, reintroduzione articolo 18 sopra i 15 dipendenti.

Tornando al tema centrale: cambiamento si, ma in che senso? Non vogliamo saperne di cambiamenti peggiorativi, di conseguenza chi sta al governo chiarisca cosa si intende per “Governo del cambiamento”, visto che fino ad ora, abbiamo si cambiato rotta – è proprio il caso di dirlo viste le azioni da pugno duro incoerente di Salvini sui flussi migratori – ma dipende verso dove stiamo andando.

Il “Decreto dignità” sotto il quale Di Maio ha posto la sua firma, fa acqua da tutte le parti. Mi chiedo, peraltro, se Di Maio abbia letto una sola riga del decreto in questione. Le azioni di Salvini sono contrarie a tutto ciò che un vero Ministro dell’Interno dovrebbe saper fare. Non è facendo l'imperatore romano, che si aggiustano gli sfasci di un sistama paese come quello italiano. Conte, il Premier, corre di qua e di la a prendere ordini, e pacche sulle spalle, da nazioni come gli USA da cui dovremmo – semmai – dipendere un poco meno.

Volevate il cambiamento, ma non vi siete posti la domanda fondamentale: quale cambiamento?

 

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina



L'articolo ha ricevuto 1808 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/03/2019 03:20:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/03/2019 08:51:56
Italia: mancano i giovani per progettare il futuro

Questa situazione è legata ad aspetti non secondari: come già riportato, molto dipende dal perdurare della crisi economica, dalla percentuale in salita del numero dei disoccupati – che al Sud è sempre maggiore rispetto alle regioni del Nord – all’incertezza sul futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/03/2019 06:02:05
Femminicidio con attenuante

Da anni l’argomento accende il dibattito politico e scalda gli animi dei cittadini. A ogni nuova vittima si alza il coro della riprovazione generale. Eppure, ultimamente, due sentenze hanno fatto storcere il naso a un mucchio di persone, che oggi si chiedono se la giustizia stia dando i numeri.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/03/2019 07:07:59
Donne che amano troppo (e male)

I casi di femminicidio registrati in Italia nel corso del 2018 sono stati 91. 91 donne uccise, per mano di mariti, ex mariti, ex amanti e persino ex amanti dei mariti, come nel recente caso avvenuto nel bresciano, quando a togliere la vita a una donna è stata una donna

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/03/2019 06:08:51
Magrezza e obesità: le contraddizioni dell’attrazione fisica

L’immagine esteriore è diventata predominante rispetto al livello intellettivo. Chi se ne frega se all’aspetto fisico, giovane e prestante, non corrisponda un cervello pensante. Sembra essere questo il pensiero largamente condiviso nel mondo occidentale del terzo millennio.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -