Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
I figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono

I figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/08/2018 08:41:04

In “Filomena Marturano”, commedia in tre atti scritta da Eduardo De Filippo, una frase è la sintesi di tutta la storia: “I figli non si comprano”. Chi conosce la trama, sa di cosa parlo.

I figli no, non si comprano. E nemmeno si vendono né, tantomeno, si abbandonano e si uccidono.

Oggi, tutto questo è vero a metà.  I figli, a volte, nascono e non si sa perché. Vengono partoriti, e poi abbandonati. Diventano un ricordo da allontanare, da cancellare. Una notte di sesso da buttare nel secchio, con tutte le conseguenze del caso.

Eppure, i figli oggi si possono anche evitare, quando non sono frutto di un programma di futuro. Ma no, c’è ancora chi li produce senza una coerenza, senza un’idea chiara sul significato e l’importanza della vita, propria e altrui. C’è ancora chi sceglie notti di passione, senza pensare a ciò che queste notti di passione possono generare. E quando il frutto di queste notti di passione fanno capolino sul pianeta terra…ci si sbarazza del frutto, inutile, impossibile da accudire, da amare, da alimentare.

Il caso del neonato trovato – morto – dentro un sacchetti di plastica, in un parcheggio di un supermercato di Terni, è una delle ultime notizie di cronaca in ordine di tempo.

Il piccolo è morto soffocato dentro al sacchetto. Lo ha confermato l’autopsia. La madre è stata rintracciata. Denunciata, a piede libero. La “scusante” addotta per un gesto così inumano? “Le precarie condizioni economiche”. Che a quanto pare, in italia è diventata la scusante a molti errori umani, a molti reati, a molte cose che la coerenza, l’etica e l’onore non dovrebbero poter dare sostegno.

Tanto tempo fa, si parla addirittura di epoca antico romana e nel periodo del cristianesimo, l’imperatore Costantino istituì una legge – era il 315 d.C.  – che decretò come una parte delle entrate fiscali venisse utilizzata per il sostegno ai bambini abbandonati o in stato di povertà.

C’era un senso di pietà, già allora. Ai tempi non esistevano le misure precauzionali anticoncezionali di oggi. “L’errore” poteva capitare. Non si abortiva, si generavano vite che – comunque – si tentava di non far finire al secondo vagito.

In tutte le culture esiste, da millenni, il senso di pietà per i figli che non dovevano nascere.

Gli ebrei anticamente ne vietavano l’uccisione – e se serve imporre una regola, appare chiara l’inumanità degli esseri umani – ma ne consentivano la vendita e l’abbandono.  Strano senso della pietà, diremmo oggi, ma confronto a chi oggi abbandona, e uccide, è un maggior senso di pietà verso la sacralità della vita.

Nell’antica Grecia, fino a circa il 550 a.c. – epoca di Solone – era invece consentito anche l’infanticidio, mentre nell’antica Roma, i padri che decidevano di non riconoscere i figli, li portavano presso la columna lactaria, per renderli disponibili a chiunque volesse prenderne possesso. Quando questi neonati non morivano, perché nessuno li voleva, avevano spesso mala sorte: ridotti in schiavitù.

La pubblica esposizione dei neonati non riconosciuti, diede poi vita al termine “Esposto” e da qui, la famosa “Ruota degli esposti”, una strategia migliorativa, al fine di non far compiere scempi. Hai generato un essere umano, per mille ragioni non puoi tenerlo con te come natura, e amore, impongono. Non abbandonarlo, non ucciderlo…Regalagli l’opportunità di vivere, tu che hai generato la sua vita.

Parlavo oggi con un amico, proprio su questa tematica, e mi ha detto: “Scrivi qualcosa su questo scempio. Perché io che ho due figli, non posso accettare che avvengano cose di questo genere, che si uccida la vita che si è generata”.

Anche oggi, volendo, esistono le ruote degli esposti, collocate presso alcuni ospedali italiani. Basterebbe informarsi, prima di compiere uno scempio.

Anche oggi, quando un “errore” umano, come quello di generare  una vita non voluta viene al mondo, si può avere pietà, per  il neonato e per se stessi, dando al frutto di quell’errore, la possibilità di vivere. Invece no. Si fa prima a sbarazzarsene, a cancellare – con una gomma perversa e tutta inumana – l’errore e tutto ciò che significa.

Allo stesso modo, di contro, oggi la follia del generare a ogni costo fa apparire in tutta la sua chiarezza il delirio di onnipotenza di certi umani. Scelgono quando, come e persino come deve essere il frutto di quello che non è più amore, ma solo un calcolo, un’aspettativa, un “premio” un acquisto al supermercato dell’egocentrismo.

No, i figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono. L’umanità, in special modo quella occidentale, deve riflettere su se stessa e sulla deriva – mentale e morale – che ha deciso di scegliere come parte integrante di una società senza senso alcuno.

La madre di Terni, a sua discolpa, ha dichiarato di non potersi occupare del suo “errore”, per motivi economici. Non è stata nemmeno arrestata, allo scopo di far riflettere lei, ed altri, sull’enormità di quanto ha fatto, e deciso, contro la vita umana.

I figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono. E se l’incapacità di non commettere azioni disumane, o di controllare le pulsioni passionali e le eventuali conseguenze, non vengono punite a dovere, avremo ancora figli comprati, abbandonati e uccisi. Come è sempre accaduto. La storia dell’umanità non cambia. Evolvono i metodi, non cambia la mentalità.

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 

 

 


L'articolo ha ricevuto 528 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/03/2019 03:34:10

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/03/2019 08:51:56
Italia: mancano i giovani per progettare il futuro

Questa situazione è legata ad aspetti non secondari: come già riportato, molto dipende dal perdurare della crisi economica, dalla percentuale in salita del numero dei disoccupati – che al Sud è sempre maggiore rispetto alle regioni del Nord – all’incertezza sul futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/03/2019 06:02:05
Femminicidio con attenuante

Da anni l’argomento accende il dibattito politico e scalda gli animi dei cittadini. A ogni nuova vittima si alza il coro della riprovazione generale. Eppure, ultimamente, due sentenze hanno fatto storcere il naso a un mucchio di persone, che oggi si chiedono se la giustizia stia dando i numeri.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/03/2019 07:07:59
Donne che amano troppo (e male)

I casi di femminicidio registrati in Italia nel corso del 2018 sono stati 91. 91 donne uccise, per mano di mariti, ex mariti, ex amanti e persino ex amanti dei mariti, come nel recente caso avvenuto nel bresciano, quando a togliere la vita a una donna è stata una donna

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/03/2019 06:08:51
Magrezza e obesità: le contraddizioni dell’attrazione fisica

L’immagine esteriore è diventata predominante rispetto al livello intellettivo. Chi se ne frega se all’aspetto fisico, giovane e prestante, non corrisponda un cervello pensante. Sembra essere questo il pensiero largamente condiviso nel mondo occidentale del terzo millennio.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -