Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Italia: la situazione è grave e non esistono soluzioni

Italia: la situazione è grave e non esistono soluzioni
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/08/2018 09:09:17

Sono al governo da circa tre mesi. I sostenitori di Lega e M5S continuano, imperterriti, con la solita solfa: “Facciamoli lavorare, aspettiamo”… Ci si deve chiedere quanto tempo dobbiamo essere disposti ad aspettare, dal momento che l’Italia non si trova in una condizione che permette attese di lunga, ma anche di media, proporzione.

Le cose non fatte prima, gli errori realizzati in precedenza, non possono continuare ad essere la scusante per chi al governo è attualmente o lo sarà domani: siamo in una situazione di emergenza e da molto tempo, non possiamo permetterci attese, errori, omissioni e mancanze.

Servirebbe un governo capace di rinstaurare un sistema politico reale, e non questi sistemi politici irreali che ormai da anni di politica hanno solo nome e facciata. D’altronde, è noto a tutti ormai come questa nazione sia stata mal gestita e fatta a pezzi dai vari governi in carica. Siamo alla canna del gas, e non ci serve un governo a cui dar tempo per risanare almeno un poco la situazione generale.

Ci vorrebbe un pool di esperti, ma di esperti veri. Ci vorrebbero persone in grado di riaprire un dialogo con la UE ma anche col resto dei governi mondiali da cui dipendiamo in maniera forte, economicamente e per ciò che riguarda le decisioni politiche nazionali che, sempre più spesso, derivano non da ragionamenti politici italiani, quanto da accordi e misure e progetti dettati da agende internazionali. Sbaglia chi pensa che ciò che accade in Italia derivi esclusivamente dall’intelletto di chi governa la nazione: costoro palesano una totale non conoscenza delle dinamiche di politica ed economia internazionale.

Ora, tornando al tema centrale: può il popolo italiano dar disponibilità di tempo al governo recentemente insediato? La risposta è solo una: no. La ragione è semplice: troppi danni sono stati arrecati nel tempo dalla collettività politica contro la collettività rappresentata dal popolo italiano. E questi danni, sia chiaro a tutti, sono stati resi possibili proprio dal popolo italiano, che ha perso da anni e anni la capacità di guardare alla realtà e di ribellarsi all’oppressione della corruzione e della mala gestione della nazione.

Oltretutto, i segnali di risanamento dei guai creati dai precedenti governi non ci sono: quelli del M5S hanno recentemente respinto un emendamento avanzato da LeU per la reintroduzione dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori – eppure il M5S in campagna elettorale prometteva di reintrodurlo – il governo ha appena bloccato 1,6 miliardi di euro che erano stati assegnati a oltre 360 Comuni per lavori di risanamento delle periferie, e molti di questi comuni sono grandi città italiane.

Non basta: in campagna elettorale, i 5 Stelle si dichiaravano nemici di misure come i voucher lavoro. Erano “precarizzanti” dicevano, bisognava cancellarli. Poi, eccoli salire al governo, e ad ampliare addirittura il raggio di possibilità di applicazione, aumentandone addirittura la validità, dai precedenti 3 agli attuali 10 giorni. Il mondo imprenditoriale ringrazia. Confindustria anche, e pochi italiani sanno come Confindustria, per ogni governo in carica, sia molto più importante dei diritti dei lavoratori, che non comandano certo sul potere delle industrie...

Danni che si sommano ai danni. E sono passati solo circa tre mesi. L’unico punto saldamente tenuto fermo dal governo in carica, appare essere l’ostruzionismo contro l’arrivo dei migranti: d’altronde chiudere i porti, persino alla Guardia Costiera Italiana, fa tanta scena e seda molti animi incazzati.

C’è però da fare un distinguo. Un conto è la situazione dell’Italia come nazione, che resta comunque a sedere tra i grandi del mondo. Un conto è la situazione strettamente relativa alle politiche sociali ed economiche, e quindi relative alla condizione della popolazione. E’ su questo tipo di politiche che l’Italia sta andando totalmente a ramengo, e serve – come ho già ribadito più volte – una fretta notevole, e non certo l’attesa speranzosa di un’intera legislatura.

E’ anche vera un’altra cosa: essendo interconnessi a livello internazionale, e dovendo realizzare misure che riguardano la società civile nella sua globalità secondo parametri di politica ed economia internazionali che non presuppongono il miglioramento della condizione delle popolazioni – basterebbe studiare un poco i trattati internazionali di commercio e sistemi politici come Tisa, Ceta e del TTIP - non è possibile sperare che vi possa essere qualcuno in grado di spaccare questa organizzazione politico-economica che ci domina tutti, e non può esser modificata. Non è che manchi il personaggio-chiave, manca la volontà a livello internazionale.

Di conseguenza, seppure è vero – ed è palese – che nessuno può trarci fuori dai guai, sempre peggiori, cui andremo incontro, non è però ammissibile che un popolo non abbia mai un moto di ribellione contro tutto questo.

In molti dicono: “E’ inutile, comandano loro”. Si, è vero: ma non provare a ribellarsi, rende complici.

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 992 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/08/2018 02:21:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/08/2018 06:50:57
Addio al Quantitative Easing: scenari economici futuri senza la garanzia della BCE

Nella pratica, è la banca centrale – nel caso dell’Europa la BCE – a  immettere nuova moneta, attraverso l’acquisto di nuovi titoli finanziari, che possono però essere sia titoli di Stato che titoli tossici. Quando avviene questo acquisto, accade subito una cosa: i titoli acquistati aumentano di prezzo, e diminuisce il rendimento. Senza voler troppo utilizzare termini tecnici e astrusi: questo abbattimento del rendimento, rende possibile una riduzione percentuale dei debiti che le famiglie contraggono nei confronti delle banche, e permette anche un'altra situazione positiva: i mutui di medio periodo hanno un costo minore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/08/2018 17:51:58
La religione più diffusa e potente al mondo? Quella del Dio Denaro

Riflettiamo: su cosa si basa ogni criterio umano? Non certo sui sentimenti di buona fattura, e non certo sulla carità e sull’altruismo. Questa è roba da romanzetti rosa di inizio secolo scorso, visto che oggi tira di più la trilogia delle cinquanta sfumature di minchionate, piuttosto che un buon libro inchiesta su verità che possono cambiare la prospettiva e alimentare la capacità critica, o qualche buon saggio che esalti e sviluppi la cultura individuale.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/08/2018 08:41:04
I figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono

No, i figli non si comprano, non si abbandonano, non si uccidono. L’umanità, in special modo quella occidentale, deve riflettere su se stessa e sulla deriva – mentale e morale – che ha deciso di scegliere come parte integrante di una società senza senso alcuno.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 01/08/2018 18:22:28
Governo del cambiamento sì, ma in che senso?

Attenzione, ogni termine contiene sia l’accezione positiva sia quella negativa. Facciamo un piccolo esperimento. Se io dico “Il nostro sarà il governo del cambiamento” e lo dico dopo aver elencato le negatività realizzate dai governi precedenti, ecco che chi mi ascolta, assimilerà il termine con la sua accezione positiva. Farò quindi pensare a chi mi ascolta, che con il mio avvento al governo, le cose cambieranno in meglio.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -