Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Genova: crollati 200 metri del ponte Morandi. Ma si sapeva che i rischi c'erano...

Genova: crollati 200 metri del ponte Morandi. Ma si sapeva che i rischi c'erano...
Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2018 12:34:47

Terrificante quanto accaduto oggi a Genova, dove improvvisamente sono letteralmente crollati ben 200 metri del ponte autostradale Morandi. Entrambe le carreggiate sono precipitate al suolo in un volo di circa cento metri.

Ci sono vittime, ma al momento non si conosce il numero.  I soccorritori riferiscono di aver torvato diversi mezzi rimasti schiacciati con persone all'interno delle autovetture. Decine i mezzi coinvolti.

Alcuni mezzi pesanti sono invece stati sbalzati dentro al torrente Polvecera.

Sgombrate, in via precauzionale, due palazzine che si trovano in prossimità del ponte. 

Il ponte era stato costruito tra il 1963 e il 1967 dalla Società Italiana per Condotte Acqua. La stessa che aveva stretto affari con la 'Ndrangheta e che fu inquisita dalla Magistratutura. Al link seguente un articolo del 2012 apparso su Repubblica.

Lo scorso Maggio, il professor Antonio Brencich, docente di strutture in cemento armato alla Facoltà di ingegneria di Genova, aveva lanciato un allarme sul ponte Morandi.

"Il ponte della A10 va sostituito, o ricostruito" Brencich non usava mezzi termini per dire quello che tanti, senza conoscere il tema a livello tecnico, dicevano comunque da tanto tempo. 

"Così non si può andare avanti, anche perché i costi della manutenzione sono elevatissimi, non esiste che dopo trent’anni un’opera abbia già subito tanti lavori di manutenzione. Ci sono ponti in cemento armato che dopo cento anni non hanno ancora subito nessuna modifica”.

L'Italia della corruzione, dei lavori fatti male, utilizzando materiali che costano poco, sta presentando un conto altissimo ai propri cittadini.

Dopo una tragedia di queste proporzioni, dovremmo tutti scendere in strada per protestare contro tutto questo. Il nostro futuro, già critico per la condizione economica e ambientale, è messo in pericolo anche da situazioni di mala gestione delle infrastrutture.

Altro che Ponte sullo Stretto...Non è questa la nazione adatta alle grandi opere.

Vedrete, andrà a finire come altre tragedie di questo genere: apertura di inchieste, insabbiamento delle inchieste, a pagare...Nessuno.

E per chi avesse ancora qualche dubbio: in una interrogazione del Senato del 28 Aprile 2016 rivolta al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti quando vi era Graziano Delrio come Ministro, si mette nero su bianco che il Ponte Morandi a Genova era oggetto di un “preoccupante cedimento dei giunti”.

 

 

Il Professor Brenchich spiega le ragioni per cui il ponte andava rifatto.

 

 


L'articolo ha ricevuto 3104 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/11/2018 13:58:48

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 12/11/2018 16:30:16
Genova: donna precipita dal tetto di un palazzo e muore

E' stata trovata morta in via Maritano, nel quartiere di Begato, a Genova una donna di circa 35 anni. Secondo i primi rilievi effettuatu dai carabinieri si potrebbe trattare di suicidio.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/11/2018 06:16:13
Terrore sul treno Torino-Milano: sventata un'aggressione ai danni di due ragazze

Due giovani stavano rincasando dopo una giornata passata a lavorare a Torino quando, improvvisamente, davanti alle ragazze, si materializza un uomo. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 06/11/2018 17:14:55
Prescrizione: scontro Lega-M5S

«Riforma della giustizia, e anche della prescrizione, sono nel contratto di governo e diventeranno realtà: mettere in galera mafiosi e corrotti è una priorità della Lega"

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 05/11/2018 06:10:18
Cambiamenti climatici: vittime in Sicilia

Altre nove vittime, stavolta in provincia di Palermo, Contrada Cavallaro a Casteldaccia a causa dell'esondazione del fiume Milicia che ha letteralmente travolto una villa all'interno della quale due famiglie stavano trascorrendo la serata. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -