Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Migranti: basta con le false informazioni

Migranti: basta con le false informazioni
Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 06/12/2018 06:32:43

Ne sono partiti circa 29 milioni, tornati 10 e rimasti in 19 milioni. Sono gli emigranti italiani nel corso del tempo. Un Paese di migranti alla ricerca di lavoro e di una vita migliore, per sè e per le proprie famiglie che, spesso, rimaste a casa, riuscivano a vivere grazie alle rimesse in denaro. 

Infatti, ci fu un periodo nel quale le rimesse, provenienti dai soli Stati Uniti d'America, ammontavano a circa il 5% del prodotto nazionale lordo italiano: una enormità. 

Insomma, gli emigrati aiutavano gli italiani a casa loro.

Per memoria, a differenza di quanto comunemente si pensi, dal 1876 al 1925 (49 anni), il fenomeno della emigrazione ha visto primeggiare veneti e friulani e non la popolazione meridionale.

Come conseguenza della massiccia emigrazione, iniziarono a nascere molti pregiudizi contro gli italiani, definiti "emigranti indesiderati", e "feccia sporca, sventurata, pigra, criminale dei bassifondi", il che portò anche ad episodi di linciaggio. 

In Italia ci sono circa 5 milioni di immigrati residenti, cioè l'8,5% della popolazione residente; i romeni sono 1,2 milioni, seguiti dagli albanesi e dai marocchini con mezzo milione ciascuno; il 60% sono occupati. Le imprese di immigrati extracomunitari sono circa 366 mila.

Analogamente a quanto avveniva per gli emigrati italiani, gli immigrati extra comunitari in Italia, inviano a casa propria circa 4 miliardi di euro ogni anno, il che costituisce una vera e propria boccata di ossigeno per le famiglie rimaste nei Paesi di origine. Questi trasferimenti avvengono attraverso il sistema di money transfer e subiscono già una decurtazione del 6-10% per le commissioni.

La Lega, immemore della storia patria, ha proposto un nuovo prelievo dell'1,5% sui trasferimenti, il che smentisce quanto più volte affermato dal loro leader Salvini con la proposta di "aiutiamoli a casa loro". Si tratta di sottrarre 62 milioni, irrilevanti ai fini del nostro bilancio, che ammonta a 850 miliardi, ma importanti per le famiglie dei Paesi più poveri.
  
Insomma, l'immigrato regolare, che lavora, produce e aiuta la propria famiglia deve essere penalizzato dal ministro Salvini, il quale, tra l'altro, deve ancora dimostrare di saper affrontare i fenomeni malavitosi legati agli immigrati. 

L'importante è che il popolo creda alle bufale salviniane.


L'articolo ha ricevuto 432 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/01/2019 08:55:34

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Angela Urso - Redazione Politica
Data: 18/01/2019 07:03:58
Berlusconi si candiderà alle europee 'Per senso di responsabilità'

Ha deciso alla fine di candidarsi alle europee del prossimo 26 Maggio, Silvio Berlusconi, per "senso di responsabilità"

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 16/01/2019 06:52:20
Autonomia: Fontana, Governatore della Lombardia: 'Ministri 5S fanno resistenza'

L’impressione è che sia il m5s a fare un po’ melina? “Così io leggo su tutti i giornali  - risponde il Governatore a Radio 24 - e i nostri tecnici presenti a Roma per cercare di sciogliere gli ultimi nodi mi confermano che c’è una certa resistenza, in particolare da alcuni ministri del Movimento 5 Stelle.”

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 10/01/2019 06:49:21
Governo: Di Maio e le porcate

Il vicepremier Luigi Di Maio ha definito una "porcata" l'autorizzazione alle prospezioni e trivellazione in mare riguardante gli idrocarburi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 31/12/2018 06:28:51
Legge di bilancio: nessuna misura per le vittime dell'amianto

Nella legge di Bilancio del 2019 non sono previste misure per le vittime del dovere. La manovra ha bocciato due emendamenti sensibili sul tema, elaborati dall’avv. Ezio Bonanni, presidente Osservatorio Nazionale Amianto e richieste anche da altre associazioni di vittime del dovere. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -