Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Indonesia: Medici Senza Frontiere continua ad aiutare le vittime dello tsunami

Indonesia: Medici Senza Frontiere continua ad aiutare le vittime dello tsunami
Autore: Redazione Esteri
Data: 31/12/2018 06:40:51

L’ équipe di MSF continua a fornire assistenza medica

alle vittime dello tsunami nel distretto di Pandeglang

 

Ieri è stato il settimo giorno di attività per l’équipe di MSF ancora impegnata nel supporto medico ai centri sanitari di Labuan e Carita - tra le aree maggiormente interessate dallo tsunami che ha colpito lo Stretto di Sunda in Indonesia – l’intervento di una clinica mobile e lo svolgimento di visite mediche presso le comunità e i rifugi degli sfollati.


"MSF ha istituito due tipi di equipe mediche di emergenza, fisse e mobili. Stiamo supportando i centri sanitari esistenti e visitando le popolazioni colpite nelle comunità. Nei centri sanitari, MSF fornisce assistenza medica e assicura che i protocolli di prevenzione delle infezioni siano in atto", ha affermato Dirna Mayasari, vice coordinatrice medica di MSF Indonesia.


L’équipe di MSF ha anche avviato l’attività di pronto soccorso psicologico tra alcuni pazienti ammessi e nelle prossime settimane verrà lanciato un programma di salute mentale.

 

Fino a venerdì 28 dicembre, l'équipe di MSF ha curato e riferito 44 pazienti nei due centri sanitari di Labuan e Carita. La clinica mobile gestita da MSF ha curato 147 pazienti provenienti da dieci rifugi. MSF fornirà inoltre controlli medici a 12 donne incinta e altri 13 pazienti. Sono stati identificati anche alcuni pazienti che necessitano di medicinali per malattie croniche.


Secondo la valutazione di MSF, i bisogni medici urgenti dei sopravvissuti allo tsunami includono: controlli medici efficaci per i pazienti con traumi e con malattie croniche; assistenza prenatale e postnatale e parto sicuro per donne incinta; e la diagnosi precoce di possibili epidemie.

 

MSF ha anche riscontrato un accesso limitato all'acqua e ai servizi igienici in quasi tutti i rifugi delle persone sfollate. Anche il livello generale dell'igiene e della salute pubblica devono essere migliorate insieme al sistema di distribuzione del cibo e la fornitura di coperte e lenzuola, soprattutto in questa stagione delle piogge. Per questo MSF si sta coordinando con le autorità locali per migliorare questi aspetti.


Possibile ampliamento degli interventi medici di MSF

MSF sta valutando l'espansione dei suoi interventi medici per coprire anche il distretto di Panimbang, situato nella parte meridionale di Pandeglang.


"Panimbang è una delle aree più colpite e difficili da raggiungere. Ci sono molte persone in questa zona che non hanno ancora ricevuto assistenza medica e supporto" ha detto dott. Nyi Wynn Soecoordinatore medico di MSF Indonesia.


Sulla base di un rapido studio di valutazione condotto da MSF, i villaggi nel distretto di Panimbang sono piuttosto remoti e le persone colpite sono sparse tra le comunità ospitanti sulle colline. Durante una prima missione di MSF nella zona, in collaborazione con i centri sanitari indonesiani interessati, l’équipe ha curato alcuni pazienti incontrati lungo il percorso e li ha trasferiti in un ospedale.

 


L'articolo ha ricevuto 352 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/01/2019 09:58:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/01/2019 06:41:15
Nigeria: violento attacco a Rann migliaia di persone fuggite in Camerun

Diverse migliaia di persone sono fuggite da Rann nel nord-est della Nigeria a seguito di un violento attacco alla città avvenuto il 14 gennaio.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 13/01/2019 08:40:54
Cesare Battisti catturato in Bolivia

Battisti è stato arrestato alle 17 di ieri ( 22:00 in Italia) da una squadra speciale dell'Interpol formata anche da investigatori italiani e brasiliani.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/01/2019 06:44:09
Nigeria nord-orientale: una crisi umanitaria senza fine

Nel nord-est della Nigeria l'emergenza è tutt'altro che finita per i quasi due milioni di persone costrette a fuggire dalle loro case negli ultimi nove anni.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/01/2019 06:18:15
Arabia Saudita: tre persone giustiziate per spaccio di droga

Un cittadino pakistano e due egiziani sono stati giustiziati in Arabia Saudita per traffico di droghe, ha comunicato il Ministero dell'Interno di Riad il 1° gennaio 2019.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -