Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Presentazione Libro  
Perché non possiamo fare a meno dell'Europa - di Alessandro Volpi - Ed. Altreconomia

Perché non possiamo fare a meno dell'Europa - di Alessandro Volpi - Ed. Altreconomia
Autore: Redazione Cultura
Data: 17/01/2019 06:24:12

"Perché non possiamo fare a meno dell'Europa"
Nel giorno del no al “Brexit deal” e a pochi mesi dalle elezioni europee, un libro contro la retorica anti-euro di sovranisti e populisti
Alessandro Volpi spiega con chiarezza tutte le buone ragioni per restare europeisti

L'Europa è sotto attacco. Il Regno Unito della Brexit è a un passo dal “no deal”, l'uscita dalla Ue senza alcun accordo. L’egoismo sovranista e le nostalgie autarchiche in diversi Paesi - Italia compresa - mettono in discussione l’Unione europea, l’euro e l’idea stessa di Europa, con le elezioni europee alle porte. La retorica dei suoi detrattori la addita come istituzione “matrigna” e, in maniera del tutto aprioristica, origine di tutti i mali nazionali.

Ma in realtà ci sono ottimeragioni per restare europeisti, seppur in modo critico e costruttivo. Alessandro Volpi, docente al Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Pisa, le spiega nel libro “Perché non possiamo fare a meno dell'Europa”, dal 31gennaio in libreria per Altreconomia edizioni. Un saggio che affronta - con successo - la complessità del tema e contrappone la forza dei fatti alla vacuità degli slogan, smontando le visioni nostalgiche delle monete nazionali, le tesi autarchiche, le derive protezionistiche e la logica dei muri eretti contro i migranti.

La storia, la geografia e soprattutto la logica economica affermano, con chiarezza, che l’Europa e la sua moneta sono indispensabili. L’autore affronta punto per punto 10 grandi questioni legate all’Europa: le dure ripercussioni di un’eventuale uscita del nostro Paese dall’euro e l'assurdità della nostalgia per la lira; le condizioni a cui si possono tenere sotto controllo il debito pubblico e i suoi interessi; il ruolo fondamentale della BCE; il rapporto tra le politiche industriali e gli investimenti pubblici, necessari per far partire la ripresa; il delicato nodo della spesa sociale e della lotta alla povertà, che dovrebbe andare ben oltre i proclami dei politici; le conseguenze negative del protezionismo in termini sociali e ambientali; il “punto caldo” delle migrazioni; le oscillazioni tra principio di rappresentanza e un'infantile “democrazia diretta” fatta dai cosiddetti “popoli”. 

Con un occhio attento alla consultazione del prossimo maggio.

In maniera paradossale l’idea di Europa (…) - argomenta Volpi - è diventata il cuore del dibattito politico, attorno a cui aggregare visioni e famiglie di partiti e movimenti altrimenti inconciliabili. L’“inesistente” Europa è riuscita a occupare la scena tanto da fare delle prossime elezioni europee forse la prima consultazione di tal genere in cui l’essere a favore o contro l’Europa in modo del tutto generico definisce la sostanza della appartenenza e del consenso nazionale, e non più viceversa”. 

Scrive infine l'autore sulla necessità dell'Europa:

“Il perché sta, in estrema sintesi, nella sua indispensabilità, pur contestata e negata. Alla prova dei fatti, senza moneta comune e senza una per quanto flebile idea di Europa, i singoli Stati affonderebbero rapidamente (...)”. E conclude con un appello: “Si possono fare campagne elettorali perenni contro il Vecchio Continente, esaltando le piccole-grandi patrie, ma poi non è possibile chiamarsene fuori perché agli Stati europei non è concessa, dalla storia, dalla geografia, dall’economia, una ‘”normale” vita da separati. La politica dovrebbe capirlo”. 

Perché non possiamo fare a meno dell'Europa. Contro la retorica anti-euro di sovranisti e populisti”di Alessandro Volpi. Altreconomia edizioni, 144 pagine, 13,50 euro. In libreria e sul sito altreconomia.it


Alessandro Volpi è dottore di ricerca in Storia contemporanea ed è docente di Storia contemporanea, di Storia del movimento operaio e sindacale e di Storia sociale presso il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Pisa. Ha insegnato presso numerosi Master e corsi di perfezionamento in varie sedi universitarie italiane ed è autore di numerose pubblicazioni e articoli sulle tematiche della storia economica e dell’economia contemporanee. Collabora con il mensile Altreconomia e con il quotidiano Il Tirreno. È stato sindaco di Massa dal 2013 al 2018. Ha scritto “Mappamondo postglobale" (Altreconomia, 2008), “Una crisi tante crisi” (Pacini, 2009), “Sommersi dal debito” (Altreconomia, 2011), “La globalizzazione dalla culla alla crisi” (Altreconomia, 2013), “Fare gli Italiani, a loro insaputa. Musica e politica dal Risorgimento al Sessantotto” (Pacini, 2017). 

 

 


L'articolo ha ricevuto 384 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/02/2019 02:59:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Presentazione Libro

Autore: Cristina Negri - Redazione Cultura
Data: 20/02/2019 05:00:07
Memorie di un giovane disturbato - di Frédéric Beigbeder - Vague Edizioni

Memorie di un giovane disturbato, è il romanzo d’esordio del 1990 di Frédéric Beigbeder, scrittore, saggista e critico letterario, rimasto fino ad oggi inedito in Italia e appena pubblicato dalla casa editrice francofona Vague Edizioni di Torino. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 16/02/2019 07:05:32
‘Il caso Cesare Battisti’ - di Paolo Manzi - Paesi Edizioni

Un terrorista condannato in via definitiva per quattro omicidi compiuti negli anni Settanta, che è riuscito a evitare per ben quarant’anni il carcere

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 08/02/2019 06:27:42
Specchi nel cervello - di 	Giacomo Rizzolatti e Corrado Sinigaglia - R. Cortina Editore

Oggi sappiamo che le proprietà dei neuroni specchio non sono una bizzarria di una piccola porzione della corteccia, ma rappresentano un meccanismo fondamentale di funzionamento del nostro cervello.

Leggi l'articolo

Autore: Michelangelo Paolino - Redazione Cultura
Data: 05/02/2019 06:06:11
Arriva in Italia: 'Questo è il marketing' - di Seth Godin - Roi Edizioni

“Credo che l’unico modo per fare la differenza sia identificare chiaramente e comprendere le persone che state cercando di influenzare. Una volta che le avrete pienamente coinvolte, saranno felici di contribuire a spargere la voce.”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -