Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Libano: emergenza sanitaria nei campi profughi

Libano: emergenza sanitaria nei campi profughi
Autore: Redazione Esteri
Data: 31/01/2019 06:28:14

I sistemi fognari dei campi profughi che sono collassati sono soluzioni di emergenza progettate per brevi periodi, ma oltre 350.000 persone li hanno usati per quasi otto anni dall'inizio del conflitto” dice Beatriz Navarro, direttrice di Azione contro la Fame in Libano. "I nostri team stanno lavorando contro il tempo non solo per la risposta all'emergenza freddo, ma anche per introdurre miglioramenti tali da resistere all'impatto delle tempeste che potrebbero verificarsi nei prossimi due o tre mesiLe tende dei rifugiati sono molto vicine tra loro e non hanno un sistema di drenaggio adeguato. I rifugiati hanno scavato canali, ma non abbastanza profondi per deviare la quantità di acqua scaricata dalle ultime tempeste di pioggia e neve".

La gestione dei rifiuti e la salute pubblica

I nostri team stanno insegnando ai bambini l'importanza di una corretta gestione dei rifiuti per la salute di tutti. "Abbiamo distribuito contenitori e borse per migliorare la gestione dei rifiuti nei campi. I problemi sorgono quando i rifiuti generati sono maggiori della frequenza con cui i comuni li raccolgono. Questo problema è emerso ancor più forte con le ultime inondazioni nei campi". La tempesta Miriam del 17 gennaio ha fatto traboccare le fosse biologiche che si sono mescolate al fango. "Le famiglie hanno impiegato più di una settimana per pulire e rendere possibile il ritorno alle loro case" afferma Marcial Rodríguez, responsabile di Azione contro la Fame a Zahle, in Libano.

Alcuni dei campi profughi sono ancora allagati. Sono circondati da canali di irrigazione, in mezzo a aree agricole. "Durante la tempesta Norma del 6 gennaio, i canali si sono riempiti d'acqua troppo velocemente, allagando la fila di negozi sulle sponde. Le persone sono state costrette a trasferirsi anche prima dell'arrivo di Miriam e ancora, non si sentono sicure nel tornare alle loro case" spiega Marcial "Abbiamo distribuito pallet affinché possano tenere i materassi all’asciutto sul terreno ancora umido".

Bambini e anziani si ammalano per il freddo e l’umidità

L'umidità persistente è causa di influenza, polmonite, febbre, allergie soprattutto tra bambini e anziani. I campi circondati dai canali di irrigazione non sono ancora completamente asciutti dopo le tempeste e sono diventati terreno fertile per batteri e cattive condizioni igieniche. "Nonostante gli sforzi delle persone per mantenere una minima igiene personale e pulire i negozi, il fango rende tutto vano. Inoltre, il reddito che la popolazione ha qui è molto limitato poiché si limita alla stagione agricola e durante l'inverno dipendono completamente dagli aiuti umanitari dall’esterno"


L'articolo ha ricevuto 592 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/02/2019 03:39:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/02/2019 05:07:35
Nigeria: migliaia in fuga verso il Camerun

Più di 35.000 rifugiati nigeriani hanno attraversato il confine con il Camerun nelle ultime settimane dopo l’acuirsi delle violenze nei dintorni della città di Rann, in Nigeria nord-orientale. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/02/2019 06:52:42
Ebola in Repubblica Democratica del Congo: si studiano nuovi farmaci

I quattro trattamenti valutati dallo studio clinico, Remdesivir, mAb114, REGN-EB3 e ZMapp, sono stati somministrati sin dall'inizio di questa epidemia seguendo il protocollo MEURI

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 08/02/2019 06:53:30
Nauru: MSF avvia telemedicina per assistenza psicologica ai suoi ex-pazienti sull’isola

Medici Senza Frontiere (MSF) avvia oggi un servizio di telemedicina per fornire assistenza psicologica gratuita ai suoi ex-pazienti sull’isola di Nauru, in Australia, tra rifugiati, richiedenti asilo e popolazione locale.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista di Virginie Bloch-Laine
Data: 05/02/2019 06:43:45
Genocidi e negazionismo: un'operazione di dissimulazione della realtà

Cosa si sa oggi dei genocidi? Le ricerche più recenti hanno aggiornato il modo di affrontare i crimini di massa? Come insegnare e lottare contro il negazionismo?

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -