Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ipovedenti e ciechi potranno 'leggere' libri grazie al progetto Audiolibri

Ipovedenti e ciechi potranno 'leggere' libri grazie al progetto Audiolibri
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/03/2019 06:23:33

Donare la propria voce si può? Sì, se essa può essere di supporto, e di conforto, per esempio a ipovedenti e ciechi. È questo il criterio alla base del progetto “Audiolibri” lanciato dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Onlus Consiglio Regionale della Puglia in collaborazione col Centro Regionale dell’Audiolibro.

In pratica, si potrà prestare – in forma volontaria – la propria voce, per registrare la lettura di libri di ogni genere così da renderli fruibili a coloro che, non avendo la facoltà della vista, non possono leggerli.

Un’iniziativa intelligente e condivisibile, che non solo rende un servizio utile a chi non può leggere, ma permette a chi desidera donare un po’ del proprio tempo al volontariato di farlo attraverso una modalità nuova, che mette in comunicazione le persone pur non entrando in contatto reale.

La voce è un elemento meraviglioso. Comunica non solo parole e concetti, ma anche emozioni. Attraverso l’intonazione della voce trasmettiamo, e riceviamo, impulsi emozionali che rendono la comunicazione un’esperienza personalissima e irripetibile. Di una voce ci si può innamorare travalicando l’aspetto fisico.

Chi lavora in radio sa di cosa parlo. Più che mai oggi, in un periodo storico in cui la comunicazione tra esseri umani è affidata sempre più spesso agli strumenti digitali: “chiacchieriamo” in chat, discutiamo via sms, ma manca l’intonazione, quell’elemento che trasmette ciò che realmente scaturisce dai nostri pensieri. Non sono rari i casi di liti sorte in chat proprio a causa di un’errata decodifica di una frase, di un tratto di discorso, che se unicamente assimilato in forma scritta, perde del reale contenuto di chi la inoltra.

Dovremmo tutti tornare a una dimensione più umana della comunicazione interpersonale. È importante, per non deviare per sempre il significato di un ragionamento, di un sentimento, di un’emozione che solo attraverso il parlato può esser meglio assimilato.

Tornando all’iniziativa dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della Puglia, chi desidera prestare volontariamente la propria voce per la registrazione della lettura di libri, da offrire in fruizione a ciechi e ipovendeti, può avanzare la propria candidatura scrivendo alla mail: donalatuavoce@uicibrindisi.it specificando i propri dati personali, comprensivi di recapito telefonico e indirizzo email e indicando il genere preferito per la lettura. Inoltre, è richiesto di indicare – genericamente – quanto tempo si è disposti a dedicare a questa forma di volontariato – su base settimanale o mensile - e se si è in possesso del materiale necessario alla registrazione, sapendo che basta utilizzare il microfono del PC per ottenere un buon risultato.

In ultimo, è necessario allegare una breve registrazione vocale di un testo a scelta. Bastano tre minuti per dar modo ai selezionatori di appurare se si è in grado di realizzare una registrazione di qualità e una lettura piacevole.

Per ulteriori informazioni, è possibile telefonare ai numeri  0831 526105 oppure 329 6826213 nella fascia oraria che va dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  


L'articolo ha ricevuto 768 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/06/2019 00:13:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/06/2019 07:08:16
Ci stanno ingabbiando nel nome della Democrazia

La capacità economica della classe media, in qualsiasi nazione, è stata abbattuta notevolmente e non sembra arrestarsi la china intrapresa. Il lavoro è stato reso un onere da vivere pur di campare, ma male. Oltre la metà di quanto si guadagna è assorbito - in un paese come l’Italia – dalle imposte sul lavoro. Si fatica oltre sei mesi l’anno facendo volontariato. Per lo Stato.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2019 07:05:45
Notizie: c’è penuria di quelle buone

Ogni santo giorno, dalla lettura della prima rassegna stampa al mattino e fino a tarda sera, non c’è modo di scovare qualcosa di positivo, positivo davvero intendo, per ciò che riguardi la politica nazionale e internazionale, il clima e l’ambiente, l’economia e la cronaca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/05/2019 12:41:44
Cronache da Babilonia

Vuoi aver diritto di parola? Devi sapere cosa dire e come. Non è un’opinione personale, bensì un criterio logico. Di conseguenza, prima di urlare alla dittatura, prima di rendersi simili a un sistema politico che urla ma non spiega, impreca ma non realizza, propaganda ma non onora le promesse, sarebbe necessario e urgente ripensarsi come popolo...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -