Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Magrezza e obesità: le contraddizioni dell’attrazione fisica

Magrezza e obesità: le contraddizioni dell’attrazione fisica
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/03/2019 06:08:51

L’immagine esteriore è diventata predominante rispetto all'aspetto interiore. Chi se ne frega se all’aspetto fisico, giovane e prestante, non corrisponda un cervello pensante, un animo ricco, un cuore ricco di sentimenti ed emozioni, una storia di vita che parli dell'essere umano più della sua immagine.

Sembra essere questo il pensiero largamente condiviso nel mondo occidentale del terzo millennio.

Oggi i diktat dell’immagine impongono a tutti di essere magri, perennemente giovani e in gamba, performanti. Tra apparire ed essere, milioni di persone di ogni estrazione sociale scelgono, sempre più spesso, la prima opzione. Spinti da un delirio di eterna giovinezza e di prestanza fisica, costoro passano ore in sala cardio, spendono fortune per inquietanti operazioni di chirurgia plastica e un mucchio di denaro per mantenersi snelli, sodi, muscolosi. "Giovani".

Altro dato interessante: nel nostro paese, ogni anno, in integratori alimentari si spendono tre miliardi di euro. Gli integratori più gettonati sono quelli che dovrebbero aiutare a perdere peso.

Il condizionale è d’obbligo perché nonostante la presenza sul mercato nazionale di oltre 73.000 integratori alimentari di diverso genere e dedicati a svariate soluzioni a carenze organiche o che promettono di sostenere la perdita di peso,  non esistono evidenze scientifiche che confermino come la loro assunzione porti al risultato sperato. Anzi. Nella migliore delle ipotesi questi integratori non hanno alcuna azione positiva sull'organismo. Nella peggiore, possono danneggiarlo.

Il periodo di maggiori vendite è sempre la primavera. Con la chimera di poter dare una sferzata di energia a un organismo maltrattato durante i mesi invernali e pur di perder peso velocemente, molti corrono in farmacia o nelle erboristerie, per acquistare capsule, sciroppi, gocce e tutto il corollario dei prodotti che il mercato offre. Un delirio sostenuto da massicce campagne pubblicitarie.

E se un tempo era il genere femminile a prestare maggiori attenzioni all'aspetto fisico, oggi il mondo maschile si affianca quasi alla pari nella corsa al raggiungimento di un'immagine esteriore ritenuta vincente, prioritaria rispetto ad altri fattori.

Eppure, esistono realtà completamente differenti, come per esempio quel che accade in Mauritania. Contrariamente ai diktat occidentali in materia d’immagine esteriore, in questa nazione dell’Africa Occidentale i parametri relativi alla bellezza femminile appaiono completamente ribaltati. Una donna, per attrarre un uomo, deve essere in carne, molto in carne, deve - praticamente - essere obesa. Questo criterio è talmente sentito da generare ciò che per noi appare essere un comportamento dai contorni insani.

Le bambine che nascono in Mauritania sono letteralmente messe all’ingrasso, come si fa con le oche per la produzione del paté, per ottenere che diventino obese. Il loro peso deve arrivare al quintale, e in tempi abbastanza celeri, con una dieta alimentare da far scoppiare il fegato. Come le oche, appunto. Questa pratica, che per anni era stata un po’ messa da parte, è riaffiorata recentemente in maniera diffusa nelle aree rurali, e si chiama gavage.

Risale a tempi antichi, quando tra le popolazioni berbere un uomo era considerato più o meno ricco in base al numero degli schiavi che possedeva. Questi schiavi permettevano alla moglie di oziare da mane a sera, facendola ingrassare notevolmente. Ciò, però, palesava uno stato di ricchezza: se tua moglie è obesa significa che hai tanti schiavi e sei ricco.

Addirittura, esistono centri specializzati all’interno dei quali queste povere creature vengono sottoposte a diete ingrassanti forzate, che comprendono – quotidianamente – due tazze di burro mischiato a due chili di miglio oltre a 20 litri di latte di cammella. Sembra che oltre a questa dieta forzata, costringano le bambine ad assumere ormoni, dello stesso tipo che viene utilizzato per far ingrassare gli animali.

Incredibile ma vero. Tutto questo genera in molti casi problemi cardiovascolari. Molte di queste bimbe muoiono d’infarto, ma questa pratica continua a essere diffusa.

A ogni latitudine, la percezione della ricchezza passa attraverso l’aspetto fisico, anche se in questo caso in maniera opposta a quella occidentale. Da noi, oggi, magrezza e aspetto giovanile corrispondono a uno status sociale agiato. Altrove, in contesti più poveri e disagiati, è l'obesità a dimostrare l'agiatezza economica. 

Tra la smania di apparire attraverso visi perennemente giovani e corpi modellati e le tradizioni africane che, in alcuni luoghi, impongono di ingrassare a ogni costo, sarebbe necessario porsi in una dimensione di equilibrio. Un conto è vivere in maniera sana, godendo anche del cibo e dell’attività fisica. Un conto è esagerare portando il proprio organismo, in un senso o nell’altro, a stress che possono portare danni di grave entità invece degli sperati esiti.

La via di mezzo è sempre la scelta migliore. 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  


L'articolo ha ricevuto 1472 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/06/2019 12:38:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/06/2019 07:25:22
Parità scolastica: in Italia resta un miraggio

Permettere anche ai meno abbienti di formarsi attraverso la formazione privata e riconosciuta dallo Stato, che offre migliori servizi e maggiore qualità, è certamente uno degli elementi fondamentali di una vera democrazia. 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/06/2019 07:08:16
Ci stanno ingabbiando nel nome della Democrazia

La capacità economica della classe media, in qualsiasi nazione, è stata abbattuta notevolmente e non sembra arrestarsi la china intrapresa. Il lavoro è stato reso un onere da vivere pur di campare, ma male. Oltre la metà di quanto si guadagna è assorbito - in un paese come l’Italia – dalle imposte sul lavoro. Si fatica oltre sei mesi l’anno facendo volontariato. Per lo Stato.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2019 07:05:45
Notizie: c’è penuria di quelle buone

Ogni santo giorno, dalla lettura della prima rassegna stampa al mattino e fino a tarda sera, non c’è modo di scovare qualcosa di positivo, positivo davvero intendo, per ciò che riguardi la politica nazionale e internazionale, il clima e l’ambiente, l’economia e la cronaca.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -