Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Notizie: c’è penuria di quelle buone

Notizie: c’è penuria di quelle buone
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2019 07:05:45

Noi giornalisti - intendo noi che non ci occupiamo di gossip o settore agroalimentare, passando le giornate tra i salotti vip o le sagre stagionali -  abbiamo tutti un problema: essere immersi, da mane a sera, nella cattive notizie, ci fa lottare contro la depressione (a chi non verrebbe) e anche contro la tentazione di mandare tutto a ramengo.

Ogni santo giorno, dalla lettura della prima rassegna stampa al mattino e fino a tarda sera, non c’è modo di scovare qualcosa di positivo per ciò che riguarda la politica nazionale e internazionale, il clima e l’ambiente, l’economia e la cronaca.

Oggi al telegiornale di Canale 5 della fascia oraria centrale, hanno fornito una buona notizia, di quelle che fanno scendere una lacrimuccia e venire la pelle d’oca.

Presso l’Ospedale Bambin Gesù di Santa Marinella, nei reparti che accolgono bimbi affetti da gravi malattie, tra le flebo, le pasticche e le iniezioni che fan parte delle terapie quotidiane, esiste anche la Pet Terapy: cani e cagnolini fanno tornare il sorriso ai bimbi malati.

…Peccato che si tratti di una notizia vecchia di anni, in quanto questa lodevole iniziativa fu lanciata, in via sperimentale, nel 2012.

Non che oggi non sia una cosa da ricordare, dal momento che l'iniziativa è ancora attiva, ma il fatto di dover andare indietro nel tempo per racimolare qualcosa di bello e buono da raccontare, fa davvero riflettere sul livello di esasperazione, di cattive notizie quotidiane, di politica ed economia che lasciano tutti noi parecchio perplessi, e che non ci fanno intravvedere nulla di buono o di migliorativo all’orizzonte.

Passiamo ormai attraverso le onde schizofreniche delle dichiarazioni istituzionali, che cambiano esattamente come cambia il tempo: più volte in una sola giornata. Il clima con le sue bizzarrie ci fa ricordare con nostalgia le quattro stagioni, e non quelle  di Vivaldi, quanto quel periodo più umano e normale, in cui gli organismi umani potevano contare di adattarsi alle modificazioni delle temperature, proprio grazie ai passaggi moderati da una stagione all’altra.

Niente, spazzato via tutto. Dobbiamo rafforzarci interiormente e ficcarci in testa che la tendenza, a tutto tondo, è e resterà questa. Anzi, probabilmente peggiorerà.

Accendere la tv è diventata un’esperienza dai contorni spesso allucinanti. Urla, invettive e parolacce ovunque. Gli strafalcioni sono ormai all’ordine del giorno, anche da parte di chi conduce i telegiornali.

Le uniche trasmissioni ancora sostenibili, almeno dal mio punto di vista, sono quelle di cronaca nera e alcune di dibattito politico, ma non tutte. Rai Storia resta un balsamo potentissimo contro la cialtroneria televisiva e il trash. Tra poco, peraltro, a causa della stagione estiva, chiuderanno per ferie proprio le trasmissioni migliori. Prima di Settembre toccherà trovare qualche buon diversivo.

Non so cosa consigliare, o forse si. Un detto recita: “Non esiste cattivo tempo, solo cattivo equipaggiamento”.

Contro il trash, l’ignoranza e l’arroganza, posso consigliare di fare scorta di un buon numero di libri.

Contro le dichiarazioni propagandistiche che giungono ogni dì dal mondo della politica, posso consigliare di leggere quantomeno quotidiani che rendano possibile la comprensione dei fatti. Ognuno scelga secondo il proprio istinto e dopo aver letto, tragga le proprie conclusioni.

Contro il caldo…armiamoci di pazienza, di ventilatori e qualche condizionatore. Prevedo un’estate anomala. Tanto caldo, ma anche giornate terribili, di pioggia, vento e freddo. Per il secondo anno consecutivo, il mio cambio di stagione avverrà a metà: abiti per ogni avenienza.

Equipaggiamoci. Non possiamo fare altro.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 2000 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/09/2019 09:57:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/09/2019 09:26:06
Italiani: un popolo di ignoranti che ha permesso il crollo del sistema paese

Non è un caso se nelle nazioni orientali si scenda in piazza già solo per una proposta di legge che, qualora venisse ratificata, porterebbe a un diverso assetto del sistema politico e sociale. Le manifestazioni che, dallo scorso aprile, incendiano le strade di Hong Kong sono una prova concreta di come altrove le cose vadano in maniera diversa rispetto all’Italia. La gente comprende cosa accade e reagisce di conseguenza. Non ci stanno a farsi trattare da pecore perché pecore non sono.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/08/2019 13:26:08
L'Italia ha due grandi problemi: il popolo e il criterio di democrazia

A molti la svolta salviniana non è andata giù. Alcuni hanno pensato a un’insolazione, beccata magari durante la giornata al Papeete con tanto di cubiste e qualche drink estivo. Insomma, chi pensava di potersene stare in panciolle almeno fino a settembre, si è beccato una sonora fregatura.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 21/08/2019 07:42:00
Una crisi della Madonna

Nutro qualche dubbio su ciò che dicono in queste ora molti italiani, e cioè che Salvini non sia in grado di capire le scelte fatte negli ultimi giorni, e che solo per timore di perder la poltrona sia giunto addirittura a ritirare la mozione di sfiducia al Premier Conte. 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/08/2019 13:52:56
Crisi di governo: si poteva evitare scegliendo altre strategie

Salvini in questi mesi ha concentrato le sue energie verso la chiusura dei porti, per dimostrare a una fetta di elettorato che si poteva fare, ma ha dovuto incassare gli sbarchi metodici dei migranti dalle navi delle ONG che, puntualmente, li hanno trasferiti sulle nostre coste. Il Ministro degli Interni ha fatto un errore madornale: avrebbe dovuto puntare tutto sulla spiegazione del perché i migranti arrivino tutti sulle nostre coste, invece di abbracciare la missione – impossibile - di sbarrare loro l’accesso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -