Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ingiurie, offese, parolacce: è arrivato il momento di smetterla

Ingiurie, offese, parolacce: è arrivato il momento di smetterla
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/06/2019 10:46:13

 

*questo articolo è dedicato a coloro che si comportano come descritto di seguito. Coloro che non si permetterebbero mai indecenze simili non si sentano offesi.

********

A qualcuno potrebbe sembrare esagerato quanto sto per scrivere, e il fatto che possa accadere davvero è la conferma che siamo arrivati oltre il limite consentito.

Ingiurie, offese, parolacce. Dalla tv ai social network. Sono calati i filtri, quei filtri che in troppi considerano “fuori moda”. Come se il diventare volgari e maleducati oltre il consentito possa esser considerato “moderno” o frutto di una società evoluta.

Cari miei: siete tornati di molti passi indietro nel percorso dell’evoluzione.  Vi comportate come trogloditi incapaci di contenere ogni emozione e sentimento, in special modo se si tratta delle peggiori manifestazioni.

Avete necessità di addentare, virtualmente, carne dei vostri simili, per poi sputarla oltre i confini del monitor del vostro PC o del vostro Smartphone, prolungamento incivile del vostro cervello.

Chi pensa che il filtro di uno schermo consenta la possibilità di uscire da qualsiasi binario di civiltà è incivile a prescindere. Non catalogabile a livello umano. E se nessuno porrà un freno a questa china, a breve saranno sovvertite tutte le regole della civile convivenza. Invece di un “Buongiorno” attendiamoci un “Vaffanculo”. Al posto di un “Ti amo” un bel “Quanto fai schifo”.

Non scherziamo, cortesemente. Questo è un manicomio. E non scherziamo nemmeno con la legge, dal momento che palesemente in pochi la conoscono.

Tempo fa uscì un mio pezzo su Libero proprio sull’argomento delle ingiurie e offese proferite sui social. Ecco l’immagine dell’articolo:

Coloro che si appellano a  una sentenza della Cassazione dello scorso anno, quella attraverso la quale fu archiviata la denuncia di una ragazza romana, pesantemente offesa da un ex amico sui social, non deve affatto far trionfare, quanto riflettere anche sulla superficialità attraverso la quale anche la giustizia stia remando contro ogni coerenza. La sentenza ammette le ingirue subite, e non solo: che volete che sia, se sui social, ci si sfoghi un poco? A questo siamo arrivati. A un sistema talmente andato alla malora, da dover presupporre che esistano sfogatoi di rabbia popolare: i social.

Esiste un articolo del codice penale – il 595 – che prende in esame proprio questo tipo di reato: la diffamazione a mezzo social. Proprio il fatto che su un social network le offese possono esser lette da un numero molto alto di persone, aumenta il danno nei confronti della vittima.

Se questo lo chiamate “società moderna”, se la considerate civiltà evoluta, state sbagliando e di grosso. Non è alzando i toni, non è comportandosi da trogloditi ignoranti che si compone una società civile. E se l’inciviltà la preferite alla civiltà, assumetevene i rischi.

Dalle parole ai fatti il passo è breve. E se oggi vi appare innocuo usare il turpiloquio contro gli esimi sconosciuti incontrati virtualmente, domani dovrà per forza apparirvi normalissimo comportarvi nella stessa maniera con chi incrociate per strada.

Fermatevi, perché forse siete ancora in tempo. Forse. Ma non ne sono certa: questo è ciò che ha prodotto un certo tipo di “cultura”. Quella dei Vaffa Day e della confidenza presa senza esser stata concessa. Mai avrei pensato che si arrivasse a tanto. Sui personaggi politici si può pensare come meglio si crede, ma arrivare a questo no, mai. Il male continua a essere banale. Ma non va banalizzato. Mai.

Mi fanno ridere quelli che fanno un gran bordello per certi titoli su Libero: poi, però, non guardano al vero problema. Gli attacchi hater, le insolenze, quelle reali, l'aggressività profusa ormai contro ogni persona, ogni personaggio politico, ogni sconosciuto, per il solo fatto di averlo li, a portata di mano, sul monitor di un PC. E' arrivato il momento di smetterla.

Ecco a che livello siamo arrivati: è ammissibile? No. Questo tweet è indirizzato a Matteo Salvini.

 

Il 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 1760 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/07/2019 17:33:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/07/2019 15:25:23
Fake news: una situazione gravissima che sta modificando l’opinione pubblica

Non è da sottovalutare quanto sta accadendo. La diffusione di fake news, o di notizie reali ma diffuse con l’intento di modificarne il senso, ha già ampiamente cambiato la percezione che l’opinione pubblica ha su questioni importanti legate alla politica, all’economia e alla società in cui viviamo.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/07/2019 06:09:38
Di fronte al Dio Denaro troppa gente si genuflette

Il denaro è un concetto quasi astratto. Pezzi di carta e rondelle metalliche sui cui viene apposto un valore nominale. Se a suo tempo fosse stato deciso che al posto dei pezzi di carta e delle rondelle metalliche l’elemento di valore dovessero essere le conchiglie, sarebbe stato sterminato il mare alla loro ricerca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/06/2019 07:25:22
Parità scolastica: in Italia resta un miraggio

Permettere anche ai meno abbienti di formarsi attraverso la formazione privata e riconosciuta dallo Stato, che offre migliori servizi e maggiore qualità, è certamente uno degli elementi fondamentali di una vera democrazia. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -