Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ogni volta che Di Maio esulta in Italia muore un pezzo di Democrazia

Ogni volta che Di Maio esulta in Italia muore un pezzo di Democrazia
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/10/2019

Ecco una nuova chicca, un altro passo avanti del “nuovo che avanza”:  ieri è stato approvato il taglio di 345 parlamentari. Ne siederanno in Parlamento 600 degli attuali 945. Evviva! Brindiamo… per cosa, però, a molti non è chiaro.

Quello del taglio dei parlamentari è uno dei leitmotiv del Movimento 5 Stelle, che ai tempi in cui dichiarava di voler “Aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno” prometteva che un giorno un po’ di quel ben di Dio di denaro pubblico sprecato sarebbe finalmente stato risparmiato.

Per giungere a questo miracolo, sarebbe stato necessario sforbiciare. Sulle spese sempre più esose per il mantenimento dei ministeri? No. Sugli incredibili stipendi e sulle pensioni dei parlamentari? Macché. Su uno dei fondamenti di qualsiasi nazione in cui viga una forma di repubblica a regime democratico: il numero dei parlamentari che devono poter garantire il criterio di pluralità.

Significa che, ogni poltrona riempita in parlamento, deve servire a dar voce ai cittadini, che in quei luoghi non sono autorizzati a ficcarci nemmeno un capello, tranne in rari casi quando in determinate occasioni le scolaresche vengono invitate a fare “Oh…” come in una canzone di Povia.

Ora il dado è tratto, anzi: i parlamentari diminuiranno di numero. Sul Blog delle Stelle da ieri appare un post:  “Approvato il taglio dei parlamentari: Promessa mantenuta”! certo, promessa mantenuta, come il reddito di cittadinanza, o come quella relativa a entrare in parlamento. Peccato che, quando si formula una promessa, in special modo se a farla è un partito politico, sarebbe necessario spiegare a dovere le reali intenzioni, cosa contiene la promessa, a cosa porterà.

Un conto è promettere a  un amico, un parente o un coniuge: andremo in vacanza qui, te lo prometto. Un altro conto è dichiarare, e quindi promettere, cose del tipo: “Cancelleremo la povertà”! oppure “Apriremo il parlamento come una scatoletta di tonno” e ancora “Taglieremo il numero dei parlamentari” me sottacere cosa si intenda davvero.

Sul reddito di cittadinanza ho scritto tanto e da tempi non sospetti, anche sul quotidiano Libero con cui collaboro. Inutile tornarci sopra. In cinque mesi dal varo, chi ha avuto occhi per vedere, orecchie per sentire, ma soprattutto cervello per capire, non ha necessità che io torni sull’argomento. Sulla scatoletta di tonno, che promettevano di aprire al pari di una scatoletta di tonno, è vero lo hanno fatto: ma al solo scopo di ficcarcisi dentro, e poi chiudere nuovamente il coperchio.

Taglio dei parlamentari: missione compiuta. Ma a che servirà? Non certo ad abbattere le spese, dal momento che, come si vocifera da tempo negli ambienti politici, si dovrà capire dove redistribuire i maltagliati, che in questo caso non sono un tipo di pasta della tradizione culinaria nazionale, bensì i destinatari della legge di riforma appena approvata.

Poi: chi sarà “tagliato” e perché? Non è dato saperlo, così come non è ancora confermato che, malgrado la misura sia stata approvata a maggioranza, la Costituzione subirà davvero questo martirio di una delle colonne portanti della democrazia: la pluralità. Perché forse pochi italiani sanno davvero come funzionano i seggi.

Ecco qua una sintetica spiegazione: ogni deputato e senatore rappresenta un tot numero di abitanti. È per tale motivo che, quando si va ad elezioni, è importante il numero dei voti ottenuti, in quanto corrisponde al numero dei seggi in parlamento.

Attualmente, il numero di cittadini per singolo deputato è pari a 96.000 mentre ogni singolo senatore rappresenta 188.424 italiani. con la riforma di cui stiamo parlando, a ogni deputato corrisponderanno 151.210 abitanti e a ogni senatori 302.420.

È chiaro, ora, il criterio di pluralità? Chi siede su quelle poltrone, non dovrebbe farlo per pensare ai fatti propri o del partito che rappresenta. Ogni singola parola dichiarata in aula, è come se la stessero dicendo i cittadini di cui si fa portavoce.

A parte questo, il taglio non avverrà se non in presenza di alcune cose: prima di tutto, è necessario che si verifichi lo scioglimento delle camere. In secondo luogo, essendo una riforma costituzionale -  art. 138 della nostra Costituzione -  e poiché la legge ha ottenuto la maggioranza assoluta, può essere sottoposta a referendum confermativo, ma solo se a chiederlo sarà un quinto dei componenti di una camera, oppure da cinque consigli regionali o, ancora, da 500.000 elettori.

Cosa porterebbe (e il condizionale è d’obbligo dal momento che, se per esempio l’attuale governo cadesse prima del varo della riforma costituzionale, sarebbe un nulla di fatto) a livello di vantaggi, economici, politici e democratici questo taglio? A nulla, se non dare maggiore potere a deputati e senatori che parleranno per conto degli elettori senza che questi ne abbiano contezza, le spese non saranno tagliate, perché i 345 andranno a ricoprire altri ruoli istituzionali e pagati con denaro pubblico.

Se una riforma serve, e urgentemente, è quella che deve prevedere la trasparenza assoluta in ambito parlamentare, unita a una legge che vincoli i parlamentari a non cambiare casacca almeno durante la legislatura, e infine, la riforma suprema, che tolga i troppi vantaggi di chi fa la furba scelta di far di tutto pur di entrare in politica. Di esempi, passati e recenti, non ne mancano. 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/12/2019 04:52:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di corposi finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/11/2019
Siamo tutti in pericolo!

Vogliamo continuare a perder tempo, a contare i morti, ad assistere alle passeggiate propagandistiche di questo o quel politico, puntualmente presenti dopo il verificarsi dell’ennesima tragedia che si poteva, e si doveva, evitare? 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/11/2019
Sardine: quando i movimenti spontanei rischiano di fiaccare l'energia del popolo

Ignorare i propri diritti, non conoscere a dovere cosa è lecito fare da parte del mondo della politica, permette ai governi di scaraventare sulla popolazione un numero enorme di misure che contrastano vivacemente con il criterio stesso di democrazia.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/11/2019
Fondo Salva Stati e dittatura economica

Riproponiamo questo articolo del nostro direttore, Emilia Urso Anfuso, pubblicato la prima volta nel 2012

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -