Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Conte promette meno tasse. Forse non ha letto il DL Fisco

Conte promette meno tasse. Forse non ha letto il DL Fisco
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/10/2019 18:30:07

 

Era dai tempi del governo Prodi che non si assisteva al fuoco incrociato di nuove tasse e imposte, a cui ora si sommano perversi sistemi di controllo fiscale tali da far inorridire persino George Orwell che, nel 1948, pubblicò 1984. Altro che “Grande Fratello”… Non che i governi successivi non abbiano contribuito ad aumentare la pressione fiscale, ma lo hanno fatto con un altro stile, aumentando qua ed elargendo la.

La nuova legge di bilancio e il dl fisco sono stati approvati– nottetempo of course – e non contiene le strabilianti dichiarazioni del bis premier Conte, che a parole parla della volontà di far uscire dal pantano della peggiore pressione fiscale d’Europa il popolo italiano. Quando mai…il testo definitivo è stato ora inviato alla  Commissione Europea, e presumibilmente il testo definitivo sarà presentato intorno al 20 Ottobre.

Per il resto, è una lunga serie di balzelli, alcuni ripescati dal passato altri generati la per là da un esecutivo affamato di coperture finanziarie e privo di capacità gestionali e finanziarie. Non per nulla, a capo dei ministeri e degli enti più importanti, abbiamo oggi persone che capiscono un fico secco come Pasquale Tridico a capo dell’INPS che non si è mai occupato di previdenza, o come il neo nominato Ministro delle Finanze Gualtieri: è un professore associato di Storia contemporanea. Cosa ci faccia a capo del ministero delle finanze resterà un mistero tra i tanti.

Sorvoliamo, dal momento che non ci si può far nulla, e passiamo ai fatti, anzi: alle nuove imposte che si sommeranno alle troppe già in essere e che serviranno al governo a raggranellare almeno 5 miliardi di euro.

Sul fronte casa, arriva la Nuova IMU che accorperà IMU e TASI con un incremento dell’aliquota pari allo 0,86 per mille.

Se stavate accarezzando l’idea di risparmiare qualcosa grazie alla cedolare secca sugli affitti concordati sappiate che l’aumento dell’imposta è del 25%: passerà dal 10 al 12,5%.

State per acquistare la prima casa? Tranquilli: ci sono aumenti anche per voi. L’imposta di registro passerà dagli attuali 50 a ben 150 euro.

Anche la lotta per la salvaguardia dell’ambiente avrà un peso non di poco conto sui bilanci familiari, in quanto attraverso la tassa sulla plastica un po’ tutti gli articoli in vendita aumenteranno di prezzo. Non basta, perché c’è già un problema: anche le plastiche generate da sistemi di riciclo saranno gravate dalla plastic tax. Prima hanno fatto si che le aziende che producono plastica si adeguassero con macchinari in grado di ottenere plastica dai sistemi di riciclo, ora li sommergono di tasse, che sicuramente ricadranno sui consumatori attraverso nuovi aumenti. Geniacci!

Andiamo avanti: avete un reddito superiore ai 100.000 euro? Siete ricchi e quindi dovrete pagare pegno, dicendo addio alle detrazioni fiscali al 19%.

Non è finita: ecco l’arrivo del bollo di 2,4 euro da apporre su ogni foglio necessario al rilascio di certificazioni che possono essere richieste dalle autorità giudiziarie in ambito penale.

Ma ecco la chicca: pensavate davvero che le accise sui carburanti sarebbero state abbassate o addirittura cancellate? Credete pure a Babbo Natale, ne sono certa… Dal 2021 il prezzo del gasolio sarà portato a quello della benzina. Come? Cancellando il tetto sulle accise attualmente in vigore.

Secondo uno studio realizzato dal Codacons il riallineamento dei prezzi tra benzina e diesel peserà la bella cifra di 2,5 miliardi di euro sul groppone degli italiani. Un pieno di gasolio costerà +5,15 euro. Provate a immaginare l’enorme portata di questa misura: tutto aumenterà, perché se aumenta il gasolio aumentano i costi di gestione del trasporto di tutte le merci. Evviva! Siete contenti, vero?

Non ho ancora finito: nuovi aumenti a cascata per i fumatori, anche delle sigarette elettroniche.

Le uniche imposte che non sono state inserite, almeno per ora, sono quelle che aveva proposto il Ministro dell’Istruzione Fioramonti: per ora merendine e bibite gassate non verranno toccate dalle tasse.

A parte questa sfilza di novità negative, attenzione al denaro contante. Il limite consentito torna ad abbassarsi: dai 3.000 euro attuali a 1.000. ma potrete divertirvi partecipando alla lotteria di chi paga sempre con la carta di credito e persino a quella dello scontrino. Vi hanno trasformato in giocatori imbecilli, privandovi della democratica possibilità di scegliere di usare il denaro contante ma imponendo a tutti di entrare a far parte del girone infernale delle banche ma, soprattutto, delle imprese che emettono e gestiscono carte di  credito e bancomat.

Non venitemi a far discorsi del tipo: “E’ moderno cancellare il contante, lo fanno in altre nazioni”. Si, ma siamo in Italia, dove non funziona nulla se non al contrario, dove il sistema fiscale ed economico è un mostro terribile, che spesso compie errori contro i contribuenti, che per vedersi dar ragione – avendola – devono arrivare a perdere la ragione.

Di conseguenza, grazie per non assillarmi coi soliti discorsi che non portano a nulla: l’Italia è un caso più unico che raro. Governata ormai da gente che non si sa come sia finita ai posti di comando e per quale ragione presieda i ministeri, e la vita, di circa 60 milioni di persone.

Ah no, giusto, si sa: la causa sono i circa 45 milioni di contribuenti, incapaci – come accade in nazioni come la Cina, la Francia o l’Ecuador - di rendersi conto di ciò che di terribile viene varato contro la popolazione.

Nel febbraio del 2018 fu pubblicato questo mio articolo: Un mondo senza denaro contante. Grossi rischi in arrivo per gli italiani.

Da Babilonia, almeno per ora, è tutto. Statemi bene.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/11/2019 12:09:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Redazione Economia
Data: 08/11/2019 06:58:08
Seggiolini anti-abbandono: De Micheli 'Disponibili a posticipare le sanzioni'

“Le sanzioni sono previste dalla legge 117, votata all’unanimità dal Parlamento italiano, ed entrano in vigore per legge insieme all’obbligo. Per dare più tempo per adeguarsi all’obbligo è necessario un altro intervento di legge"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 07/11/2019 19:29:45
Fattura elettronica: Busia (Garante Privacy) 'Il fisco trattiene troppi dati personali non rilevanti

"Una delle disposizioni per la fatturazione elettronica prevede la conservazione integrale delle fatture per 8 anni con tutti i dati accessibili alla Guardia di Finanza"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 31/10/2019 07:49:48
Legge di bilancio: Rossi (Confindustria) 'Occorre condannare chi non ricicla la plastica'

L'ipotesi è stata confermata anche dal ministro Gualtieri, che ha citato, in particolare, i prodotti monouso quali oggetto di tassazione.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 31/10/2019 07:46:29
Newlat rinuncerà al brand Buitoni: 'Investiremo sui marchi di proprietà'

La matricola Newlat Food è arrivata in Borsa (-0,17% oggi il titolo) con il suo portafoglio di marchi dell’alimentare italiano come Polenghi e Giglio ma è pronta a rinunciare al brand più noto, Buitoni

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -