Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Valeria Grasso, testimone di giustizia: servizio di protezione revocato

Valeria Grasso, testimone di giustizia: servizio di protezione revocato
Autore: Redazione Cronaca
Data: 25/11/2019

La palermitana Valeria Grasso si è ribellata alla legge del pizzo, ha sfidato ed ha fatto arrestare membri del Clan Madonia. Come testimone di giustizia è stata protetta con il IV livello di rischio, già di per sè insufficiente tenuto conto della gravità delle minacce che ha subito.

 

Questo servizio di protezione nella capitale dove vive, è stato sospeso dal 23 novembre senza alcuna reale motivazione e senza le sia stato notificato alcun provvedimento.


Il comandante del nucleo Scorte, colonnello Luca Nuzzoil 20 novembre scorso mi ha informata verbalmente della sospensione della misura di protezione personale a Romasalvo confermarmi il dispositivo su Palermo considerata “a rischio”, dopo che, solo il 12 marzo 2019, mi era stata confermata dal Prefetto di Roma Paola Basilone”.  Nella sua comunicazione scritta la Basilone aveva sottolineato che: “su proposta della scrivente, l’Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale ha determinato che nei confronti della S.V. venga assicurata una misura di protezione personale… con validità su tutto il territorio nazionale”.


“Nell’epoca in cui il Ministro dell’Interno è una donna, e alla vigilia della Giornata contro la Violenza sulle donne, vengo lasciata sola, anche nel mio impegno contro la criminalità e la mafia che mi vede tutt’oggi in prima linea nella sensibilizzazione pubblica a sostegno della legalità e della giustizia perché, l’ho dichiarato più volte, mi sento una donna dello Stato piuttosto che vittima della mafia” - denuncia la Grasso, che sottolinea: “e proprio quello Stato che ha ispirato il mio senso civico, con una condotta torbida, immotivata ed incomprensibilesta lasciando a rischio me e i miei figli, di cui una è ancora minorenneMi appello al Capo dello Stato e a tutte le autorità”.


Il mio sgomento – spiega - nasce anche dal fatto che, solo per citare l’ultimo degli episodi inquietanti che ho vissutoil 6 giugno 2019 il mio compagno, titolare di una nota trattoria a Trastevere da oltre 20 anni, ha trovato una busta di plastica con un piccione morto sull’albero dove è posta l’insegna del locale”, promessa di morte tipica della mafia.


Ritengo che il provvedimento di revoca della protezione alla Signora Grasso sia illegittimo per assoluta carenza dei presupposti di legalità. Abbiamo appreso solo verbalmente questa decisione e, per tali motivi, abbiamo chiesto l’accesso agli atti lamentando la violazione del diritto alla partecipazione al procedimento amministrativo e chiedendo copia dell’atto finale con le relative motivazioni, il tutto dovuto per legge”,  – spiega il legale della Grasso, avv. Ezio Bonanni, che annuncia: “inizieremo al più presto un’azione legale a carico dello Stato, non sono dal punto di vista amministrativo, ma anche per capire ed identificare le responsabilità in tutte le sedi”.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 29/01/2020 06:26:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 26/01/2020
Terremoto in Turchia: sale il numero di morti e feriti

Il terremoto che ha colpito la provincia di Elazig in Turchia ha provocato almeno 29 vittime. Il numero dei feriti accertati è di 1.243. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Politica
Data: 22/01/2020
Sardine: al concerto-manifestazione di Bologna partecipa un'indagata del caso Bibbiano

A Bologna, al concerto-manifestazione che era stato organizzato dalla "sardine", si sono presentati altri attivisti provenienti da altre regioni, tra cui Fadia Bassmaji

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/01/2020
E' morto Giampaolo Pansa, il giornalista che mise alla berlina la classe dirigente

Giampaolo Pansa, morto a Roma all'età di 84 anni, ha raccontato con acume la società e la politica italiana, mettendo alla berlina i vizi della classe dirigente

 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/01/2020
Istigazione allo spinello: il rapper Clementino può finire nei guai

Il rapper Clementino potrebbe finire nei guai per alcune frasi sulla droga pronunciate durante il concerto di Capodanno a Nocera Inferiore...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -