Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Sesso: per i giovani parlarne in famiglia è ancora un tabù

Sesso: per i giovani parlarne in famiglia è ancora un tabù
Autore: Redazione Attualita'
Data: 30/11/2019

ADOLESCENTI E SALUTE DI GENERE:

OCCORRE PARLARNE IN FAMIGLIA SENZA TABÙ

 

Educazione sessuale: per oltre 1 romano su 3 occorre far chiarezza con i figli fin dalle elementari

 

Rispetto alle ragazze, i ragazzi non vanno dall’andrologo, ma oggi per 1 romano su 2 anche la prevenzione maschile a questa età è fondamentale

 

Parlare di intimità e di salute di genere con i propri figli è tradizionalmente considerato un tabù. Si ha difficoltà ad affrontare l’argomento, spesso lo si rimanda o lo si trascura persino del tutto. Ma, a ben guardare, oggi sembra farsi strada una maggiore sensibilità: per oltre un romano su tre (35%), infatti, è importante affrontare in famiglia il famoso “discorsetto” fin dalle scuole elementari. Come base per un successivo, sano sviluppo durante l’adolescenza.

 

È quanto emerge dall'ultima ricerca dell’Osservatorio Reale Mutua sul welfare1, che ha realizzato un'ampia indagine sull'adolescenza.

 

L’andrologo non è ancora di tendenza

 

Si registra anche una maggiore attenzione per la prevenzione sulla salute di genere, dove da sempre c’è un fortissimo gap. Se di solito, infatti, le ragazze vanno fin da giovani dal ginecologo, lo stesso non si può dire dei loro coetanei maschi.

Per oltre un abitante di Roma su due (54%), tuttavia, anche per i ragazzi è fondamentale iniziare a fare visite andrologiche fin dall’adolescenza. Ma le voci discordi non mancano, e ancora uno su quattro (27%) ritiene necessaria la prevenzione solo per le ragazze.

 

Quali sono allora le ragioni alla base di tutto questo? In primo luogo, una scarsa informazione sul tema e in particolare sulle problematiche di salute maschili (47%), ma anche una certa difficoltà a parlare dell'argomento (27%). In questo senso, un ulteriore 13% dice che questa situazione nasce dalle famiglie dove i genitori dovrebbero mostrarsi più sensibili. C'è poi chi, un 10%, ne fa anche una questione culturale.

 

Un'età fragile: difficoltà e rischi dell’adolescenza

 

Il rischio più temuto da oltre un romano su tre (38%) è l’uso di sostanze stupefacenti. Il 31% indica invece gli episodi di bullismo, ma a destare sempre più preoccupazione è l’utilizzo eccessivo, che può arrivare fino alla dipendenza, della tecnologia (20%).

 

Per arginare questi rischi hanno un ruolo importante le esperienze di gruppo (73%), come quelle dello sport, dove si trasmettono valori positivi e l'importanza di relazioni rispettose. Inoltre, un romano su tre (31%) ritiene indispensabile la figura dello psicologo, che possa ascoltare i ragazzi, intervenire e prevenire situazioni di disagio e difficoltà.

Per quasi uno su tre (30%), infine, anche i social network sono un veicolo dalle potenzialità educative: aprono canali di ascolto per gestire disagi e problematiche giovanili (45%), fanno passare messaggi di sensibilizzazione (32%) e favoriscono le interazioni e la condivisione tra coetanei (32%).

 

“L’adolescenza è una fase molto importante per la crescita della persona. Dal nostro Osservatorio sul welfare è emersa una crescente sensibilità verso il tema della prevenzione e della salute per questa età.” - commenta Michele Quaglia, Direttore Commerciale e Brand di Gruppo – “In questo, le famiglie ricoprono un ruolo centrale, che è importante sostenere. Noi di Reale Mutua siamo da sempre al loro fianco con soluzioni su misura che permettono loro prendersi cura della salute dei figli in strutture d’eccellenza con specialisti qualificati e a costi contenuti”.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 29/01/2020 06:16:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 28/01/2020
Pane: gli italiano lo preferiscono bianco

Nella classifica per consumo la farina bianca batte le farine integrali (39%), il pane di semole di grano duro (28%) e quello di farine multi-cereali (24%).

Leggi l'articolo

Autore: Adrien Senecat - Redazione Attualita'
Data: 26/01/2020
Clima: la disinformazione passa da YouTube

Il rapporto Avaaz è partito da una semplice osservazione: è sufficiente fare alcune ricerche sui problemi climatici su YouTube per essere esposti a video climatoscettici. 

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Attualita'
Data: 25/01/2020
Boomers: nascono l’Osservatorio e il Laboratorio Havas PR- SWG

Hanno più di 65 anni, ma lo stile di vita sembra quello dei millennials. Più della metà di essi (il 54%) si sente del tutto a proprio agio nella società globale...

Leggi l'articolo

Autore: Francesco Longobardi - Responsabile Nazionale Enti
Data: 25/01/2020
Mede@ onlus si oppone alla presenza del rapper Junior Calli a Sanremo

La onlus Mede@, da diversi anni è impegnata nel contrasto profuso alla violenza di genere con aperture di sportelli d’ascolto istituzionale

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -