Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019

In queste ore il dibattito pubblico è concentrato su due elementi: MES e riforma della prescrizione.

Sul trattato ESM – o MES in italiano – scrissi i primi articoli nel 2012. Purtroppo, quando di un argomento non si parla in tv i cittadini ritengono che un tema non sia importante. Come sosteneva Arbore, quando conduceva “Indietro tutta”: “Se non l’hanno detto in tv, allora non è vero”…

Voglio però soffermarmi sul tema della prescrizione. Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano? A mettere i cittadini nella condizione, quando posti in giudizio, di non vedere mai la fine di un processo. In tal modo non si velocizza nulla ma, anzi, si rischia di portare avanti un processo fino alla fine dei secoli.

Mi è quindi venuto un dubbio atroce. In considerazione del fatto che la prescrizione si applica anche in ambito civile, e in questo caso riguarda per esempio la prescrizione dei debiti contratti che, nel caso in cui il creditore non li reclami entro certi termini, non può più avvalersi del diritto di chiedere quanto dovuto, non sarà che dietro questa riforma si nasconda qualcosa di ancora più grave contro i contribuenti italiani?

Provate a pensare alle cartelle esattoriali per esempio. Esistono termini di prescrizione anche per esse. Se passerà la riforma, questa toccherebbe anche questo tipo di prescrizione? Il dubbio è lecito e renderebbe sensata – dal punto di vista di chi la sostiene ovviamente – la volontà di ratificare questa trasformazione in ambito giuridico. In considerazione delle misure sempre più pesanti in ambito fiscale, a pensar male si fa peccato ma...

Ne riparleremo a tempo debito, e mi auguro di aver avuto una predizione del tutto errata…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 29/01/2020 06:18:25

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -