Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. Scritto diretto e animato da Giada Parlanti, Elisa Bongiovanni, per le scene di Laura Riccioli, e con la fantasia per creazione teste, burattini, costumi e oggetto di Giada Parlanti, Elisa Bongiovanni e Emanuele Silvestri.

Il corridoio di entrata al teatro allestito con un teatrino per burattini, completamente nero e poche sedie e cuscini per ospitare i bambini, si trasforma in un luogo fantastico.

La curiosità della storia si sviluppa tutta nella morale, incarnata dai tre spiriti del Natale:  lo spirito del Natale passato, lo spirito del Natale presente e lo spirito del Natale futuro. Tra i tre spiriti il più significativo è quello del presente, forse per il colore rosso capace di attirare l’attenzione dei bambini e anche per come presenta il personaggio principale, solitario e deriso oltre che evitato da tutti.

Lo spirito che invece incarna la morale della storia è quello del futuro perché mostra il funerale di Sgrunch al quale nessuno partecipa e la morte del piccolo Tim, che il padre non ha potuto curare per colpa dell’avarizia di Sgrooge.

Avvincenti le scene disegnate e dipinte appositamente per lo spettacolo, in particolar modo il disegno finale che rappresenta il viale di Londra illuminato dalle luci delle finestre gioiose, e dalla presenza dei passanti che ricordano le persone in attesa della sera di Natale.

La storia, chiaramente tratta dal romanzo A Christmas Carol di Charles Dickens, è popolata dal personaggio principale che è Sgrooge, vecchio avido ed egoista, con l’apparizione dei pochi altri personaggi: il nipote di Sgrooge, la moglie del nipote di Sgrooge, Bob  dipendente di Sgrooge e Tim il figlio di Bob.  Non mancano momenti di ilarità, come nella scena in cui il nipote di Sgrooge e la moglie si danno le scopettate in testa, in un modo molto divertente e adatto ai più piccoli. L’insegnamento che è alla base di questa storia ormai notissima è una grande lezione di umanità e altruismo che non bisogna mai dimenticare di dimostrare nei confronti di tutti.

Il buonismo spietato della favola contrasta decisamente con un senso di individualismo che a tratti sembra pervadere la società attuale, dominata dalla tecnologia e dalla vanità sfrenate. Il messaggio si rafforza ancor di più in questo contrasto che mira a sensibilizzare le menti giovani e precoci dei bambini di oggi abituati a ben altri intermediari che non sono purtroppo il teatro o la lettura. In questo contesto dis-umanizzante, il mondo dello spettacolo dal vivo e quello dei burattini in particolare riconduce ad una dimensione così intima e serena da ispirare perfino il più bieco degli uomini a voler essere, perlomeno a Natale, un pochino più buono.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/07/2020 21:19:18

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 01/12/2019
Recensione: Van Gogh - al Teatro Vascello di Roma

In una scenografia assordante e bianca come intende anche il titolo, sullo sfondo alcune delle più note tele del pittore olandese ma senza colore, che è poi il leit motiv della narrazione, un Van Gogh privato del colore, come dire un pesce privato dell’acqua.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -