Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La burocrazia rema contro lo sviluppo economico

La burocrazia rema contro lo sviluppo economico
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/01/2020

Cosa non permette al nostro paese di tornare a essere economicamente fiorente? A sentir parlare buona parte dei personaggi della politica, il male è rappresentato dall’evasione fiscale, che eroderebbe preziose e ampie risorse. Questa convinzione non rappresenta la realtà. Innanzitutto perché quando si parla di fisco ed evasione si combatte sempre il cittadino comune, con sistemi di controllo che riportano alla mente gli scenari orwelliani riportati in “1984”.

Non parliamo poi degli sprechi costanti operati proprio da chi dovrebbe occuparsi di generare soluzioni alla crisi: l’Italia continua a restare sul podio delle nazioni che sperperano denaro pubblico come non ci fosse un domani. Nessuno che accenni a uno dei veri cancri a livello nazionale: la burocrazia.

Una malattia ormai cronicizzata e che non permette alcun tipo di guarigione della sofferente economia italiana. Fortunatamente, a svelarci i dati che permettono un’analisi approfondita, ci pensa come sempre la Cgia di Mestre, che attraverso l’Ufficio studi ha analizzato i dati forniti dall’Ocse che recentemente ha diffuso l’indagine campionaria, permettendoci così di scoprire costi, sprechi e mala organizzazione.

Iniziamo con un dato che fa tremare i polsi: la Pubblica amministrazione registra un debito commerciale pari a 53 miliardi nei confronti dei propri fornitori. Detto in parole povere, significa che si acquistano beni e servizi, ma il pagamento è a babbo morto. Non è tutto: lo Stato non versa l’i.v.a. alle imprese fornitrici, e pur trattandosi di una partita di giro – significa che l’impresa incassa l’i.v.a. per poi versarla al momento della dichiarazione dei redditi – poterla ottenere rappresentava una disponibilità di liquidi importante per onorare, per esempio, i pagamenti correnti.

Accade a causa della normativa sull’inversione contabile, conosciuta come Reverse Charge, che penalizza non poco imprese e professionisti. Roba da matti, perché se un’impresa non versa puntualmente i balzelli, si ritrova in mezzo a un mare di guai. Il contrario invece è considerato ammissibile.

Di contro, le imprese spendono ben 57 miliardi ogni anno per la gestione dei rapporti con la PA e questa cifra rappresenta 3 punti di PIL. Ciò significa un pesante contributo economico per le PMI che potrebbero dedicare queste risorse economiche per esempio per l’innovazione, ma anche per assumere risorse umane. Invece no: l’obolo che si deve versare al sistema statale più caro d’Europa penalizza tutti, abbattendo metodicamente l’opportunità di rialzare la testa oltre la crisi.

A fronte di tutto questo, è bene considerare un altro aspetto: i cittadini sono scontenti per l’inadeguatezza del sistema dei servizi pubblici, rappresentato dalla sanità, dalla giustizia, dalla sicurezza e dalla scuola. Per quanto riguarda l’assistenza sanitaria ci collochiamo al 20mo posto su base europea, anche se la situazione non è uguale in ogni regione. Sappiamo che esistono eccellenze in campo sanitario, prevalentemente collocate al nord e al centro.

Il sistema giudiziario del belpaese si colloca al 21mo posto, e non convince il 69% degli italiani che hanno sempre meno fiducia della giustizia italiana. Migliore la situazione, ma non troppo, per i settori della sicurezza - siamo al 15mo posto - e della scuola – 18mo posto in classifica – ma c’è ancora molta strada da fare per raggiungere i livelli medi europei.

L’apparato della PA, così com’è organizzato, palesemente rallenta la crescita. Perché nessuno pensa a snellirla e a semplificare? Facile: tra le pieghe tortuose di un sistema complesso, tutto si rende possibile. Mazzette comprese per sveltire una pratica. Lo so, a pensar male si fa peccato ma spesso ci si piglia.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina


 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/04/2020 10:34:07

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/04/2020
Prestare i soldi degli italiani alle imprese: la nuova idea geniale del governo Conte bis

Invece di tentare di non far crollare il tessuto economico della nazione, si potevano scegliere due strade: la prima, aprire cantieri. Il virus non è un meteorite microscopico che si abbatte dal cielo e colpisce chi sta all’aria aperta. Si doveva, e poteva, sfruttare il momento e quindi la mancanza, anche, di circolazione di vetture nelle strade, per mettere finalmente a posto la nazione, programmando un decreto ad hoc per favorire le imprese del settore – a livello fiscale – e i lavoratori, con contratti sviluppati appositamente. 

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/04/2020
Proposta: creiamo il Fondo Economico Sociale

Chiedetevi se versereste un euro in un grande salvadanaio, gestito in maniera trasparente da tutta la collettività, con gli stessi cittadini a garanzia dei fondi a livello territoriale, cittadini che - per ovvie ragioni di trasparenza - devono cambiare costantemente e in tempi brevissimi.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/04/2020
Pornografia e pedopornografia su Twitter e Telegram: la libertà di essere mostruosi

Cosa sta succedendo e perché? Quale motivo si nasconde dietro al fatto che certi materiali circolino liberamente sui social network? La Polizia Postale, come sappiamo, è oberata di richieste, non si può quindi additare come “colpevole” (come fanno in molti sui social) anche perché si muove dietro denuncia e segnalazione, come è giusto che sia.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/04/2020
Veneto: mascherine allegate coi giornali del Gruppo Gedi? E' concorrenza sleale...

La notizia è questa: la Regione Veneto, ha stretto un accordo con Grafica Veneta per la distribuzione gratuita di 250.000 mascherine a chi acquista i quotidiani del Gruppo Gedi (lo stesso di Repubblica, per intenderci). Col giornale acquistato, si riceve una confezione di 5 mascherine o meglio, di 5 “schermi protettivi”.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -