Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020

Durante la trasmissione radiofonica Eta Beta del 4 Novembre, in programma su Radio Rai1, mi ha fatto sobbalzare sulla sedia  una dichiarazione del ministro per l’innovazione tecnologica Paola Pisano, un’indipendente che strizza l’occhio al M5S ed è vicina a Casaleggio.

Di seguito la dichiarazione in questione, in formato scritto e audio:

A questo link, a partire dal minuto 1.17 la dichiarazione della Pisano: ETA BETA parla il ministro Pisano

La dichiarazione è di una gravità inquietante. Il ministro fa passare il concetto di “sicurezza” su un tema così sensibile come la privacy.

La distruzione del concetto di dati privati iniziò in Italia alla fine degli anni ’90, quando si cominciò a parlare di trasparenza dei dati bancari. Prima di allora nessuno aveva diritto di ficcare il naso sugli affari privati, risparmi compresi.

Per cancellare la privacy iniziarono grandi campagne a sostegno della lotta contro la grande evasione. Peccato che fosse solo una scusa per togliere riservatezza al comune cittadino, al pensionato, all’anziano, non certo ai grandi industriali o ai politici. I fatti mi danno ragione, ancora oggi.

Interessava mettere le mani sui soldi, bloccare la libertà individuale, schiavizzare i cittadini ponendoli sull’altare sacrificale della trasparenza, e a farlo sono proprio coloro che di trasparente hanno poco e nulla, e non rischiano quasi mai di finire sotto processo per le scandalose azioni che compiono.

La diffusione dell’informatica e della tecnologia, partita a rilento a fine anni ’90, ha conosciuto una forte accelerazione a metà degli anni 2000. Da allora a oggi, eccoci arrivati alla sovranità della digitalizzazione, nuova forma di dittatura che obbliga a render chiara ogni mossa, ogni spostamento, ogni transazione economica, ogni acquisto.

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Ora siamo arrivati alla digitalizzazione del denaro, a questo link un mio recente articolo sul tema. Un altro passo importante che chiuderà per sempre i ponti col passato, quel periodo storico in cui eravamo ancora liberi di esistere e di vivere al di fuori dai controlli esasperanti, e che ci porterà a una nuova forma di pericolo: il giorno in cui tutte le transazioni, e ogni risparmio, passeranno attraverso il digitale, potremo dire addio alla democrazia, e forse anche al nostro denaro. basterà un “click” ordinato dal sistema nazionale per metterci in mutande, altro che bancomat bloccati, modello Grecia.

Il passo successivo, quello terribile, lo ha già dichiarato la Pisano: la password personale deve fornirtela lo Stato. Vuoi mettere il livello di sicurezza?...

Non scherziamo. Stiamo procedendo oltre i limiti dell’accettazione e nessuno sembra accorgersi di nulla. La dittatura intangibile, di cui ho tanto scritto nel corso degli anni, è bella che servita, e come ho scritto più volte è peggiore di qualsiasi forma di dittatura concreta.

Salvarsi è possibile, a patto di comprendere la gravità di quanto sta accadendo, e di quanto viene dichiarato con leggerezza da certi politici, e che passa ormai come una qualsiasi dichiarazione, non  avendo la gran parte della popolazione la capacità di rendersi conto di quanto avviene.

Vi lascio con un altro mio articolo sul tema dei rischi legati alla digitalizzazione estrema: La nuova forma di dittatura? E' digitale...

********

P.S. Il ministro Pisano ha poi ritrattato, ma non del tutto: ecco il suo tweet. Resta il fatto che il solo averlo pensato...è grave.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/03/2020 11:30:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/03/2020
Indagine su Covid-19 parte II – Il destino dell'umanità tra bufale e realtà

Un virus può sanare tante cose, rimettere in equilibrio le interconnessioni internazionali, i mercati azionari, il rischio di rivoluzioni dovute alle troppe strategie politiche ed economiche vessatorie, al clima impazzito per mille cause diverse, alla scarsità delle risorse fondamentali, che mettono in crisi il futuro di tutti.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/03/2020
Covid-19: l’Italia e l’emergenza al rallentatore. 5 domande a Conte

Il governo conferma lo stato di emergenza sanitaria con un decreto varato il 31 Gennaio,  ma da fine gennaio a oggi si è mosso a passo di lumaca per mettere in stato di sicurezza la popolazione. Nel video che trovate in questo editoriale, potrete sentire la voce del premier Conte, che consiglia ai cittadini di "Condurre una vita normale". Era il 2 Febbraio. Due giorno dopo il varo del decreto in cui viene stabilito lo stato di emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/03/2020
Coronavirus - 'Decreto Cura Italia': art. 6 e requisizione dei beni mobili e immobili

L’articolo 6 del recente decreto Cura Italia tratta l’argomento delle requisizioni di pubblica utilità. In massima sintesi, in considerazione dell’emergenza sanitaria che rende necessario disporre di ambienti in cui ricoverare i contagiati, è possibile poter agire in tal senso attraverso la Protezione Civile – comma 10 – anche su richiesta del Commissario straordinario, come recita l’articolo 122, che con un decreto varato ad hoc può decidere per l’espropriazione di beni di proprietà pubblica o privata...

Leggi l'articolo

Autore: Indagine del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/03/2020
Indagine su Covid-19 - (1): nel mondo si parla di diffusione attraverso l'acqua, in Italia no

L’OMS consiglia la massima attenzione sui servizi igienico-sanitari e sui rifiuti sanitari. Se consideriamo la condizione idrica nazionale, gli scandali che si sono succeduti nel corso degli anni, il metodo della richiesta di deroghe alla UE anche a costo di penalizzare la salute e la vita dei cittadini, possiamo dirci davvero certi che viviamo in una nazione che ci sta cautelando?

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -