Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Yemen: almeno 78 bambini sono morti a causa della dengue

Yemen: almeno 78 bambini sono morti a causa della dengue
Autore: Redazione Esteri
Data: 15/01/2020

Il conflitto ha portato il sistema sanitario dello Yemen al collasso e inadatto a fronteggiare l’emergenza, con oltre la metà di tutte le strutture sanitarie chiuse o solo parzialmente funzionanti, carenza di medicinali essenziali e personale qualificato.

In Yemen, almeno 78 bambini sotto i 16 anni sono morti a causa della malattia legata alla dengue e oltre 52.000 casi sospetti sono stati registrati in tutto il paese. Secondo Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, questo potrebbe essere l'inizio di un'epidemia.

Le forti precipitazioni, associate al conflitto in corso, ostacolano la fornitura di acqua pulita. Pertanto, le persone usano bacini idrici per raccogliere l'acqua piovana e questi depositi d'acqua scoperti, insieme alla pioggia, hanno contribuito alla diffusione delle zanzare nelle aree colpite, con conseguente aumento dei casi sospetti di dengue.

Se non verranno prese misure urgenti per rafforzare il sistema sanitario, in modo tale da poter individuare tempestivamente i casi sospetti, il totale delle morti (192 persone fino alla fine del 2019) potrebbe aumentare notevolmente. Benchè le aree più colpite siano quelle di Hodeidah e Aden, che hanno registrato oltre il 60% dei decessi nel paese, sono stati registrati casi in quasi tutti i governatorati del paese. 

Hodeidah ha il secondo più alto tasso di mortalità nel paese, con 62 morti tra adulti e bambini nel 2019. Non si era mai visto nulla di simile prima. Più di 40 persone del nostro staff, comprese le loro famiglie, sono state colpite dalla febbre. Quotidianamente, riceviamo segnalazioni di decessi in aree remote del governatorato. Alcune delle nostre strutture sanitarie funzionano 24 ore al giorno e la settimana scorsa una di queste ha registrato 30 casi in un giorno solo, la maggior parte dei quali erano bambini” ha dichiarato Mariam Aldogani, direttrice di Save the Children a Hodeidah, che si sta riprendendo dalla febbre dengue.

“Per la popolazione, la situazione economica non è migliorata. I genitori non possono permettersi di portare i propri figli in ospedale o di acquistare medicine. Gli ospedali sono pieni e alcuni pazienti sono costretti a sdraiarsi a terra per la mancanza di letti. È davvero una situazione terribile, anche bambini di otto mesi sono stati colpiti dalla febbre dengue. In alcuni ospedali tutto ciò che puoi sentire sono i bambini che piangono per il dolore. Attualmente stiamo supportando 48 strutture sanitarie a Hodeidah, che hanno registrato oltre 6000 casi sospetti nel 2019” ha proseguito Aldogani.

Nei centri sanitari di Save the Children sono stati accolti molti casi bambini che sembravano colpiti dalla dengue e lo staff sul campo sta diagnosticando e curando i pazienti, segnalando i casi più gravi.

Ali*, 8 anni, ha recentemente contratto la febbre dengue nel suo villaggio natale, non lontano dalla città di Hodeidah. I suoi genitori lo hanno portato all'ospedale pubblico di Al-Thawrah, un'importante struttura sanitaria nella città di Hodeidah che è sostenuta da Save the Children da diversi anni, dove sta ricevendo cure mediche insieme ad altri 14 bambini di età compresa tra i 2 e gli 8 anni. “Ho dovuto lasciare tutto laggiù al villaggio e stare con mio figlio qui. Ha la febbre alta e non mangia nulla da tre giorni ormai” ha raccontato sua madre.

Save the Children ha anche assicurato attrezzature mediche per contrastare la febbre dengue e lo scoppio della malaria nelle sue aree operative, incluse Aden, Taiz, Hodeidah e Hajjah. Sta inoltre sensibilizzando gli operatori sanitari e i volontari della comunità su come affrontare la dengue e altre febbri emorragiche. I governatorati più colpiti dai decessi sono stati Hodeidah (62), Aden (71) e Taiz (12).

Solo la pace nello Yemen può garantire risposte rapide e la ricostruzione di un sistema sanitario ormai al collasso, in un paese dove continuano a diffondersi malattie prevenibili e che si sta ancora riprendendo da un'epidemia di colera che ha causato oltre 2 milioni di casi sospetti tra ottobre 2016 e agosto 2019.

Dopo quasi cinque anni di conflitto nel paese, oltre la metà di tutte le strutture sanitarie sono chiuse o solo parzialmente funzionanti, molti ospedali sono stati danneggiati da attacchi aerei o combattimenti e mancano medicinali essenziali e personale qualificato.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/04/2020 18:19:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Max Murro - Redazione Esteri
Data: 30/03/2020
Coronavirus negli USA - Trump: 'Il picco in due settimane'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, mette da parte l'idea di riaprire le attività per Pasqua:  le attuali linee guida per il contenimento del virus resteranno in vigore un mese oltre il previsto e quindi fino al 30 aprile

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/03/2020
Coronavirus - L'india blocca i voli internazionali in arrivo

L'India ha vietato i voli internazionali in arrivo, ha limitato le riunioni pubbliche e ha bloccato le strade per sigillare il Kashmir dopo che la regione devastata dall'insurrezione ha riportato la sua prima infezione da coronavirus.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 10/03/2020
Francia: il Ministro della Cultura Franck Riester è positivo al Covid-19

Il ministro francese della cultura Franck Riester è stato contagiato dal coronavirus. E' quanto ha riferito una fonte vicina al ministero della cultura 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/03/2020
Covid-19: anche il Senegal si prepara a contenere la diffusione dei contagi

Finora il Senegal ha registrato solo quattro persone che hanno contratto il coronavirus, con un paziente guarito e subito dimesso dall'ospedale

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -