Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020

Ciò che mi ha portato a diventare giornalista è una passione enorme per scandagliare tra le pieghe delle bugie e trovare le ragioni di tutto ciò che accade. Non solo. Osservo tutto, ogni particolare. Memorizzo, metto insieme pezzi di un mosaico che mi permette, da anni, di considerare anzitempo ciò che accadrà.

Non si tratta della palla di vetro dei maghi, ma dell’osservazione dei fatti uniti a una memoria eccellente. Non si diventa giornalisti per la passione di scrivere. E' la passione di registrare gli accadimenti e di tradurli in parole, oltre al desiderio di sollevare l'interesse generale nei confronti di ciò che i lettori, spesso, non possono conoscere. È questa la nostra missione.

Perché parlo di questo? È semplice: il periodo storico impone un chiarimento su un mestiere ormai entrato nell’immaginario collettivo quasi come superfluo, se non addirittura pericoloso o dannoso. Non è così, ma sono cambiati i tempi, e la diffusione del web ha modificato persino la percezione collettiva sul nostro lavoro.

Ci sentiamo spesso chiedere: “Perché mai fate parte di un ordine professionale”? Rispondo: “Per la stessa ragione per cui non affideresti la tua appendicite al macellaio sotto casa”. Chi vuol intendere intenda…

Tanti anni fa, miei pezzi erano su testate locali e su riviste. Ho iniziato per caso, e non pensavo di farlo diventare il lavoro della mia vita o meglio: di diventare giornalista. Specifico perché la differenza esiste. Noi siamo giornalisti, non "facciamo" i giornalisti, e in questa differenza si nasconde persino la crisi del settore di cui faccio parte ormai da anni e anni, dopo aver deciso di seguire un percorso che mi ha portato, alla fine, ad entrare a far parte di un ordine professionale, che garantisce il rispetto delle regole deontologiche, della formazione continua, della...professionalità. Accede coi medici, con gli architetti, con gli avvocati. E' così che funziona: affidereste una causa giudiziaria a una persona che è appassionata di legge ma non è avvocato? Vi rivolgereste al vostro vicino di casa per farvi operare al fegato oppure per farvi consigliare la cura migliore per sanare i malanni?

In tutti i settori professionali esistono anche i cattivi professionisti. Ciò non toglie che il giornalismo è una professione come altre, e va rispettata, perché non si limita ad avere passione per scrivere e saperlo fare bene. Non facciamo compitini di italiano, sia chiaro, facciamo inchiesta, ogni articolo scandaglia ciò che accade. non si faccia l'errore di ritenere che ci si limiti a scrivere in bella copia. Dietro ogni pezzo c'è studio, ricerca, approfondimento documentale, riflessione, ragionamento.

Riprendo la questione sulla diffusione del web. Quando nel 2006 ebbi l’idea di fondare Gli Scomunicati erano gli albori dell’informazione online. Capii subito che, col diffondersi dell’uso di internet, non ci sarebbe stato scampo per il giornalismo: sarebbe bastato essere in grado di aprire un blog, mettersi alla tastiera, e creare il caos che tutti oggi osserviamo. All’epoca mi sentivo dire: “La libertà del web migliorerà le opportunità per la professione”. Non ero convinta e avevo ragione.

Un tempo un giornalista aveva una missione complessa: informava, insegnava la lingua madre, suscitava rispetto per il sol fatto di alimentare la conoscenza e la cultura del lettore. Oggi è necessario fare a pugni con chi non ritiene necessaria l’eccellenza, l’approfondimento documentale, lo spunto di riflessione da riportare nell’articolo, l’inchiesta dettagliata che fa emergere verità nascoste. Online accade di tutto, anche sui quotidiani nazionali nella versione web. Non si fa caso agli errori, si sorvola sulla capacità di scrivere o di confermare la professionalità rendendo il lettore edotto, e non più confuso.

Tutto questo ha arrecato danni a un intero settore, e se a tutto questo aggiungiamo il fatto che dal mondo della politica, non tutta la politica, non manca una tendenza a contrastarci, spesso allo scopo di non far emergere i fatti, ecco che la frittata è fatta.

Amo il rapporto diretto coi lettori, non mi sottraggo al dialogo anche sui social network, anche se gli attacchi – spesso volgari e violenti – si susseguono. Io non mollo, anzi…

I lettori sono il motivo per cui al mattino accendo il PC e inizio la mia giornata, fatta di immersione totale nei fatti, dalla cronaca alla politica passando per l’economia e le note di colore. Solo il gossip non riesce a stimolare la mia attenzione, me lo perdonerete.

Non so che tipo di emozioni vi sta dando leggere queste righe. Io le sto scrivendo con uno scopo preciso: ritrovare un rapporto di serenità tra “noi” e “voi” anche se, per come vedo le cose, siamo tutti “noi”.

Non è un lavoro facile, credetemi, e arrivare a certi livelli richiede una grande capacità di studio, analisi, determinazione, sopportazione.

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

So già che questo editoriale comporterà anche parecchie considerazioni negative, ma tranquilli: fa parte del gioco e sono oltremodo vaccinata.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/03/2020 22:58:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/03/2020
Indagine su Covid-19 parte II – Il destino dell'umanità tra bufale e realtà

Un virus può sanare tante cose, rimettere in equilibrio le interconnessioni internazionali, i mercati azionari, il rischio di rivoluzioni dovute alle troppe strategie politiche ed economiche vessatorie, al clima impazzito per mille cause diverse, alla scarsità delle risorse fondamentali, che mettono in crisi il futuro di tutti.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/03/2020
Covid-19: l’Italia e l’emergenza al rallentatore. 5 domande a Conte

Il governo conferma lo stato di emergenza sanitaria con un decreto varato il 31 Gennaio,  ma da fine gennaio a oggi si è mosso a passo di lumaca per mettere in stato di sicurezza la popolazione. Nel video che trovate in questo editoriale, potrete sentire la voce del premier Conte, che consiglia ai cittadini di "Condurre una vita normale". Era il 2 Febbraio. Due giorno dopo il varo del decreto in cui viene stabilito lo stato di emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/03/2020
Coronavirus - 'Decreto Cura Italia': art. 6 e requisizione dei beni mobili e immobili

L’articolo 6 del recente decreto Cura Italia tratta l’argomento delle requisizioni di pubblica utilità. In massima sintesi, in considerazione dell’emergenza sanitaria che rende necessario disporre di ambienti in cui ricoverare i contagiati, è possibile poter agire in tal senso attraverso la Protezione Civile – comma 10 – anche su richiesta del Commissario straordinario, come recita l’articolo 122, che con un decreto varato ad hoc può decidere per l’espropriazione di beni di proprietà pubblica o privata...

Leggi l'articolo

Autore: Indagine del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/03/2020
Indagine su Covid-19 - (1): nel mondo si parla di diffusione attraverso l'acqua, in Italia no

L’OMS consiglia la massima attenzione sui servizi igienico-sanitari e sui rifiuti sanitari. Se consideriamo la condizione idrica nazionale, gli scandali che si sono succeduti nel corso degli anni, il metodo della richiesta di deroghe alla UE anche a costo di penalizzare la salute e la vita dei cittadini, possiamo dirci davvero certi che viviamo in una nazione che ci sta cautelando?

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -