Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Roma, Teatro Ghione: 'Casa di frontiera' - dal 20 Febbraio 2020

Roma, Teatro Ghione: 'Casa di frontiera' - dal 20 Febbraio 2020
Autore: Maurizio Quattrini - Redazione Cultura
Data: 19/02/2020

TEATRO GHIONE

presenta

da giovedi 20 febbrio a domenica 1 marzo 2020

CASA DI FRONTIERA

scritto e diretto da Gianfelice Imparato

con :Francesco Procopio, Giovanni Allocca, Alessandra D’Ambrosio, Claudia G. Moretti

Al Teatro Ghione di Roma, da giovedi 20 febbraio  a domenica 1 marzo 2020,lo spettacolo “Casa di frontiera”, scritto e diretto da Gianfelice Imparato, con :Francesco Procopio, Giovanni Allocca, Alessandra D’Ambrosio, Claudia G. Moretti . In un futuro indefinito, l’Italia è stata divisa in due. Tutti i meridionali già residenti al nord che non sono riusciti a rimpatriare dopo la secessione, sono stati confinati nei C.R.I.C. (Centri Raccolta e Identità Culturale) molto simili alle riserve degli indiani d’America. In una di queste riserve, in una casa al confine col territorio padano, vivono i protagonisti della nostra storia: Gennaro Strummolo e sua sorella Addolorata. La casa è frequentata assiduamente da Olga, assistente sociale del nord addetta alle riserve.

Gennaro è divorato dal desiderio di diventare a tutti gli effetti cittadino del nord, inseguendo questo sogno si è persino modificato il cognome da Strummolo a Strum, in modo da vantare origini nord-europee, senza però modificare il codice fiscale. Le liti con la sorella, che invece continua a coltivare abitudini e ritmi meridionali, sono continue. Addolorata si fa forte anche del sostegno del fidanzato, Ciro Cacace, che con i suoi comportamenti da sudista “irriducibile” fa impazzire di rabbia Gennaro.

A complicare la situazione c’è la presenza di Olga, l’assistente sociale, che ha il compito di preparare la famiglia Strummolo al difficile esame di ammissione al nord, ma viene colta da insana passione per il “ruspante” Ciro. In questo paradossale contesto si svolgono le comiche vicende della commedia che, pur trattando un argomento di attualità politica, non si discosta mai dalla linea del racconto fantastico.

Il testo, scritto nel 1994, quando la Lega Nord esprimeva in pieno tutto il suo disprezzo verso il Sud, purtroppo ancora a distanza di tanti anni ci riporta in qualche modo all’attualità. Nel paradossale contesto della commedia si svolgono le vicende che riescono a regalare momenti di comicità travolgente pur facendo riflettere su problemi sociali dolenti e spinosi.

Gli extra-comunitari, per esempio, che approdano in Italia in cerca non di fortuna ma di sopravvivenza, sono “immigrati” per noi, come lo furono i meridionali per gli Italiani del Nord. Ci sarà sempre un popolo “più a Sud di noi”, a cui dobbiamo imparare a guardare con empatia e rispetto. Basti pensare alla scuola italiana, sempre più multi-etnica.

Bisogna imparare a considerare la multiculturalità come una risorsa, e non un pericolo, un’occasione per i giovani italiani per entrare in relazione con realtà lontane dalla nostra che non può che arricchirli. E’ naturale che di fronte al “diverso” si possano avere sentimenti negativi di diffidenza, timore di invasione, paura di perdere equilibri e sicurezze, disagio a confrontarsi con altre culture e religioni, ma questi timori possono e devono tradursi in opportunità di apprendimento, crescita, miglioramento.

Ben venga dunque uno spettacolo teatrale che, col pretesto della satira, nel segno della miglior tradizione classica, metta in luce i vizi e i pensieri aberranti dei tempi. Perché diventi vero l’aforisma di Paul Valéry: “arricchiamoci delle nostre reciproche differenze”.

********

Orario spettacoli ore 21,00

Domenica ore 17,00

biglietti a partire da 23 euro

Teatro Ghione,  Via delle Fornaci,37,Roma

Info: 06 6372294

www.teatroghione.it




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 03/04/2020 12:06:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 29/02/2020
Roma, Spazio Diamante - MNEMOSINE - 4 e 5 Marzo 2020

Mnemosine è uno spettacolo sul tema della perdita e del lutto che utilizza la Shoah come nucleo generativo.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 28/02/2020
Roma, Teatro Arcobaleno - Antigone - dal 28 Febbraio al 15 Marzo 2020

Antigone è una delle tragedie più rappresentate in ogni parte del mondo, perché meglio di ogni altra rappresenta l'essenza stessa del tragico

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -