Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Coronavirus: grazie al virus ora è evidente a tutti come funziona la politica

Coronavirus: grazie al virus ora è evidente a tutti come funziona la politica
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/04/2020

 

L’avvento del Covid-19 ha modificato in brevissimo tempo la quotidianità di miliardi di persone su tutto il pianeta terra. Mai come in questo periodo stanno accadendo cose che nemmeno la mente del miglior romanziere fantascientifico avrebbe potuto sviluppare.

Il mondo si è fermato. Sul pianeta terra si è dovuto procedere alla chiusura di tutto ciò che era stato creato dal sistema industriale, capitalistico e consumistico. In Occidente le puerpere chiedono di poter partorire in casa, rispuntano le macchine per cucire che, negli ultimi decenni, erano usate nelle case come sopramobili, per i modelli più antichi, o relegate nelle cantine in attesa di essere gettate.

Si riscoprono le attività da fare in casa, con o senza figli. Si riscopre il fai-da-te, messo nell’angolo in special modo dalle donne sempre più in carriera o comunque, nella peggiore delle ipotesi, in corsa per tenere insieme il brandello di idea di famiglia di cui stava rimanendo solo un ricordo sbiadito.

Un virus ha fatto il miracolo. Gli umani si son dovuti svegliare dal sogno dell’era moderna, e sono stati ricacciati a colpi di decreti legge dentro le loro case, le loro famiglie, i valori sospesi da troppo tempo, le attività che hanno reso possibile il progresso, poi messe nel cantuccio proprio dal progresso spinto ad alta velocità.

Difficile poter dire, oggi, quanto resterà di tutto questo nel tessuto sociale, e non solo quello italiano. Se si vive questa condizione come un abuso alla libertà personale, tutto tornerà come e peggio di prima. Se si riesce a scoprire che dal passato si può tornare al futuro migliorati, allora qualcosa cambierà in meglio.

Attenzione però, non pensiate che il sistema mollerà l’osso facilmente. Quando sarà possibile, e doveroso, ritornare a una sorta di normalità – ammesso che la mente di miliardi di individui sarà in grado di cancellare questo senso di terrore  - scatterà subito un processo, e sarà a doppia via.

Da un lato ci sarà il mercato, che attraverso il marketing svilupperà immediatamente tutte le strategie atte a ri-fidelizzare e affascinare il più alto numero di consumatori, e con la scusante di aver perso miliardi per colpa del Covid-19. Dall’altro lato ci saranno centinaia di milioni di consumatori, ovunque nel mondo, che dopo un così lungo periodi di astensione dai consumi e dalla vita frenetica cui erano abituati, cederanno le loro esistenze al mercato e al marketing, a tutto ciò di cui oggi si sentono depredati. Basti pensare quale tipo di impatto possa avere la contingentazione degli articoli acquistabili su Amazon: la mente umana è fatta così, se all’improvviso neghi ciò che era permesso, si crea bulimia.

Un altro ringraziamento doveroso, che tutti dobbiamo al Coronavirus, è per aver finalmente chiarito a chi ha occhi per vedere e orecchie per sentire, oltre a un cervello composto di neuroni a dividere le orecchie, come vanno le cose nel mondo, e come vanno in Italia.

L’essere umano è solo un numero, inserito in un contesto talmente grande che dal basso delle strade in cui vive stenta a vedere pure col cannocchiale. Tutti hanno palesato, da chi sta ai vertici della UE a chi siede sui posti di comando nel resto del mondo, un solo interesse: farsi i cazzi propri.

In Italia abbiamo anche dovuto scoprire che i decreti legge sono varati in tempi non sospetti – come quello del 31 Gennaio in materia di emergenza sanitaria (cliccate sul link per leggere il mio editoriale sul tema) – ma che chi sigla documenti così importanti per la salute pubblica, nei giorni – troppi giorni – successivi, rallenta il passo al punto da consigliare ai cittadini di “continuare a fare una vita normale”.

Abbiamo dovuto apprendere che, mentre per gli italiani ci sono – manco a dirlo – pochi denari, e che per chiedere un bonus si rischia di vedere i propri dati sensibilissimi alla mercé di tutti, il governo nazionale distribuisce milioni alla Tunisia e alla Bolivia: esattamente 71 milioni di euro.

Di Maio non ha potuto che confermare il misfatto, come potrete vedere voi stessi nel video allegato a quest’articolo. Attenzione: non regge quanto descrive il ministro in questione, che tenta vanamente di dar la colpa ad altri (che novità…) perché in una situazione attuale, che ha permesso di bloccare i voli aerei a livello planetario, di fermare le produzioni industriali, mettere i lavoratori a casa, chiudere i negozi e tutto il resto, non regge davvero l’aver onorato un impegno stretto tre anni prima. L’impegno non si onorava proprio per la situazione in cui si trova il mondo.

Vera è invece la dichiarazione dell’onorevole Del Mastro delle Vedove. I memorandum in questione non sono vincolanti.

In che mani siamo ve lo descrivo da anni attraverso i miei editoriali, gli articoli anche pubblicati su Libero, i miei libri, le mie trasmissioni video-radiofoniche. Il problema, però, è un altro, e per l’ennesima volta chiedo a ogni singolo contribuente: in che mani avete deciso di mettervi nel corso dei decenni? Perché, malgrado fosse evidente la mala gestione politica ed economica, non vi siete mossi prima, non certo facendo la rivoluzione violenta, ma chiedendo conto e ragione – diritto costituzionalmente riconosciuto ai cittadini – di quanto stesse accadendo contro la popolazione?

Nel corso degli anni ho creato petizioni, che hanno ottenuto migliaia di firme, campagne di sensibilizzazione, ho anche scritto alla Commissione Europea, come quando chiesi la cancellazione delle vecchie accise calcolate sul carburante. La risposta fu trasformare le accise che, prima, erano tasse di scopo, e quindi con una scadenza precisa.

Il male di questo sistema paese, non è rappresentato solo da chi lo governa, bensì da chi decide chi governi il paese: quella maggioranza della popolazione che non studia le cose importanti – la politica, l’economica – che non si interessa affatto alle sorti del paese e quindi di se stessa, ma pensa di aver fatto il proprio dovere andando a “votare”. Pongo tra virgolette il verbo votare, in quanto questa maggioranza di cittadini, non si è mai nemmeno sprecata per comprendere le leggi elettorali varate nel corso degli ultimi anni, che di fatto hanno cancellato la possibilità di decidere. Come ho scritto più volte nei miei articoli sul tema, piuttosto che andare alle urne, avreste fatto meglio ad andare a fare una scampagnata con mogli, mariti e figli. Almeno avreste investito su qualcosa che vale.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 14:00:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -