Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Pornografia e pedopornografia su Twitter e Telegram: la libertà di essere mostruosi

Pornografia e pedopornografia su Twitter e Telegram: la libertà di essere mostruosi
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/04/2020

Oggi voglio parlare di un tema gravissimo e che, per una volta, non è riferito al Covid-19: la pornografia e la pedopornografia su Twitter e su Telegram.

È un fenomeno che sta dilagando ed è urgentissimo porvi rimedio. Non si comprende il motivo per cui, a chi lavora nell’area sviluppo informatico del famoso social network, non viene chiesto di creare un algoritmo che blocchi la pubblicazione di contenuti odiosi oltretutto in forma pubblica: tutti, anche i bambini che già navigano su Twitter, possono imbattersi all’improvviso in uno di questi profili, degni semmai di trovarsi nei meandri oscuri del deep web.

La cosa che lascia perplessi: se io dovessi stare antipatica a qualcuno – e con la mia professione posso confermare che molti mi regalano la parte degenere del loro cervello limitato, scaraventando rabbie personali e analfabetismo funzionale sulla sottoscritta, a suon di commenti che solo i deviati mentali possono lasciare agli sconosciuti – ecco che potrei essere sospesa dopo un attacco di segnalazioni. Sospensione momentanea, ma intanto…

Non accade invece per contenuti che ritenere riprovevoli è poca cosa. Proprio stamane mi sono imbattuta su Twitter – accedendo alla homepage – su un contenuto raccapricciante: sesso violento su minori con ANIMALI e macchinari sessuali mostruosi.

Ho dovuto trattenere il vomito e la voglia di urlare, ho segnalato il profilo che – ribadisco – era pubblico.

Altri, oggi, hanno trovato altri profili e chiedono che siano soppressi.

Che una fetta di umanità andrebbe gettata in un fosso, viva, e tenuta a vita a pane e acqua è cosa certa, il fatto che nessuno faccia nulla per arginare questo fenomeno, che è invece diventato dilagante, è cosa che dovremmo andare a chiedere tutti a chi permette oscenità simili, generando peraltro un sistema di devianza praticamente tollerato, e la cui risoluzione è lasciata agli utenti, che devono pure prendersi la briga di scoprire cose simili e segnalare i troppi profili di tal genere ormai online. sistema del tutto inutile: tempo fa, in una sola sera, ne segnalai oltre 60.

Per 60 che ne segnali, ne nascono 600. L'altra faccia del problema: il numero di persone che seguono questi canali e profili è enorme. Significa peraltro che chi ha tendenze di questo genere, non ha alcun patema a renderlo pubblico. Anche in questo caso, quindi, questo comportamento così tranquillo, conferma come, se non esiste traccia di condanne con pene giuste, ecco che tutto diventa "soft", ammissibile, "normale".

Su Facebook, di recente, è stato sviluppato un sistema che blocca automaticamente video o immagini di nudo, prima che siano pubblicati. Grazie alle machine learning a ll’intelligenza artificiale ora questo è possibile. Perché la stessa cosa non sta avvenendo su Twitter. E perché su Facebook sono impiegate migliaia di persone in tutto il mondo pagate per visionare, e quindi rimuovere, le immagini e i video osceni, o violenti? Costoro, in molti casi, dopo qualche tempo cadono in uno stato di depressione e prostrazione, perché essere costretti a visionare materiali di questo genere incide profondamente sulla psiche.

Cosa sta succedendo e perché? Quale motivo si nasconde dietro al fatto che certi materiali circolino liberamente sui social network? La Polizia Postale, come sappiamo, è oberata di richieste, non si può quindi additare come “colpevole” (come fanno in molti sui social) anche perché si muove dietro denuncia e segnalazione, come è giusto che sia.

L’ultima sul tema l’ho letta pochi giorni fa: ora anche su Telegram stanno nascendo gruppi pubblici degni dei contenuti del deep web, con gente che chatta chiedendo maschietti o femminucce…non  parlano di bambole, bensì di giocattoli sessuali.

Chi sono questi bimbi, da dove provengono, di quale tratta mostruosa sono vittime, chi verifica questi settori criminali, perché sembra un tema poco importante a livello internazionale?

Infine attenzione: il lockdown mondiale, causato dal Coronavirus sta facendo diffondere  ulteriormente la pedopornografia online. Coloro che sono attratti da questo tipo di cose, corrono ai “ripari” non potendo ottenere dal vivo ciò che pretendono: carne umana di pochi anni.

Non riesco ad aggiungere altro, se non appellarmi alle coscienze di chi governa il mondo.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina





Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 14:33:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -