Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Prestare i soldi degli italiani alle imprese: la nuova idea geniale del governo Conte bis

Prestare i soldi degli italiani alle imprese: la nuova idea geniale del governo Conte bis
Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/04/2020

Il governo sta sotterrando questa nazione a colpi di “soluzioni” paradossali. Chiudere tutte le imprese, a parte quelle considerate “fondamentali” è stata la controprova dell’incapacità gestionale, o meglio: forse vi è una volontà mirata a far si che quel poco che era rimasto, crolli miserevolmente.

Prestare i soldi degli italiani alle imprese, attraverso le banche a voi pare una buona soluzione? E’ questo che sta per accadere. Sace è la controllata di Cassa Depositi e Prestiti per il sostegno alle imprese. Almeno lo sapete cosa sia Cassa Depositi e Prestiti? E’ dove convoglia tutto il flusso dei risparmi privati dei cittadini italiani.

Ora stanno proponendo presiti alle imprese, attraverso le banche, prendendo i soldi da CdP: grande idea geniale. Gli italiani che diventano debitori di se stessi. D’altronde, accadde anche quando fu proposto il prestito pensione, lo ricordate? Il pensionato aveva facoltà di indebitarsi con la banca pur di ottenere la pensione. Solo nei film e nei libri dell’orrore si potevano descrivere “soluzioni” simili.

D’altronde, da tempo si parla – si sproloquia – di “statalizzazione di Cassa Depositi e Prestiti”. A di Maio fecero dichiarare che era una buona idea far diventare CdP “Banca di Stato”. ovvio, buonissima idea…tranne che per i risparmiatori italiani.

Per farvi comprendere meglio in che nazioni viviamo da tanti anni: i fondi del TFR lasciati in gestione all’INPS sono praticamente spariti, volatilizzati. Lo dicono agli italiani? no, ovviamente. E a cosa serviamo noi giornalisiti e analisti, se gli italiani negli anni non sono stati interessati a leggere ciò che scrivevamo per mettere tutti in guardia? Cinquanta sfumature di Fake News probabilmente…

Invece di tentare di non far crollare il tessuto economico della nazione, si potevano scegliere due strade: la prima, aprire cantieri. Il virus non è un meteorite microscopico che si abbatte dal cielo e colpisce chi sta all’aria aperta. Si doveva, e poteva, sfruttare il momento e quindi la mancanza, anche, di circolazione di vetture nelle strade, per mettere finalmente a posto la nazione, programmando un decreto ad hoc per favorire le imprese del settore – a livello fiscale – e i lavoratori, con contratti sviluppati appositamente.

I lavoratori, ovviamente, dovevano essere messi in sicurezza, facendoli lavorare col distanziamento e le dovute protezioni. Ma come poter anche solo immaginare una soluzione simile, fattibile, in una nazione che attende che le mascherine ce le inviino da Marte, piuttosto che agevolare le industrie tessili – di cui eravamo un vanto a livello mondiale – a riconvertire almeno un settore nella produzione di mascherine? Si poteva decidere di agevolare l'industria tessile nella riconversione di settori per la realizzazione di mascherine, invece di attendere che ce li inviino da Marte. 

Le soluzioni esistono, ed esistono da sempre. Peccato che solo in questa nazione non si applichino mai.

Non sono nata giornalista: a cavallo tra gli anni '80 e '90 sono stata titolare di una grande azienda nel settore dell'informatica. E' crollata dopo che ho subito un terribile incidente stradale, che mi ha tenuta fuori dal mondo per anni e che ancora adesso mi fa subire i suoi effetti: so cosa sia fare impresa, e non farla crollare. Infatti la mia chiuse i battenti per mala gestione di chi rimase al comando. Incapaci di fare impresa, di capire le dinamiche, di sapere dove investire e dove no. 

Ecco la mia proposta, rilanciata ieri dopo che l’avevo ideata e presentata per la prima volta nel 2009: Proposta: creiamo il Fondo Economico Sociale (Sto ricevendo molte proposte di sviluppare questa mia iniziativa, prenderò in considerazione solo chi mi dimostrerà di aver compreso che solo la trasparenza assoluta è alla base del mio progetto. E se non sapete COME metter su un sistema simile nella massima trasparenza, vi consiglio di non svilupparlo, perché gli italiani non permetteranno uletriori scandali sulla loro pelle)

In molti, nel corso degli anni, mi hanno chiesto di entrare in politica. Ho dovuto spiegare i motivi per cui non l'ho fatto...candidandomi.

Spiego meglio: nel 2010 mi presentati alle regionali nel Lazio. Volevo candidarmi solo per dimostrare agli italiani che le persone come me, quelle che non si fanno deviare da soldi e potere, non possono essere ammesse in politica. Scelsi quindi l'unico partito che mi permise di candidarmi SENZA tesserarmi, e fu il Partito Socialista.

Dopo la ratifica della mia candidatura, accadde ciò che mi attendevo: inizai a ricevere telefonate da perfetti estranei, che volevano sotenere la mia candidatura e da molte parti d'Italia. Non sapevo chi fossero e risposi educatamente "No".

Alle elezioni presi meno di 10 voti compreso il mio. In questo modo ho potuto dimostrare ciò che dico da sempre. 

Mi proposero anche, nel 2001, di candidarmi alla direzione della Confindustria di una città del centro Italia, cosa che feci ma... non voglio tediarvi coi racconti personali. Avete capito sicuramente lo spirito di chi crede davvero in ciò che fa, e crede davvero nei diritti civili e nella democrazia, quella che non è mai stata avviata, se non sulla carta costituzionale.

Guardate questo video: è del 12 Marzo 2019 - Di Maio presenta un progetto per le imprese e parla di Cassa Depositi e Prestiti: https://www.youtube.com/watch?v=otaxrxcK2jI

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 03/06/2020 10:36:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -