Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Opinioni  
Elsa Fornero ed i giovani 'choosy'. Ma c'è anche chi scrive 'Grazie Fornero'...

Elsa Fornero ed i giovani 'choosy'. Ma c'è anche chi scrive 'Grazie Fornero'...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 24/10/2012

 

In un articolo di opinione apparso oggi su panorama.it, Marco Ventura, i sostiene senza alcun dubbio la versione Fornero sulla poca adattabilità dei giovani al primo lavoro. Lo fa con un'enfasi tale che gli fa dimenticare altre realtà, altre possibili visioni dello stesso problema. Avere una visione monolitica di un problema complesso, non fa onore a nessuno. Né alla Fornero, né a chiunque sostenga a spada tratta qualsiasi azione o pensiero mancante di possibili alternative visioni prismatiche.

Ventura si sa è un collega ligio. Ligio alla professione e ligio nell'abbracciare in toto cause che ritiene via via di dover santificare fino al punto da divenire opinionista sostenitore integralista delle sue sole idee. Si dimise dalla redazione el quotidiano "Il Giornale" perchè ritenne che non gli si lasciava troppo spazio per tessere le lodi di Silvio Berlusconi (...). In questa intervista a Luca Telese, nell'ultima domanda potete leggere il fatto accaduto a suo tempo.
Rispetto profondamente lui, il suo modo di fare giornalismo e di abbracciare cause di qualsiasi tipo. Sono per la libertà totale di opinione e di espressione. Non comprendo, ma rispetto.

Il giornalismo però, anche quando si fa opinione, dovrebbe lasciare aperte porte di possibili visioni prismatiche, si da lasciare liberi i lettori di poter compiere quel sacrosanto "miracolo" chiamato opinione propria.

Orbene: se è pur vero che in Italia molti giovani sono "rei" di non sbattersi più di tanto nella ricerca di un qualsiasi primo lavoro, e rimangono sospesi in uno stato "meditativo" convinti di poter prima o poi assurgere ai fasti di incarichi di prestigio per il solo fatto di aver ottenuto un qualche pezzo di carta da attaccare alla parete con tanto di cornice, tanti sono coloro – e non da oggi – che pur di lavorare, trafiggono con la freccia del compromesso estremo, anni di studi, dedicando la loro ricerca di impiego ad incarichi del tutto lontani da ciò in cui si sperava o per cui per anni ci si è affannati sui libri.

Call center colmi di laureati sono li a testimoniare le mie parole, ma non solo. Commesse nei negozi, distributori di volantini nelle strade e di giornali free press alle uscite dalle metropolitane. Non è che ci voglia un sondaggio Istat per vedere la poliedrica realtà che affligge il nostro paese sul tema giovani ed accesso al lavoro. Spesso peraltro costoro - umiliati nel fondamentale diritto ancor oggi sancito dalla nostra Costituzione di trovar lavoro a seconda delle proprie attitudini – sono costretti pure a ritenersi "fortunati" di aver trovato un qualcosa da fare pur di non stare del tutto a ridosso delle economie familiari.

Ritengo che, quando si ricoprono ruoli pubblici e negli ambienti che dovrebbero essere più vicini alla vita sociale del paese, si dovrebbero ben calibrare le parole, pesarle ed utilizzarle al fine di non creare mai dubbi, mistificazioni e rivolte civili.

Il compenso che si ottiene ogni mese per l'incarico di Ministro, comprende anche la capacità di non sbagliare a parlare, di non fare di tutta l'erba un fascio, di non sproloquiare ottenendo dai propri sproloqui sentenze unanimi di disapprovazione popolare.

E ricordo anche, a tutti, che la popolazione non ha il dovere di conoscere termini in lingue diverse da quella nazionale: la Fornero quindi, dovrebbe rivedere nel suo complesso il suo modo di interagire con la popolazione, sia essa un ministro "tecnico" o meno. Perché la tecnicità non da mai a nessuno il diritto di irriverenza.

Oltretutto, i modi irrispettosi – parte ormai integrante, a quanto pare, di un sistema politico/tecnico che sfida continuamente a parole e coi fatti la fonte primaria dello stato italiano: i cittadini "comuni" – provenendo da quegli ambiti che dovrebbero semmai sostenere i diritti umani a 360° appaiono ancor più stridenti, se si considera che la Fornero ricopre un ruolo di cui tutti ormai ci chiediamo la reale necessità: è un Ministro del "lavoro" nel senso che tende ad ottenere minori garanzie per i lavoratori ed i pensionati ed è anche, ministro dell'ex welfare. Una situazione quanto meno schizofrenica, ammetterete, considerando che in Italia il Ministero del lavoro è quello che costa ai cittadini la cifra più alta fra tutti i Ministeri: 100mln di euro l'anno.

Un consiglio spassionato: più umanità. Più consapevolezza reale del proprio ruolo. Più dimestichezza con le metodiche comunicative che dovrebbero essere il primo fondamento di chiunque sieda dietro una scrivania sopra la quale si tracciano i confini della vita di milioni di persona e si siglano DDL ed accordi che non possono far dimenticare come il bene primario di ogni nazione, siano i cittadini.

Ed un ultimo pensiero: mai oltraggiare la popolazione se poi nel proprio microcosmo non si può applicare quanto si dichiara e si auspica. In queste ore infatti, molti utenti – giovani e meno – si chiedono se la figlia del Ministro Fornero abbia mai avuto la possibilità di "non essere…Choosy".
Licenza Creative Commons
Elsa Fornero e i giovani "choosy". Ma c'è anche chi scrive "grazie Fornero"... by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2342.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/10/2020 10:15:18

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Opinioni

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 27/07/2013
Non esistono piu' i Colpi di Stato di una volta...

Chi oggi come oggi realizzerebbe nel nostro Paese un Colpo di Stato? E’ una domanda che mi è stata posta spesso negli ultimi tempi, sia da lettori che da colleghi e conoscenti. La mia risposta – ogni volta – è stata la stessa: “Lo Stato. Attraverso il Governo”

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2013
M5S: Grillo vittima di se stesso. E dei grillini…Io credo che Grillo ormai è vittima di se stesso, dell’idea di un Movimento che non può funzionare perché nulla di dissimile ha mostrato al Paese. Ed è vittima dei suoi stessi “cittadini” parlamentari, che lo hanno tratto in inganno, contraddicendo subito un sogno che oggi non appartiene a nessuno perché nessuno ha avuto la capacità di metterlo in atto.
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 17/12/2012
Italia: ci vorrebbe un 'dittatore'. Svedese...E’ meglio essere i primi fra i peggiori o gli ultimi fra i migliori? In pratica, la sostanza non cambia, anche se a prima vista la seconda opzione potrebbe far pensare ad un livello di positività, anche se al ribasso. L’Italia in qualsiasi classifica, sia essa relativa agli stipendi europei, al livello di sistema sanitario, a quello riferito alla scolarizzazione e tutto ciò che globalmente crea il sistema Paese, è sempre matematicamente nella classifica peggiore.
Leggi l'articolo

Autore: Giovanni Da Messina
Data: 12/05/2012
Italia: ecco perchè - nonostante tutto - non scoppia la rivoluzione VIDEOIn molti oggi, si chiedono come mai, nonostante la crisi del mondo politico ed economico, nonostante le continue vessazioni contro la popolazione, nonostante sia ormai palese che il denaro c'è solo per coloro che hanno un ruolo politico nel nostro paese, di rivoluzione di parli ma non se ne faccia. Il Filosofo Umberto Galimberti da una lettura della situazione
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -