Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Satira  
W l'Italia

W l'Italia
Autore: Davide
Data: 04/04/2013

 

Che l'Italia fosse un paese che già in passato ha fatto ridere non è una novità. Gli altri Stati da che l'Italia è unita  ci dipingono come una sorta di Pulcinella tutto pizza e mandolino o come un Arlecchino servitore di 2 o più padroni. Non c'è quindi da stupirsi che ci si sia affidati soprattutto negli ultimi anni a pianisti da  piano bar o cabarettisti da poco riconvertiti ad una delle tante neo religioni stile Scientology con tanto di Casaleggio gurù a cui manca il saio stile accappatoio di "Quelo". Che dire poi di un leader di sinistra che sembra si faccia scrivere i testi da un comico anche egli genovese?

D'altro canto anche i vari "statisti" del passato di cui qualcuno ancor ora osa vantarsi, da Mussolini a Craxi, non sono mica stati esattamente dei politici "puri". Sempre o quasi gente che prima di decidere di entrare in politica avevano millantato, recitato, vantato titoli inesistenti o peggio fatto finta di essere anche "onesti".

Tutti uniti i politici in quelli che alcuni giornalisti appartenenti ad una casta etichettano come? Manco a dirlo: casta.

Tutti pronti i politici da Razzi e Scilipoti in poi a sottolineare l'importanza l'undicesimo comandamento. Allineati con le lore macchine sempre più blu come i cieli cantati da Reitano. Con le loro cravatte cangianti dal rosa stile confetto al verde stile talebano del nord. Procacciatori di affari per donnine dai facili costumi e dai costumi carnevaleschi tipo infermiera o giudice in gonnella. Baciatori di mani di dittatori. Tecnici del prelievo forzoso e forzato. Avvocati di colleghi inquisiti. Rubagalline divenuti spenna polli. Arraffatori di poltrone.

Tutti uniti a protegere la loro posizione di potere. Tutti pronti a coprirsi il culo l'un l'altro. Uniti anche se in televisione recitano la commedia arruffata delle comari.

Siamo noi Italiani che invece non siamo  stati uniti mai. I "fratelli" d'Italia di Mameliana concezione sono rimasti nei fatti una sorta di tendere verso un cristianesimo dove per imposizione di uno dei tanti comandamenti, forse proprio l'undicesimo,  ci siamo dovuti mettere daccordo per scegliere una lingua almeno simile da parlare.

Non tanto per spirito di patria ma per potere cantare gli stessi cori durante le partite della nazionale.

Tutto ci divide. L'Italia è lunga. Il clima è diverso in maniera sostanziale. Diverse le abitudini. Diversi gli usi. Solo una cosa ci accomuna: il disperato tentativo di resistere all'urto delle economie altre dalla nostra

barcamendandoci in quell'arte molto minore divenuto un vanto nostrano: arrangiarsi. Un misto di rinuncia a migliorare realmente e di capacità di recuperare risorse insperate nelle pieghe di attività non sempre e non del tutto lecite.

Incapaci di pensare al bene comune. Sempre pronti a buttare una cartaccia per la strada tanto qui non è casa mia. Sempre pronti a domandare ed a risponder no quando vi viene richiesto qualsiasi cosa. Pronti a ribadire le proprie radici al punto di diventare razzisti verso noi stessi. Pronti ad emigrare pur di piangere su una patria che nella realtà non ci appartiene. Divisi come un gregge disperso da un perenne temporale.

Perchè stupirsi quindi se da sempre c'è voluto qualcuno che in modo personalistico si presentasse a condurci per mano come pecore e caproni? Perchè tanta meraviglia che per l'ennesima volta alla fine di un'era, quella berlusconiana, se ne prepari un'altra stavolta "grillesca". E' già: grillesca e non grillina che se no si offendono pure codesti geni nipoti di cotanti navigatori santi ed eroi.

L'Italia si è sempre meritata i suoi "condottieri" pronti a far affrontare le più assurde Caporetto che si possano immaginare. Condottieri pronti a negare la loro appartenenza a logge massoniche o società trilaterali che hanno l'unico scopo di proteggere i loro adepti. Condottieri che si vestono del costume dei Capitan Fracassa e che promettono "chiu pilu pi tutti" in cambio di rimborsi elettorali e vacanze pagate a loro insaputa da altri.

Improcessabili e non inquisibili. Godono non solo delle immunità ma anche del divario che ci separa. Perchè loro sono loro e noi non siamo un cazzo. Si rifiutano di collaborare, di modificare la legge elettorare, di occuparsi delle cose urgenti tanto cosa vuoi che siano 2 mesi in più rispetto a vent'anni. E che non ci si venga a raccontare che qualcuno di loro è diverso.
 
E' semplicemente appena entrato. Dategli il tempo di acclimatarsi.



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/10/2020 10:07:03

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Satira

Autore: Luca Nasetti - Redazione Cultura
Data: 25/01/2014
Auditorium, Festival delle Scienze: i linguaggi. Storia semiseria della nascita di una 'frase'

Parla come mangi. Detto ormai in disuso e sdoganato, da oggi si deve dire “parla come pensi”. Luoghi comuni popolari invero, il cui significato è noto ai più (non a tutti, perché molti sempre più spesso si dimenticano di usare il filtro posto alla base del cervello e danno sfogo a pensieri non proprio politically correct).

Leggi l'articolo

Autore: Davide
Data: 22/04/2013
Condominio ItaliaI soliti zerbini davanti alle porte. Le solite gomme americane attaccate sugli scalini dell'androne. Le solite sigarette buttate nelle aiole. Le solite targhette unte e bisunte dell'ascensore. "MPS. Manutenzione Pianteante Sollevattrici. Ditta responsabile della manutenzione. Max carico 130 kili. Max 4 persone."
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 08/04/2013
Ingroia l ' errante: dalla Rivoluzione alla RiscossioneIngroia ha anche un’altra peculiarità che certamente verrà studiata scientificamente nei decenni a venire: quella di sapere rimbalzare plasticamente, proprio come una pallina di gomma. Lo prendi, lo sbatti lì, lui rimbalza, torna indietro, risbatte – random (…) – da un’altra parte. Lo prendono e tentano di tirarlo da un’altro lato (Aosta).
Leggi l'articolo

Autore: Davide
Data: 05/04/2013
Crisi di Governo: una soluzione...stupefacente

Bersani ha di nascosto sostituito in privato il suo sigarone con una E-sigarette con ricarica dalla ricetta segreta dal nome Jamaica Sweet. Ecco la spiegazione al suo tentativo malgrado l'evidenza a tentare ancora di presentarsi come il futuro presidente del consiglio. Grasso cerca di limitare i danni imponendo limiti sul consumo alla Buvette che non potrà più vendere le cartine lunghe.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -