Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
In Italia si sfiduciano gli onesti e non e' un film

In Italia si sfiduciano gli onesti e non e' un film
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/08/2017 15:32:19

 

La vicenda del sindaco di Licata – Angelo Cambiano – sfiduciato perché “Troppo attivo nella lotta contro l’abusivismo”, esce dallo schermo cinematografico, nella divertente – quanto reale – interpretazione dei due attori siciliani del film “L’ora legale”, per tramutarsi in realtà.

Una realtà paradossale, se solo vivessimo in una nazione normale. E per normale intendo onesta, con un sistema politico votato alla saggia amministrazione della cosa pubblica, quelle cose cioè che dalle nostre parti sono uscite dalla lista delle cose possibili, lasciando il posto al paradossale, accettato però dalla popolazione, con una capacità oramai grottesca di non muovere un solo muscolo di fronte alle troppe situazioni contrarie alla decenza.

Apprendiamo quindi, che nel nostro “Bel paese” ad esser sfiduciati sono gli amministratori onesti, e che applicano la legge. Costoro, sono oramai considerati una sorta di granello nell’ingranaggio oleatissimo della corruzione, che – effettivamente – rende possibile la realizzazione, in tempi più o meno brevi, si ogni tipo di illegalità, in special modo nel settore edilizio.

Come si permette, il sindaco di una città siciliana di prendersi la briga di voler applicare la legge? Ma siamo matti? Vogliamo per caso dare il cattivo esempio? Vogliamo per caso far scoprire a tutti i comuni italiani, che esistono le leggi e che possono essere persino rispettate? Non scherziamo! Cosa accadrebbe poi, a tutto il sistema della politica locale nazionale, che va avanti – ormai da tempo immemore – solo grazie ai favori, e ai favori dei favori, e ai voti di scambio e alle mazzette? Funziona così bene per tutti, questo sistema…

Ecco: questa vicenda sia di insegnamento a tutti. Sia di esempio finale di come in un sistema paese il cui livello di corruzione è arrivato a superare persino quello della Grecia pre default, non può esistere onestà. Non possono esistere politici, anche e soprattutto locali – quelli che sono più vicini alle realtà del territorio italiano – che vanno contro il sistema corrotto. Non possono esistere, semplicemente perché rischierebbero di far cadere, uno dopo l’altro, gli schemi ormai collaudatissimi di quella politica che va avanti per favoritismi, di piccolo e grande livello, e che si fondano proprio su un sistema burocratico assurdo, che invece di semplificare rende impossibile a chiunque di portare avanti qualsiasi cosa, sia essa una richiesta di licenza commerciale, sia un ammodernamento edilizio.

Quale pensavate fosse il motivo per cui nemmeno chi lavora nel sistema amministrativo pubblico riesce a capire una virgola delle regole burocratiche nazionali? Sostenere la corruzione, ovvio. Ed ecco perché, gli epurati in Italia non saranno mai i delinquenti ma gli onesti, che pensano di apportare migliorie, invece apportano dissesto, almeno secondo l’ottica e il pensiero generale.

Ora che vi è un poco più chiara l’antifona, immaginate – alzando il tiro del livello politico – come funzioni la politica nei palazzi del potere. Se a livello di politica locale, si sfiduciano gli onesti, non è difficile immaginare di cosa possano esser capaci i parlamentari della Repubblica.

Non aggiungo altro. Ognuno tragga le riflessioni che ritiene più opportune.

Buon Ferragosto a tutti.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina


L'articolo ha ricevuto 1248 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/07/2018 21:31:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/07/2018 15:15:02
Violenza sessuale: un po’ di chiarezza sulla sentenza di Cassazione 32462/18

Prima di tutto: la Corte di Cassazione NON ha assolutamente detto che i due violentatori non sono rei di violenza sessuale. No. Hanno detto una cosa diversa. I due violentatori sono stati ovviamente condannati per violenza sessuale, mancando il consenso della vittima, ma non è stata considerata l’aggravante, come da articolo 609-ter del codice penale, che recita...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/07/2018 20:26:45
Lettera aperta a Matteo Salvini sul criterio di ‘clandestinità’

...deve chiarire agli italiani un concetto, e deve farlo dall’alto del suo incarico di Ministro degli Interni (e non della Difesa come si atteggia ad essere): il termine “Clandestino” può essere applicato solo a patto che, le persone che lei così appella, una volta presentata l’istanza per il riconoscimento dello stato di rifugiato o di profugo, se la vedano negata, con dovizia di particolari però. Non basta ancora, perché chi si vede respingere tali istanze, ha diritto di appello, e già solo per ricevere la risposta definitiva, l’iter prevede che passino tre mesi".

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/07/2018 13:32:50
Taser: le verità nascoste

Ma cos’è e come funziona un Taser? Il nome è l’acronimo di “Thomas A Swifts Eletronic Rifle” ossia “il fucile elettronico di Thomas” che era il protagonista di uno storico fumetto di fantascienza. Volendo semplificare, è un emettitore di energia elettrica ad alta tensione: 50.000 volt. Non esattamente “un’arma di dissuasione” quindi, come va dichiarando Salvini. Non appena il soggetto interessato dalla scarica elettrica viene colpito, avviene una paralisi muscolare. Fu introdotto negli anni ’60, ma in versioni molto meno aggressive. I modelli in grado di paralizzare una persona, sono più recenti, arrivati negli anni ’90.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/07/2018 15:20:43
Reintroduzione dell'Educazione civica nelle scuole: una rivoluzione culturale necessaria

Diversi anni fa in Italia, nelle scuole medie e superiori, vi era l’obbligo di insegnare l’Educazione Civica. L’ora di educazione civica fu introdotta da Aldo Moro nel 1958 e fu soppressa d’improvviso durante l’anno scolastico 1990/91

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -