Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Caso Catalogna: nessuno sia libero in Europa

Caso Catalogna: nessuno sia libero in Europa
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 01/11/2017 11:42:12

 

Seguire le vicende tra la richiesta di indipendenza della Catalogna e la risposta autoritaria da parte della Spagna ci conferma come, in Europa, il termine “Democrazia” sia del tutto andato a ramengo.

Non bastava la ventata nazista arrivata in Austria con l’avvento del giovane Ministro degli Esteri Sebastian Kurz, da tutti indicato come il prossimo cancelliere, che non fa alcun mistero dei suoi ideali – concretizzati a parole e fatti – che non ci mettono affatto tranquilli sull’ipotesi di un ritorno agli antichi fasti di regimi alquanto autoritari.

Ci si mette anche la Spagna, che dovrebbe essere più avvezza al dialogo che ad assumere il piglio di una nazione a regime dittatoriale.

Puidgemont, dopo un referendum che ha confermato la schiacciante vittoria di un’idea popolare di indipendenza, è dovuto fuggire a Bruxelles a chiedere persino asilo politico, manco avesse compiuto il peggiore dei reati contro l’umanità intera.

Tutto ciò è paradossale, e sarebbe quasi comico se si trattasse di un film o di una barzelletta. Invece…

Invece a quanto pare, dopo le vicende della Brexit, e dopo che ci è stato chiarito come in Europa si stia diffondendo il seme di un regime comunitario ma solo per ciò che conviene ai governi, apprendiamo come sia del tutto inutile tentare un qualsiasi discorso basato sulla libertà di pensiero delle popolazioni. Tira una brutta aria dalle nostre parti.

A dirla tutta Rajoy, presidente della Spagna,  attualmente sembra esser tornato ai tempi del franchismo, quando in Spagna non esisteva alcun tipo di tolleranza, il popolo non aveva alcun diritto civile e tutto appariva stagnante, in uno stato dittatoriale che ha combinato più danni che effetti da ricordare con nostalgia.

Ma perché tanto furore contro le velleità indipendentiste della Catalogna? E’ presto detto: la Catalogna è ricca. La Spagna, perdendone il controllo, verrebbe a perdere un mucchio di convenienze. Di conseguenza, niente indipendenza, niente democrazia, niente possibilità di uscita.

Anzi. Puidgemont corre a chiedere aiuto direttamente a Bruxelles, sperando in un’accoglienza che lo salvi da minacce tanto gravi quanto ridicole, se solo le parole e gli slogan propagandistici politici, a livello europeo e non solo, avessero un senso.

D’altronde, la stessa cosa avviene nel nostro territorio e per le stesse ragioni: Lombardia e Veneto recriminano – ormai da tempo immemore – lo stato di regioni autonome, ma il governo centrale non ci pensa affatto a concedere questa opportunità: d’altronde, fanno gola alle casse dello Stato quei circa 70 miliardi di euro che arrivano ogni anno dalle tasse e dalle imposte generosamente versate dalle due regioni tra le più ricche d’Italia. Mica fessi.

Riflettiamo quindi su come, ancora una volta, non si stia parlando di strategie politiche rivolte all’unità delle nazioni, quanto al solito metodo che mette i soldi dinnanzi a tutto. D’altronde ormai è chiaro pure a chi non capisce un tubo che della democrazia non fotte nulla a nessun governo al mondo, e che l’unico scopo per cui esiste ancora un sistema politico è quello di garantire a chi ne fa parte una stabilità economica resa possibile dalle popolazioni, ridotte sempre più alla povertà e alla schiavitù.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 1792 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2018 21:54:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/10/2018 14:23:40
Premi in denaro ai medici che revocano le invalidità civili: una bastardata firmata INPS

Per sconfiggere il cancro dei falsi invalidi, invece di trovare soluzioni moralizzatrici dedicate a chi permette gli abusi e l’appropriazione indebita di diritti civili, come si è pensato di agire? Con uno strumento che chiamare vessatorio nei confronti di chi invalido è realmente, è dir poco. Si decide di premiare, con denaro sonante, i medici che si dedicheranno alla nuova Santa Inquisizione, attraverso la revoca dello stato di invalido civile.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/10/2018 13:39:34
Lo spread, le dichiarazioni sibilline di Salvini e i risparmi a rischio degli italiani

Sento l'urgenza di dirlo: gli italiani devono smettere di finanziare le promesse elettorali. Devono smettere di pagare, col proprio denaro, lavoro e futuro, il successo e l’immagine  dei politici che sostengono. Devono smettere, sostanzialmente, di non comprendere che tutto ciò che accade in Italia, accade a causa degli italiani, che di finanza, economia e politica continuano a non capire un fico secco. Ma continuano, incessantemente, a pagare pur di veder realizzate, poco  e male a ben vedere, quattro chiacchiere elettorali. Come bambini scemi disposti a regalare l’ultimo biscotto pur di aver in dono l’involucro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/10/2018 15:24:52
DEF: il governo si prepara a dare ogni colpa alla Commissione Europea

Arriva Salvini e che fa? Per accontentare l’elettorato si mette a chiudere i porti, fa la voce grossa, dichiara che “se ne frega” di tutto e tutti. “Prima gli italiani” slogan ormai penosamente ribadito senza però contenuti coerenti, continua ad essere il leitmotiv di un governo che sta già mostrando tutte le sue criticità e debolezze. Così facendo, Salvini si è messo contro chi, fino a oggi, ha sopportato gli sforamenti, i ritardi nei pagamenti degli interessi sul debito pubblico. Ha, di fatto, distrutto un equilibrio già di per se instabile, senza contare il rischio – concreto secondo alcuni esperti islamisti – di ritrovarci bersaglio di attacchi terroristici.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/10/2018 07:06:38
Il debito di cittadinanza

Diciamola tutta: pur di mantenere la promessa di un reddito di cittadinanza, s’impoverisce ancor di più la fascia di popolazione medio bassa, proprio quella che è già in sofferenza ed è già mediamente indebitata di suo, a causa della perenne crisi economica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -