Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Dal cellulare più lungo al pulsante nucleare più grosso

Dal cellulare più lungo al pulsante nucleare più grosso
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/01/2018 10:08:24

Un tempo gli esseri umani di sesso maschile si misuravano – letteralmente parlando – la zona genitale, per assicurarsi un primo posto nel Gotha di coloro che “ce l’hanno più lungo”. Era un passaggio sacrale tra l’adolescenza e l’età adulta. Molte persone ricordano certamente queste “gare al centimetro”.

Tra la burla e la condizione umana che si sottopone a estenuanti prove di maggiori prestazioni fisiche ma anche dialettiche, ci siamo poi ritrovati – era la fine degli anni ’80 – ad esasperanti gare a chi ce l’aveva più lungo. Organi sessuali? Macché. Cellulari. Nuovi simboli fallici in una società che si slanciava in corsa verso dinamiche che nulla hanno a che fare con l’essere umano ma sempre più con ciò che può far apparire l’essere umano più o meno migliore e prestante. Almeno secondo i parametri sociali attuali, dettati sostanzialmente dalle regole di mercato.

Dal cellulare più lungo, il passaggio è stato poi quello al cellulare più potente, poi a quello più sottile, per poi passare a quello più costoso. Nel frattempo, c’era chi gareggiava anche sul possesso della vettura più costosa e potente, o sulle amicizie altolocate da sbandierare manco fossero stellette attaccate al petto dopo missioni militari di alto valore strategico.

Oggi, proprio sul fronte delle strategie politico-militari che vedono protagonisti territori che comandano sul mondo intero, come gli USA, e minuscole potenze come la Corea del Nord, il cui capo indiscusso – l’originale giovane dittatore Kim Jong-un su cui nutro un notevole sentimento di simpatia – abbaia come certi cagnetti che con la loro grinta riescono a spaventare certi molossi, la gara si gioca tutta a chi detenga il pulsante nucleare più grosso.

Il minuscolo mastino nordcoreano abbaia per primo, mostrando i denti: “Attento Trump. Ho il pulsante nucleare sulla mia scrivania. Se voglio, ti anniento”. Di rimando il mastino statunitense, Donald Trump: “Anch’io ho il pulsante nucleare, ma ce l’ho più grosso del tuo”. Come cambiano i tempi: oggi la verifica si fa sulla grossezza dei pulsanti nucleari, mica sulla misurazione metrica delle parti intime

A me tutto ciò fa ridere. E’ palese infatti, come tutta questa diatriba altro non sia che un mostrar di denti, un ringhiare nel tentativo – abbastanza riuscito – di spaventare l’avversario e il mondo intero.

D’altronde, come scrissi in questo recente editoriale dal titolo “Corea del Nord: forse Kim Jong-un tanto pazzo non è” il giovane dittatore coreano è più in cerca di visibilità e ammissione del suo potere, da parte delle potenze occidentali, che in odore di scatenare una guerra nucleare, che non sortirebbe vincitori ma solo vinti.

Nell’eterna battaglia tra chi ce l’ha più lungo, più sottile, più grosso, più bello, l’unica cosa che possiamo fare è quella di assistere divertiti a questi giochi senza frontiere, che servono soprattutto a scatenar gazzarra, in un mondo ormai indistintamente aggredito dal caos. Prendiamo le parti migliori di ogni vicenda, è meglio.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina


L'articolo ha ricevuto 1248 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2018 21:53:34

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/10/2018 14:23:40
Premi in denaro ai medici che revocano le invalidità civili: una bastardata firmata INPS

Per sconfiggere il cancro dei falsi invalidi, invece di trovare soluzioni moralizzatrici dedicate a chi permette gli abusi e l’appropriazione indebita di diritti civili, come si è pensato di agire? Con uno strumento che chiamare vessatorio nei confronti di chi invalido è realmente, è dir poco. Si decide di premiare, con denaro sonante, i medici che si dedicheranno alla nuova Santa Inquisizione, attraverso la revoca dello stato di invalido civile.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/10/2018 13:39:34
Lo spread, le dichiarazioni sibilline di Salvini e i risparmi a rischio degli italiani

Sento l'urgenza di dirlo: gli italiani devono smettere di finanziare le promesse elettorali. Devono smettere di pagare, col proprio denaro, lavoro e futuro, il successo e l’immagine  dei politici che sostengono. Devono smettere, sostanzialmente, di non comprendere che tutto ciò che accade in Italia, accade a causa degli italiani, che di finanza, economia e politica continuano a non capire un fico secco. Ma continuano, incessantemente, a pagare pur di veder realizzate, poco  e male a ben vedere, quattro chiacchiere elettorali. Come bambini scemi disposti a regalare l’ultimo biscotto pur di aver in dono l’involucro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/10/2018 15:24:52
DEF: il governo si prepara a dare ogni colpa alla Commissione Europea

Arriva Salvini e che fa? Per accontentare l’elettorato si mette a chiudere i porti, fa la voce grossa, dichiara che “se ne frega” di tutto e tutti. “Prima gli italiani” slogan ormai penosamente ribadito senza però contenuti coerenti, continua ad essere il leitmotiv di un governo che sta già mostrando tutte le sue criticità e debolezze. Così facendo, Salvini si è messo contro chi, fino a oggi, ha sopportato gli sforamenti, i ritardi nei pagamenti degli interessi sul debito pubblico. Ha, di fatto, distrutto un equilibrio già di per se instabile, senza contare il rischio – concreto secondo alcuni esperti islamisti – di ritrovarci bersaglio di attacchi terroristici.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/10/2018 07:06:38
Il debito di cittadinanza

Diciamola tutta: pur di mantenere la promessa di un reddito di cittadinanza, s’impoverisce ancor di più la fascia di popolazione medio bassa, proprio quella che è già in sofferenza ed è già mediamente indebitata di suo, a causa della perenne crisi economica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -