Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Sigarette elettroniche: NO al Monopolio di Stato! Firma la petizione

Sigarette elettroniche: NO al Monopolio di Stato! Firma la petizione
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/01/2018 12:04:02

Ci siamo: come ci si aspettava, lo Stato italiano ha messo le mano sul mercato delle sigarette elettroniche, imponendo che i liquidi – con o senza nicotina – debbano essere gravati di imposte altissime, che arrivano addirittura al 450%

E’ stata introdotta una tassa di 0,37 euro per ogni millilitro di liquido di ricarica, con o senza nicotina. Tenendo conto dell’IVA, significa che i flaconi di ricarica da 10 millilitri – che durano pochi giorni ai consumatori abituali – costeranno tra i 4,50 e i 5 euro in più.

Non basta: dal prossimo aprile, anche il glicerolo utilizzato per creare i liquidi per le sigarette elettroniche subirà un incredibile aumento, passando dagli attuali 20 euro al litro a ben 450 euro al litro, a causa dell’aggravio fiscale imposto dallo Stato italiano.

Molti italiani sono riusciti ad affrancarsi dal vizio del fumo grazie alla comparsa sul mercato delle sigarette elettroniche, che fanno molto meno male delle sigarette tradizionali, grazie alla composizione dei liquidi inalati e la mancanza di combustione che avviene invece nelle sigarette con tabacco e che sviluppa centinaia di sostanze altamente tossiche.

Oltre ciò, il risparmio che consegue all’utilizzo di questi dispositivi era notevole per il consumatore, che ora si ritrova a pagare 10ml di liquido con o senza nicotina, al pari di un pacchetto di sigarette.

Tutto ciò è INACCETTABILE.

Gli aumenti spropositati, l’imposizione della vendita esclusiva attraverso il Monopolio di Stato, assoggetta la popolazione a un ritorno al tabagismo: in considerazione delle imposte ora applicate infatti, saranno molte le persone che decideranno di tornare a fumare.

Non basta: il comparto commerciale – sia per ciò che riguarda i negozi tradizionali sia per ciò che concerne le aziende che operano online – aveva un giro di affari notevole, e dava lavoro a migliaia di persone in Italia.

Ora, a causa di questa vera espropriazione di un diritto dei cittadini, da parte dello Stato, i lavoratori rischiano di perdere il posto, i cittadini rischiano di tornare a fumare, e in tutto ciò lo Stato si preoccupa solo di accaparrarsi gli introiti relativi al settore dello svapo e non si interessa minimamente della salute dei cittadini.

Ricordo a tutti che il Monopolio nacque NON per imporre accise, bensì per garantire ai cittadini il controllo dei costi di determinati articoli, quali le sigarette e gli alcolici.

Da troppi anni invece, è divenuto un ulteriore contenitore di gabelle – sempre più pesanti – che assottigliano ancora di più la capacità economica dei cittadini.

BASTA: lo Stato deve tornare a occuparsi della salute, del benessere, dell’economia dei cittadini.

Firma e fai firmare questa petizione! Clicca sul banner e firma.

Emilia Urso Anfuso

 

 

 

L'articolo ha ricevuto 848 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/09/2018 05:34:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/09/2018 06:26:10
Popolazione italiana in diminuzione: i motivi a monte del calo demografico

Un recente studio, presentato al Festival della Statistica che si è tenuto a Treviso dal 21 al 23 Settembre, ha dimostrato come, entro il prossimo secolo, la popolazione italiana si ridurrà a circa 16mln di persone. Un vero disastro, considerando che oggi la popolazione italiana totale è composta da circa 60mln di cittadini.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 19/09/2018 09:30:20
Emanuele Filiberto di Savoia: un gesto di solidarietà che scalda il cuore

Un bel gesto di solidarietà, da parte del Principe Emanuele Filiberto di Savoia, che ha deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare i genovesi, toccati dalla tragedia del crollo del ponte Morandi.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/09/2018 06:53:06
Le regole del razzismo

Per chi non lo sapesse: l’apartheid non fu istituito in territori abitati da bianchi, bensì in Sudafrica, esattamente nel territorio meridionale del Continente africano, e molti dei suoi sostenitori erano sudafricani di pelle bianca, i cosiddetti “Afrikaner”. Le leggi razziali dell’apartheid furono messe fuorilegge solo nel 1994, e comprendevano divisioni nette tra la razza nera e quella bianca (la parola apartheid significa proprio “separazione”). Altro elemento che traccia in maniera inequivocabile come il razzismo sia parte integrante del DNA umano: all’interno della stessa razza, fu creato un sistema tra i più razzisti nella storia dell’umanità.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/08/2018 06:50:57
Addio al Quantitative Easing: scenari economici futuri senza la garanzia della BCE

Nella pratica, è la banca centrale – nel caso dell’Europa la BCE – a  immettere nuova moneta, attraverso l’acquisto di nuovi titoli finanziari, che possono però essere sia titoli di Stato che titoli tossici. Quando avviene questo acquisto, accade subito una cosa: i titoli acquistati aumentano di prezzo, e diminuisce il rendimento. Senza voler troppo utilizzare termini tecnici e astrusi: questo abbattimento del rendimento, rende possibile una riduzione percentuale dei debiti che le famiglie contraggono nei confronti delle banche, e permette anche un'altra situazione positiva: i mutui di medio periodo hanno un costo minore.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -