Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Italia: storia di un paese allo sbando

Italia: storia di un paese allo sbando
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/05/2018 13:54:29

E’ davvero difficile, in questo periodo, scrivere qualcosa sulla situazione politica nazionale, che non sia già stata scritta. Almeno dalla sottoscritta. Avevo descritto in tempi non sospetti, come le elezioni del 4 Marzo si sarebbero rivelate un’inutile perdita di tempo, almeno per gli elettori.

Avevo scritto, sempre in tempi non sospetti, che nulla sarebbe cambiato, e che nessun “salvatore della patria” avrebbe modificato la situazione nazionale, che – in verità – sta per essere modificata, ma in peggio.

Il problema di chi vede le situazioni in tutta la loro grandezza, e in prospettiva, è sempre quello di vederle prima degli altri. Eppure, non serve certo la palla di vetro, per comprendere cosa accadrà, in special modo in una nazione come l’Italia, in cui non cambia mai nulla. Da decenni.

Come diceva Freak Antoni, artista e intellettuale nazionale: "Non c'è alcun gusto ad avere ragione in Italia".

Eppure, nonostante la situazione politica e socio economica nazionale, sia identica a sempre e peggiori sempre più, la maggior parte del popolo italiano crede, e spera. Personalmente, non sono più in grado di capire, o forse, di accettare questa modalità mentale.

Ok, diciamo che molta gente non ha un livello culturale tale da essere in grado di analizzare le vicende politiche. Ci sta. Diciamo anche, che molte persone preferiscono non guardare alla realtà. Non mi piace, ma ci sta.

Ma come si possa, dopo decenni di mala politica e di aberrazioni di ogni sorta, non vedere ciò che accade e si subisce, e di conseguenza reagire, mi appare sempre più incomprensibile.

L’italiano medio è affascinato dalle parole. Ama seguire la melodia delle bugie, sparate a 3.000 come una sorta di musica di sottofondo, in un orrido balletto propagandistico ormai unico tema centrale di una politica votata solo all’abuso di potere.

E’ tutto talmente palese, che – probabilmente – è insopportabile a molti prenderne atto. Non trovo altra spiegazione.

Cancelleremo la Legge Fornero”! “Daremo il reddito di cittadinanza”! “Cancelleremo le tasse”! “Ridaremo la vista agli orbi”! Ah, no…Questo l’ha detto qualcun altro, che la vista agli orbi – ci dicono – la restituì davvero, e come ringraziamento fu messo in croce. Tipico senso di riconoscenza umano.

Basta davvero poco per ammaliare certi italiani. Un paio di slogan ripetuti a martello, attraverso tutte le reti televisive. Facce sorridenti, di politici ormai avvezzi a prendere per il culo in ogni salsa. Anche se, mentre promettono mari e monti, sanno perfettamente che la verità è l’esatto contrario di ciò che dicono.

Situazione reale attuale: la Riforma Fornero non si può “cancellare”. Anzi. Sarà necessario dare un’ulteriore stoccata ai diritti dei lavoratori italiani. Ce lo chiede l’Europa? No! Ce lo chiede la politica nazionale, che da decenni fa gonfiare in maniera esponenziale il debito pubblico, e in cambio promette all’Europa che a pagare la mala amministrazione della cosa pubblica saranno quei fessi di italiani.

Il reddito di cittadinanza: non se ne parla più. Morto e sepolto. Ma è l’unica notizia positiva, in considerazione del fatto che, quello che voleva introdurre in Italia l’ex movimento, è la copia carbone della temibile Riforma Hartz tedesca, che ha messo in ginocchio il mercato del lavoro, in una Germania che, solo apparentemente, è migliore dell’Italia.

Abbatteranno le tasse e le imposte? Quando mai, anzi…si dovrà ricorrere a un ulteriore aumento dell’i.v.a. che arriverà al 25%, e non è cosa nuova: da qualche anno i governi, quello capitanato da Renzi in testa, giochicchiano al rimpiattino, chiedendo deroghe alla UE sul famoso pareggio di bilancio che non raggiungeremo mai, dal momento che lo Stato continua a costarci un occhio della testa, di spending review manco l’ombra e, di conseguenza, prima o poi dovremo pagare gli sfasci economici, ma con gli interessi.

Nel frattempo, da oltre due mesi paghiamo stipendi a tutti i parlamentari, che non stanno affatto lavorando per l’Italia e gli italiani, ma stanno semplicemente facendo melina, forse per abituare il popolo italiano ad attendere a lungo persino per la formazione di un governo – che l’avrebbero fatta a fare la Legge elettorale che lo consente altrimenti? – così che, una volta giunti alla decisione di comporne uno, in pochi si avrà voglia di analizzare che tipo di governo sarà chiamato a non governare il paese.

Si, hai letto bene: “Non governare il paese”. Perché è questo il punto che nessuno o quasi vuole ammettere: questa nazione non è governata, e non da due mesi, ma è letteralmente stata presa d’assalto da politici e politicanti, gente della strada strappata alla vita comune e messa da un giorno all’altro a decidere per la popolazione, o da delinquenti patentati che dovrebbero soggiornare nelle patrie galere e invece mangiano, gratis e a spese nostre, alla Bouvette.

E’ in atto, da tempo, un sistema dittatoriale contro gli italiani, che non si rendono ancora conto della durezza del regime che stanno subendo, perché per molti al criterio “regime dittatoriale” è legata ancora l’immagine del dittatore che impone con urla e strepiti.

Attenzione: le nuove forme dittatoriali, hanno criteri dissimili da quelli che abbiamo studiato sui libri di storia. I dittatori moderni sorridono a 32 denti mentre – dalle tv nazionali – sciorinano la mazzata quotidiana, svendendola per “soluzione perfetta per un popolo che aspetta”. E resterà ad aspettare, ma non certo la soluzione alle problematiche, sempre più stringenti, create ad hoc per affamare la fascia più estesa della nazione, quella classe media che ormai si avvicina sempre più alla fascia medio bassa, e che consente a pochi di diventare sempre più ricchi e sempre più potenti.

Ricapitolando: tutto ciò che sta per arrivare, non è cosa buona né giusta. Ricorderete questi tempi con nostalgia, ripercorrerete questo periodo come uno dei migliori degli ultimi anni. arriveranno nuove imposte e nuove imposizioni. La povertà avrà la meglio sui diritti civili. Le pensioni sono già un lontano ricordo.

Le leggi attuali saranno smantellate man mano, per far posto a un sistema legislativo maggiormente gravoso per chi, ad esempio, non pagherà una multa, ma diverranno più indulgenti per chi si macchierà di orribili misfatti contro la persona. Queste cose le dicevo oltre trent’anni fa, e stanno avvenendo. Già all’epoca si fiutava l’aria che tirava. Ma mi davano della “visionaria” e sapevo che sarebbe bastato attendere e aver pazienza.

Non chiedetemi più “Allora cosa possiamo fare”? perché di suggerimenti e risposte ne ho date per tanti anni, inutilmente. Ormai, l’unica cosa che si potrebbe fare, è scioperare – tutti compatti – contro la politica e contro il sistema nazionale. Ma non ce lo vedo proprio, il popolo italiano, scendere in piazza a oltranza per chiedere a tutti i politici di fermarsi, e uscire – definitivamente – dal sistema politico nazionale.

No: il popolo italiano vuole “tornare a votare”. Con la stessa legge elettorale creata ad hoc per generare la sospensione del diritto degli elettori di decidere qualcosa.

Buona fortuna. Non trovo altro da aggiungere.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 


L'articolo ha ricevuto 2224 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/09/2018 05:46:56

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/09/2018 06:26:10
Popolazione italiana in diminuzione: i motivi a monte del calo demografico

Un recente studio, presentato al Festival della Statistica che si è tenuto a Treviso dal 21 al 23 Settembre, ha dimostrato come, entro il prossimo secolo, la popolazione italiana si ridurrà a circa 16mln di persone. Un vero disastro, considerando che oggi la popolazione italiana totale è composta da circa 60mln di cittadini.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 19/09/2018 09:30:20
Emanuele Filiberto di Savoia: un gesto di solidarietà che scalda il cuore

Un bel gesto di solidarietà, da parte del Principe Emanuele Filiberto di Savoia, che ha deciso di fare qualcosa di concreto per aiutare i genovesi, toccati dalla tragedia del crollo del ponte Morandi.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/09/2018 06:53:06
Le regole del razzismo

Per chi non lo sapesse: l’apartheid non fu istituito in territori abitati da bianchi, bensì in Sudafrica, esattamente nel territorio meridionale del Continente africano, e molti dei suoi sostenitori erano sudafricani di pelle bianca, i cosiddetti “Afrikaner”. Le leggi razziali dell’apartheid furono messe fuorilegge solo nel 1994, e comprendevano divisioni nette tra la razza nera e quella bianca (la parola apartheid significa proprio “separazione”). Altro elemento che traccia in maniera inequivocabile come il razzismo sia parte integrante del DNA umano: all’interno della stessa razza, fu creato un sistema tra i più razzisti nella storia dell’umanità.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/08/2018 06:50:57
Addio al Quantitative Easing: scenari economici futuri senza la garanzia della BCE

Nella pratica, è la banca centrale – nel caso dell’Europa la BCE – a  immettere nuova moneta, attraverso l’acquisto di nuovi titoli finanziari, che possono però essere sia titoli di Stato che titoli tossici. Quando avviene questo acquisto, accade subito una cosa: i titoli acquistati aumentano di prezzo, e diminuisce il rendimento. Senza voler troppo utilizzare termini tecnici e astrusi: questo abbattimento del rendimento, rende possibile una riduzione percentuale dei debiti che le famiglie contraggono nei confronti delle banche, e permette anche un'altra situazione positiva: i mutui di medio periodo hanno un costo minore.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -