Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Satira  
Condominio Italia

Condominio Italia

Autore: Davide
Data: 22/04/2013 11:38:49

I soliti zerbini davanti alle porte. Le solite gomme americane attaccate sugli scalini dell'androne. Le solite sigarette buttate nelle aiole. Le solite targhette unte e bisunte dell'ascensore. "MPS. Manutenzione Pedane Sollevatrici. Ditta responsabile della manutenzione. Max carico 130 kili. Max 4 persone."

Le solite scritte senza ritegno incise a freddo sulle pareti della stessa ascensore.
 
E' come se all'interno del condominio ci fossero solo persone che in una maniera o nell'altra hanno infranto il regolamento. E' come se il signor Perlascone dell'attico si fosse attaccato all'antenna centralizzata togliendo il segnale già debole del digitale terrestre a tutto il resto degli inquilini.
 
Come se Persanti del terzo piano si fosse appropriato della chiave dell'ascensore e usufruisse dell' elettricità della cabina per accendere lo scaldabagno. Che dire del discolo del suo figliolo, Renzino, che suona a tutti i pulsanti dei citofoni solo per rompere i coglioni.
E pure quello dell'ammezzato. Uno che stende solo biancheria intima rosa sul balcone e che sulla piastrina ha messo solo il nome: Riky.
C'e' poi quel tipo strano. Quello con l'aria da killer in pensione. Il sig. Mauro Mondi. Si vede che nasconde qualcosa. Troppe ventriquattore in pelle. Troppe riunioni con altra gente strana col grembiule verde. Nessuno crede alla storia della confraternità della Bagna Cauda.

Si dice in giro sia in combutta con l'amministratore per salassare tutti con spese strane tipo forniture dall'estero di tulipani dall'Olanda o cavolini di Bruxelles per il buffet della riunione di condominio.

E l'amministratore del condominio che ha fatto un contratto con i delinquenti di zona per evitare che gli vengano a far saltare le saracinesche dei box notte tempo? Vabbé che ora è un signore di una certa età ma chissà perchè sembra uno di quelli che da giovane deve averne fatte di cotte e di crude.

E' come se Perlascone dell'attico che di tanto in tanto si fa venire qualche signorina dai facili costumi in casa si sentisse perseguitato dagli altri condomini. Tutti contro di lui. In fondo cosa c'e' di male se di tanto in tanto innaffia durante il giorno inondando il resto dei balconi e le macchine parcheggiate sottocasa. Perchè avercela con lui quando con la scusa che occorreva alzare il livello della zona ha cominciato ad organizzare party megagalattici sul suo terrazzo a spese del condominio?

E si che Persanti del terzo piano c'ha provato a dirgli qualcosa.

"Stia zitto lei. Che lo sappiamo benissimo che si è attacato al contatore dell'ascensore."

E cosa dire degli altri inquilini. Ognuno chiuso dentro le mura di casa propria. Ognuno intento a badare ai fatti propri.

Capita che in qualche assemblea di condominio qualcuno si ribelli e si rifiuti di pagare la rata del riscaldamento dicendo che sotto c'e' qualcosa di losco.

I soliti malfidati che tra l'altro stanno anche provando a sfiduciare l'amministratore. Macche. Niente da fare. Al solito la maggioranza dei condominini ha qualcosa da nascondere o qualche rata non pagata del condominio. Al solito c'e' qualcuno che in cantina lascia che i figli mettano su la sala prova della band. Qualcuno che posteggia 2 macchine invece che una nel parcheggio condominiale.

E allora tutti zitti. Nuovamente lo stesso amministratore di condominio per altri 7 anni.

Alle volte viene il dubbio che la soluzione sia fare un trasloco ed andarsene.


L'articolo ha ricevuto 6000 visualizzazioni