Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Teatro Quirino: 'Parole incatenate' presentato da ARTU' di Gianluca Ramazzotti e Ente Teatro Cronaca

Teatro Quirino: 'Parole incatenate' presentato da ARTU' di Gianluca Ramazzotti e Ente Teatro Cronaca

Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 28/12/2013 14:05:14

Con la regia di Luciano Melchionna al Teatro Quirino a Roma dal 26 dicembre all’8 Gennaio 2014, per continuare la tournée in tutta Italia fino al 4 febbraio 2014. Un testo, a dir poco geniale, di Jordi Galceran, grandissimo drammaturgo e sceneggiatore contemporaneo, vincitore di numerosi premi, con l’interpretazione mozzafiato di Claudia Pandolfi, nel ruolo di Laura e Francesco Montanari, nei panni di Roberto.

Jordi Malceran è autore di un testo lacerante e compresso, pronto ad esplodere ad ogni battuta, la scenografia perfetta per il dramma che si svolge di fronte ai nostri occhi e due attori che fanno essi stessi parte della scena come suppellettili spettrali e deliranti. Un uomo, una donna e l’odio rancoroso della follia. Su una scena scarna ma perfettamente adeguata, si alternano dialoghi affilati e netti con video proiettati sul grande schermo di un cinema dismesso. Quindi un teatro che si svolge in un cinema dove viene messa in scena una storia che danza pericolosamente tra finzione e realtà.

I due attori però non sono finti, cavalcano quello che può essere definito un vero thriller, sudando, urlando, spaventandosi e malmenandosi senza mezzi termini. Sono loro per primi due esseri umani veri su una scena che pretende finzione. Ma questa è la vita vera che si fa storia, in un vortice di follia che scommette sullo spettatore per fargli credere fino all’ultimo di aver capito tutto quando invece è la vicenda stessa che continua a prenderci in giro, divertendosi, con ghigno feroce, alle nostre spalle. Atmosfera da giallo contemporaneo, in versione cinematografica, suspense condita con la migliore tradizione del piccolo e grande schermo, con punti di forza e alti e bassi che non lasciano un momento di respiro.

Sputandosi parole infinite in faccia, come due pugili su un ring, i due attori non si risparmiano, consumano energie e si affannano per incarnare quel delirio prosciugante di rabbia e schizofrenia, fino all’ultima indicibile scena a cui nessuno avrebbe mai pensato. Vediamo davvero ferirsi psicologicamente i due attori, Claudia Pandolfi e Francesco Montanari, ancor più che paura della veemenza fisica, temiamo per le reazioni psicologiche, ed assistiamo ad unpingpong emozionale incessante, nell’attesa di una catarsi che alla fine si esplica in una trovata di luci ed effetti speciali rabbrividenti. C’è tanto del cinema in questa realizzazione, mancano solo le riprese e le soggettive tipiche delle pellicole più ardite, ma se solo lo spettatore si estrania e si concentra sui volti degli attori anche quando non parlano, il mistero dell’incomunicabilità è tutta lì, negli occhi scongiuranti, nelle vene del collo, nella loro plastica deformità.

Li hanno paragonati al gatto e al topo, come infatti il drammaturgo ha sottolineato essersi ispirato proprio ad una scena goduta coi propri occhi, di un gioco perverso di un gatto e un topo, una sera, per caso, passeggiando per Barcellona. Una perversione così, ha riflettuto Galceran, non può appartenere a nessuno se non agli esseri umani, e ha scritto il testo. E i due, nella loro umanità, sono ancora più miseri mettendosi a nudo, fragili, barcollanti, fuori dai loro panni di attore, ci pervadono del degrado immenso che tanto coinvolge cattiveria e assurdità.In un mondo, questo, che forse di umano ha sempre meno, se non la capacità di raccontarsi, senza filtri, in maniera tanto magistrale come in questo thriller. Parole incatenate. Ovviamente il significato del titolo andatelo a scoprire di persona. Perché oltre al gioco a cui qualcuno di voi avrà immediatamente pensato, dietro c’è, ancor più potente, un simbolismo chiaro, attuale e pericolosissimo.

Repliche fino all'8 Gennaio.

ORARI SPETTACOLI

dal martedì al sabato ore 20.45

martedì 31 dicembre ore 19.30

mercoledì 1 gennaio riposo
giovedì 2 e sabato 4 gennaio ore 16.45 e ore 20.45
lunedì 6 gennaio ore 16.45
tutte le domeniche ore 16.45

INFO

botteghino 06.6794585

info 06.6783042

mail info@teatroquirino.it

PREZZI

 

intero

 

ridotto

platea

€ 32,00

 

€ 27,00

I balconata

€ 26,00

 

€ 22,00

II balconata

€ 21,00

 

€ 18,00

galleria

€ 15,00

 

€ 12,00

 

 

 

 

 

 

 

 


L'articolo ha ricevuto 1232 visualizzazioni