Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Recensione: 'Bubbles' - al Teatro Vascello fino al 13 Dicembre

Recensione: 'Bubbles' - al Teatro Vascello fino al 13 Dicembre

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 07/12/2015 15:13:26

Uno spettacolo a base di bolle di sapone, ideato da Marco Zoppi, uno dei maggiori artisti del panorama europeo in questo momento, acclamato a Parigi e a New York, città che gli ha conferito il premio Merlin Award come miglior Bubble Artist Europeo.

Marco Zoppi  ha il fascino e l’audacia per stare sul palcoscenico e in settanta minuti ricreare un mondo fantastico, coinvolgente, fatto di magia e sperimentazione. Adulti e bambini ne rimangono affascinati perché l’impatto emotivo è suggestionato da luci, colori e musiche, in cui le bolle la fanno da protagonista. Magiche palle di sapone si innalzano verso l’alto per andare a morire sui riflettori, alcune di queste sono biancastre, riempite di un gas che le fa volteggiare nell’aria come piccoli esseri fantasiosi o le fa diventare palle di luce colorate e misteriose.

Le bolle vengono ricreate con mille artifizi originali, tramite racchette immerse nel liquido saponato, su di uno schermo, tra due ripiani a formare quasi una torta nuziale. Con il supporto di un tavolinetto da lavoro da cui prendere cannucce e strumenti attraverso cui soffiare, Marzo Zoppi crea bolle, una dentro l’altra, con cui palleggia, mentre le fa rimbalzare, muovendole nell’aria come fossero sue splendide creature, pronte ad ogni comando, folletti del bosco, cartoni animati per bambini.

E non solo bolle, perché assumono anche altre forme, diventando cilindri o clessidre o ancora cupole variegate e policrome. Accompagnato sul palco da Rolanda Sabaliauskaite, una talentuosa illusionista lituana, Marco Zoppi presenta fenomeni inspiegabili, inventando un mondo oltre la realtà e facendo letteralmente sognare, quando da un grande cerchio immerso nel liquido di una bacinella a terra, si creano  veri e propri tunnel di sapone, magiche forme che prendono vita solo per quell’attimo, prima di esplodere. Il resto delle bolle si stende sul palcoscenico,  i bambini accorrono desiderosi di scoppiare quelle creazioni incredibili, l’allegria prende il sopravvento, il dono è stato fatto. Un dono fatto di gioia, emozione e creatività come è giusto richiedere ad ogni buon spettacolo di magia e illusione.


L'articolo ha ricevuto 1296 visualizzazioni