Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria

Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria
Autore: Redazione Esteri
Data: 16/03/2020

Mentre molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per arginare la diffusione del coronavirus, il Regno Unito non ha ancora introdotto misure di "distanziamento sociale" come i divieti nei grandi raduni pubblici nonostante il bilancio delle vittime sia quasi raddoppiato sabato, portando gli esperti a esprimere critiche e preoccupazioni.

Il  bilancio delle vittime del coronavirus nel Regno Unito è quasi raddoppiato sabato - dalle 11 alle 21 - mentre il numero di casi confermati è salito a 1.140. Poco prima che queste cifre fossero pubblicate, Francia  e Spagna  hanno annunciato che sarebbero state bloccate.

Il governo francese ha chiuso  tutte le attività "non essenziali", inclusi caffè, ristoranti, cinema e la maggior parte dei negozi. La Spagna ha  vietato a  tutti di lasciare la propria casa, tranne per l'acquisto di forniture essenziali o per andare al lavoro. Danimarca e Polonia stanno  chiudendo i  loro confini, mentre il paese più colpito d'Europa, l' Italia , è stato bloccato dal 10 febbraio.

Al contrario, il governo del primo ministro Boris Johnson non ha imposto alcuna misura restrittiva della vita quotidiana nel Regno Unito, ma ha semplicemente esortato i soggetti britannici a lavarsi le mani regolarmente e ad auto-quarantena per una settimana se hanno tosse o febbre persistenti.

Sebbene alcuni dei più grandi eventi sportivi - tra cui le partite di calcio della Premier League inglese - siano stati cancellati, non ci sono restrizioni ufficiali che impediscono grandi incontri pubblici. Ad esempio, la mezza maratona di Bath si svolgerà ancora domenica, nonostante le proteste del parlamentare locale e di migliaia di utenti dei social media.

"Emergenza nazionale"

Venerdì, oltre 60.000 persone hanno partecipato al Cheltenham Festival, il torneo di corse di cavalli di fama mondiale - cinque giorni dopo che la Francia ha  bandito gli  incontri pubblici di oltre 1.000 persone.

Lo stesso giorno, il principale consigliere scientifico del governo britannico Sir Patrick Vallance ha dettagliato una strategia basata sul presupposto che la maggior parte delle persone otterrà il coronavirus: “Il nostro obiettivo è cercare di ridurre il picco, ampliare il picco, non sopprimerlo completamente. Inoltre, poiché la stragrande maggioranza delle persone soffre di una malattia lieve, per creare una sorta di immunità da gregge in modo che più persone siano immuni da questa malattia e riduciamo la trasmissione, allo stesso tempo proteggiamo coloro che sono più vulnerabili ad essa ".

L'immunità di gregge è una forma di protezione dalle malattie che si verifica quando un'alta percentuale della popolazione contrae un virus e quindi ottiene l'immunità da una malattia, rallentandone così la diffusione.

La dichiarazione di Vallance è arrivata il giorno dopo che Johnson ha descritto la pandemia di coronavirus come "la peggiore crisi di salute pubblica di una generazione" e ha avvertito che "molte più famiglie perderanno i propri cari prima del loro tempo".

L'approccio del governo ha suscitato critiche pungenti da almeno un deputato conservatore senior. "Penso che siamo in un'emergenza nazionale", ha detto Jeremy Hunt, presidente del comitato per la selezione della salute della Camera dei Comuni (che esamina la politica del governo) e un ex segretario alla salute ben considerato.

"È sorprendente e preoccupante che non stiamo facendo alcun [distanziamento sociale] quando abbiamo solo quattro settimane prima di arrivare sul palco in cui si trova l'Italia", ha detto Hunt a BBC Newsnight. "Avresti pensato che ogni singola cosa che facciamo in quelle quattro settimane sarebbe stata progettata per rallentare la diffusione delle persone che prendono il virus."

Hunt non è stato l'unico dei rivali di Johnson alle elezioni di leadership del Tory del 2019 che ha esortato il governo a cambiare rotta. L'ex diplomatico e ministro del gabinetto Rory Stewart, che ha lasciato il Partito conservatore in autunno a causa della politica sulla Brexit di Johnson, ha detto venerdì a Sky News che il Regno Unito dovrebbe adottare il tipo di misure "estreme ed estreme" attuate in Cina e Corea del Sud. I tassi di infezione da coronavirus sono diminuiti in entrambi i paesi dopo l'imposizione di rigidi blocchi e divieti di viaggio.

"Il governo si domanda se il pubblico britannico sia pronto per il tipo di misure che sono state adottate in altri paesi", ha detto Stewart. "Non sono d'accordo: penso che il pubblico britannico farà ciò che i cittadini di altri paesi hanno fatto e possono fare".

"Rischiare molte più vite del necessario"

Molti esperti medici sembrano concordare. Un gruppo di 229 scienziati delle università britanniche ha pubblicato una  lettera aperta  sabato denunciando la mancanza di misure di allontanamento sociale prese fino a una risposta "insufficiente" e sostenendo che "misure aggiuntive e più restrittive dovrebbero essere prese immediatamente".

"I dati attuali sul numero di infezioni nel Regno Unito sono in linea con le curve di crescita già osservate in altri paesi, tra cui Italia, Spagna, Francia e Germania", hanno osservato gli scienziati. "Gli stessi dati suggeriscono che il numero di infetti sarà nell'ordine di dozzine di migliaia entro pochi giorni."

Alla luce di questa traiettoria, hanno preso di mira l'affidamento di Vallance sull'immunità del gregge: “Cercare l'immunità del gregge a questo punto non sembra un'opzione praticabile, in quanto ciò porterà il SSN (il Servizio sanitario nazionale) a un livello ancora più forte di stress, rischiando molte più vite del necessario. "

In effetti, il caro servizio sanitario pubblico britannico era già sotto pressione prima che il coronavirus emergesse nella città cinese di Wuhan a dicembre: in autunno, Johnson è stato spinto a intraprendere azioni di emergenza  per impedire che una "crisi invernale" inghiottisse il SSN.

Il segretario alla salute Matt Hancock ha detto a Sky News domenica che presto a tutti gli inglesi oltre i 70 - e altri con alcune condizioni di salute di base - verrà chiesto di rimanere a casa per “molto tempo”. Ma a differenza della Francia, dove le visite alle case di riposo sono state sospese, i britannici senza sintomi potranno comunque visitare i parenti più anziani se restano a 2 metri di distanza.

Queste precauzioni non entreranno in vigore immediatamente e Hancock non ha dato un periodo di tempo specifico per la loro attuazione, dicendo che saranno in atto "entro le prossime settimane" e che, "lo definiremo con maggiori dettagli quando sarà il momento giusto per farlo ”.

Ha aggiunto che il servizio sanitario nazionale non ha abbastanza macchine di ventilazione per prendersi cura del numero di persone che potrebbero ammalarsi gravemente con il coronavirus e i produttori implorati di produrne di più. 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/07/2020 20:07:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Esteri
Data: 08/04/2020
Coronavirus: gli USA e il disastro sociale

La tragica prova che gli Stati Uniti stanno attraversando apriranno finalmente gli occhi agli elettori americani? 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 22/03/2020
Coronavirus - Angela Merkel è stata posta in quarantena

La Merkel, 65 anni, sarà sottoposta a "test regolari" nei prossimi giorni e continuerà con il suo lavoro da casa, almeno per il momento.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 17/03/2020
Covid-19 - Macron: 'Siamo in guerra'

"L'epidemia di coronavirus è diventata una realtà immediata, presente. Siamo in guerra, una guerra sanitaria certamente: non lottiamo contro un esercito o contro un altro paese". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/03/2020
Coronavirus, Francia: Macron 'Siamo solo all'inizio dell'epidemia'

Il presidente francese Emmanuel Macron ha avvertito che la Francia era "solo all'inizio" dell'epidemia di coronavirus che ha ucciso 30 persone nel paese e infettato 1.606. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -