Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'
Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020

«Nel Dl Rilancio e nell’ultimo Decreto di Palazzo Chigi del 17 maggio 2020 emerge con grande chiarezza l’ingiusta discriminazione operata nei confronti della filiera produttiva di cui faccio parte. C’è poi un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc.) ed anzi è certo che la loro chiusura è imposta almeno fino al 14 giugno prossimo».

 

Come riprota Agipronews così Maurizio Ughi, amministratore unico di Obiettivo 2016, in una lettera aperta al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, chiede spiegazioni sulla situazione del gioco pubblico.

 

«Ciò appare del tutto incongruo: l’applicazione dei doverosi protocolli sanitari risulterebbe addirittura agevolata per attività come le nostre che in molti casi, ad esempio, si svolgono in locali di vendita già dotati di entrate ed uscite differenziate, di metratura ampia ed idonea a garantire il distanziamento fisico fra i clienti durante la loro permanenza. Chi entra nel locale è gestito da personale particolarmente esperto nell’attuazione del contingentamento all’ingresso, fino ad oggi operato in termini di divieto per i minori di età», ha aggiunto Ughi. 


«Salvo far torto alla comune intelligenza, non si può onestamente pensare che altre attività riaperte come bar, ristoranti, parrucchieri, centri di cura della persona ecc. presentino una complessità minore dal punto di vista della prevenzione del contagio; eppure ne è stata consentita le riapertura. Al danno si aggiunge poi la beffa considerando che la nostra è l’unica categoria gravata da un inasprimento fiscale (lo 0,50% della raccolta da scommesse relative ad eventi sportivi di ogni genere a titolo di contributo al fondo “salva sport”) in tempo di conclamata crisi, in cui si dovrebbe al contrario ragionare di agevolazioni e contributi alle imprese a sostegno della difficile ripartenza. Beffa che però si trasforma subito in paradosso essendosi creato un vero e proprio “corto circuito” logico in cui, volendo aumentare il gettito, si aumenta la tassazione ad un comparto che è fermo e chiuso. Ed è anche l’unica categoria che, di fatto, non può beneficiare delle agevolazioni in materia di accesso al credito contenute nel DL Liquidità stante il vero e proprio “muro” alla concessione di credito alle imprese del settore eretto dal ceto bancario che spesso ammanta i propri dinieghi con la superiore motivazione di conformarsi a non meglio precisati “codici etici”; e ciò senza considerare che non è affatto pacifico l’ottenimento delle garanzie dello Stato ai sensi della richiamata norma, come si evince dalla semplice lettura della modulistica di richiesta e dal tenore della dichiarazioni che le imprese del settore sono costrette a rilasciare nella compilazione». 

 

Per non mettere a serio rischio la tenuta di imprese ormai ridotte allo stremo «confido perciò che vorrà tenere nella giusta considerazione tutto ciò e favorire ogni opportuno, urgente approfondimento in seno al Governo circa l’effettiva sussistenza di reali e fondati motivi per mantenere il divieto di riapertura delle nostre attività o, al contrario, rimuoverlo per consentirci l’auspicata ripartenza nel rispetto degli applicabili protocolli di sicurezza sanitaria», ha concluso Ughi nella lettera alla numero uno del Viminale.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/07/2020 20:45:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo

Autore: Maria Luisa Chioda - Redazione Economia
Data: 22/05/2020
Enzo Amendola (ministro Affari Europei) 'Chiudere a giugno accordo su recovery fund'

"Sul recovery fund il 27 si presenta la proposta, c’è un accordo largo e anche il documento franco tedesco sottolinea che le risorse devono partire subito"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -