Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Aumento della temperatura: raddoppia la presenza di arsenico nel riso

Aumento della temperatura: raddoppia la presenza di arsenico nel riso
Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 11/11/2019

Numerosi studi hanno già messo in evidenza l'impatto negativo dell'aumento delle temperature e della CO2 atmosferica sul riso, con cereali notevolmente più piccoli o meno ricchi di nutrienti. Ma un altro fattore potrebbe ridurre ulteriormente i raccolti: l'arsenico. Secondo un nuovo studio pubblicato il 1 novembre su Nature Communications, il riscaldamento globale comporterà un raddoppio della concentrazione di arsenico inorganico nel riso con, di conseguenza, un crollo dei raccolti del 40%.

I germi rilasciano arsenico inorganico nell'acqua
In molte parti del mondo, tra cui Bangladesh e Cina, l'arsenico naturale nella roccia contamina le acque sotterranee che riforniscono le stazioni di pompaggio di acqua potabile. O viene immagazzinato come minerale nel terreno, inaccessibile alle piante, oppure rimane diluito in acqua in forma inorganica e può essere assorbito dalle piante. Il riso, le cui radici crescono nell'acqua, è particolarmente sensibile all'arsenico inorganico. Ad ogni ciclo di irrigazione con acqua contaminata, l'arsenico si accumula nel terreno.

"Il terreno è pieno di batteri e microrganismi che determinano se l'arsenico rimane in forma minerale o in forma inorganica", afferma Scott Fendorf, coautore dello studio e professore alla Stanford University. Sotto l'effetto dell'innalzamento delle temperature, i microrganismi rilasciano più arsenico nell'acqua che si accumula nel riso. "Una volta assorbito dalla pianta, l'arsenico inibisce l'assorbimento dei nutrienti e riduce la crescita e lo sviluppo delle piante", afferma Fendorf.


 
 
 
 
 

 

 

 

Arsenico, due volte più dannoso del riscaldamento globale per il riso
Nel loro esperimento, i ricercatori hanno ricreato in serra le condizioni di un riscaldamento di 5 gradi centigradi e una concentrazione atmosferica in CO2 doppia rispetto a quella odierna (lo scenario più pessimistico dell'IPCC). Hanno variato il contenuto di arsenico del suolo da 7,3 mg / kg a 24,5 mg / kg, corrispondente a un'irrigazione più frequente in acqua contaminata. Hanno rilevato un raddoppio del contenuto di arsenico nel riso e un calo del 40%, persino più forte di quello attribuito al solo cambiamento climatico (16%). In altre parole, l'arsenico è un fattore negativo peggiore del riscaldamento globale per la resa del riso.

Bambini molto esposti al riso contaminato con arsenico
"Nel 2100, la Terra avrà circa 10 miliardi di persone, il che significa che 5 miliardi di persone dipenderanno dal riso per il loro cibo", avverte Scott Fendorf. L'altro problema è che l'arsenico non è solo tossico per il riso, ma anche per l'uomo. A lungo termine, questo semi-metallo provoca lesioni cutanee, disturbi digestivi e tumori. È stato inoltre stabilito un collegamento con malattie cardiovascolari e diabete. La contaminazione si verifica attraverso l'acqua potabile, ma soprattutto dagli alimenti le cui colture sono state irrigate dall'acqua carica di arsenico, in particolare il riso.

"Questo è molto preoccupante per i bambini piccoli - dice E. Marie Muehe, l'autore principale-. Poiché sono più piccoli, significa che assorbono più arsenico in relazione al loro peso corporeo". Nel 2018, il Consiglio sanitario belga ha raccomandato di limitare il consumo di riso per donne in gravidanza e bambini e di far bollire il riso in una grande quantità di acqua.





Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/12/2019 13:04:25

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Francesca Pieri - Redazione Scientifica
Data: 02/12/2019
Al via la terza edizione di NO2 NO, grazie - a Roma, Milano e Napoli -

Smog, tanto smog, troppo smog. È un dato di fatto: soprattutto nelle aree urbane respiriamo un’aria pericolosamente inquinata...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 22/11/2019
Inquinamento planetario: scenari futuri

Asma e rischi cardiaci dovuti all'aria inquinata, alle infezioni e alla malnutrizione dovute al riscaldamento globale

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 02/11/2019
Frutta e verdura fuori stagione nuocciono all'ambiente

I fagiolini e le clementine non sono sempre esemplari in materia ambientale. Alcuni frutti e verdure generano enormi sprechi energetici o inquinamento del suolo.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 30/10/2019
Rapporto ASVIS sul sistema idrico nazionale

l Rapporto ASviS 2019 evidenzia che nel corso dell’ultimo anno sul Goal 6 "Acqua pulita e servizi igienico-sanitari" non sono state adottate misure efficaci per diminuire la dispersione d'acqua.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -