Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Inquinamento planetario: scenari futuri

Inquinamento planetario: scenari futuri
Autore: Redazione Scientifica
Data: 22/11/2019

Asma e rischi cardiaci dovuti all'aria inquinata, alle infezioni e alla malnutrizione dovute al riscaldamento globale ... Se non si fa nulla contro i cambiamenti climatici, la salute dei bambini nati oggi sarà sempre più minacciata lungo le loro vite. Così fanno sapere alcuni esperti in un rapporto pubblicato giovedì. "I cambiamenti climatici definiranno la salute di un'intera generazione", afferma il dott. Nick Watts, responsabile di questo rapporto. Pubblicato sulla rivista medica The Lancet poche settimane prima della conferenza internazionale sul clima (COP25), sembra un'eco delle paure per cui la svedese Greta Thunberg sia diventata l'emblema nel mondo.

L'inquinamento atmosferico interesserà i bambini nati oggi

"Se le cose rimangono come sono, con elevate emissioni di carbonio e cambiamenti climatici che continuano allo stesso ritmo, un bambino nato oggi vivrà in un mondo più caldo di 4 gradi in media all'età di 71 anni, e questo minaccerà la sua salute in tutte le fasi della sua vita, scrivono gli autori. I bambini sono particolarmente vulnerabili ai rischi per la salute dei cambiamenti climatici. I loro corpi e sistemi immunitari si stanno ancora sviluppando, rendendoli più vulnerabili a malattie e sostanze inquinanti", afferma il Dr. Watts dell'Institute for Global Health dell'Università di Londra.
Tuttavia, le conseguenze sulla salute "continuano fino all'età adulta" e "durano una vita", per cui è necessaria "un'azione immediata da parte di tutti i Paesi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra". .
Questo rapporto è l'edizione 2019 di un documento pubblicato annualmente da The Lancet. Intitolato "Conto alla rovescia per salute e cambiamenti climatici", misura 41 indicatori chiave su questi due argomenti ed è realizzato in collaborazione con 35 istituzioni, tra cui l'OMS (Organizzazione mondiale della sanità), la Banca mondiale e alcune università.
Quest'anno i ricercatori si stanno concentrando sulla salute dei più piccoli. Tra le loro preoccupazioni c'è l'inquinamento atmosferico. "Durante l'adolescenza e fino all'età adulta, un bambino nato oggi respirerà più aria tossica, causata da combustibili fossili e aggravata dall'aumento delle temperature", afferma il rapporto.



 

Zanzare, vettori di infezioni

"Ciò è particolarmente dannoso per i giovani perché i loro polmoni si stanno ancora sviluppando", aggiungeil rapporto elencando le potenziali conseguenze: "Diminuzione della funzionalità polmonare, peggioramento del rischio di asma e aumento del rischio di infarto e ictus". Secondo il rapporto, "le emissioni globali di CO2 da combustibili fossili continuano ad aumentare (aumento del 2,6% tra il 2016-2018)" e "i decessi prematuri correlati a (particelle fini) PM 2,5 ristagnano a 2,9 milioni nel mondo.
Un altro temuto effetto del cambiamento climatico è l'aumento delle epidemie di malattie infettive, a cui i bambini sono particolarmente sensibili. Il motivo è la transizione verso un clima più caldo e più piovoso. Ciò favorirebbe lo sviluppo di batteri responsabili di malattie diarroiche o colera, nonché la diffusione di vettori di infezione da zanzare.
"Spinta dal cambiamento climatico, la febbre dengue è la malattia virale trasmessa dalle zanzare a più rapida diffusione nel mondo", avverte il rapporto. "Nove dei dieci anni in cui è avvenuta la trasmissione della dengue si sono verificati dal 2000, consentendo alle zanzare di invadere nuovi territori in Europa", hanno detto i ricercatori.

È necessario limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi C

I ricercatori sono anche preoccupati per i fenomeni di malnutrizione che potrebbero causare un aumento delle temperature, con conseguente diminuzione dei raccolti e quindi un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari.

Infine, più in generale, gli autori del rapporto sottolineano che un bambino nato oggi sarà sempre più esposto a eventi meteorologici estremi: ondate di calore, siccità, inondazioni o incendi boschivi. Questi ricercatori ritengono fondamentale "limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi C" come previsto nell'accordo di Parigi. E affermano che "gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute sono in prima linea nell'agenda della COP25" all'inizio di dicembre a Madrid.





Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/12/2019 13:14:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Francesca Pieri - Redazione Scientifica
Data: 02/12/2019
Al via la terza edizione di NO2 NO, grazie - a Roma, Milano e Napoli -

Smog, tanto smog, troppo smog. È un dato di fatto: soprattutto nelle aree urbane respiriamo un’aria pericolosamente inquinata...

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 11/11/2019
Aumento della temperatura: raddoppia la presenza di arsenico nel riso

Numerosi studi hanno già messo in evidenza l'impatto negativo dell'aumento delle temperature e della CO2 atmosferica sul riso

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 02/11/2019
Frutta e verdura fuori stagione nuocciono all'ambiente

I fagiolini e le clementine non sono sempre esemplari in materia ambientale. Alcuni frutti e verdure generano enormi sprechi energetici o inquinamento del suolo.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 30/10/2019
Rapporto ASVIS sul sistema idrico nazionale

l Rapporto ASviS 2019 evidenzia che nel corso dell’ultimo anno sul Goal 6 "Acqua pulita e servizi igienico-sanitari" non sono state adottate misure efficaci per diminuire la dispersione d'acqua.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -