Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Al Teatro Vascello l'adattamento de Il Malato Immaginario

Al Teatro Vascello l'adattamento de Il Malato Immaginario
Autore: Nostro inviato Gabriele.Santoro
Data: 15/02/2014

 

 “Gli uomini muoiono di più per le cure che per le malattie”, ammonisce Aldo, fratello del “malato immaginario” Argante. Nell’adattamento di Teresa Ludovico “Il malato immaginario. Ovvero le Molière imaginaire” la struttura originale non subisce scossoni, a partire dai colpi satirici subiti sia dall’ipocondria del protagonista, che gode nello star male e nel ricevere di conseguenza costanti attenzioni dai dottori, sia da un certo tipo di medicina, esercitata da presunti soloni dai nomi ridicoli e sostanzialmente interessati solo al quattrino e al prestigio che ne deriva.

Ad aprire e chiudere la rappresentazione è la figura di Pulcinella, omaggio alla passione che Molière aveva per le maschere – in uno dei tre intermezzi del dramma del 1673 c’è anche la serenata proprio di Pulcinella alla sua amata – e riferimento all’ambientazione dell’opera nell’ultimo giorno di Carnevale, che poi coincise con la morte dell’autore dopo l’esibizione del 17 febbraio di quello stesso anno. Interpretato da Marco Manchisi, Pulcinella ci introduce e svelerà nel finale tutte le chiavi di lettura, in una sovrapposizione tra creatore e personaggio dettata dalla biografia di Jean-Baptiste Poquelin.

E non è l’unico ruolo di Manchisi, anzi. L’attore napoletano veste i panni anche del saggio fratello Aldo e della governante tuttofare Antonietta, tipica nelle caratteristiche di essere pettegola, petulante, ma anche generosa, leale ed affezionata al padrone burbero, tanto da contribuire alla soluzione di diverse situazioni intricate. Insomma un po’ l’ingranaggio principale che ruota intorno al perno Augusto Masiello/Argante, anche visivamente il dinamismo del primo è il contraltare all’immobilità del secondo, al centro della scena malato e quindi impossibilitato al movimento.

A sottolineare la vivacità sul palco si inserisce una particolare scenografia piramidale con al vertice Argante, simile anche “ad una torta” a strati, come spiega la regista Teresa Ludovico, da dove i personaggi entrano ed escono tramite botole, rimanendo quindi costantemente davanti al pubblico, solo ad un piano inferiore. La schiera di dottori brulica così avanti e indietro “come vermi”, usando sempre le parole della Ludovico, “lo spettacolo risulta grottesco ma anche molto divertente”.

Diretto dal francese Vincent Longuemare, il gioco di luci richiama volutamente il bianco e nero, “con tutto un lavoro destra-sinistra-fondale di ombre”, racconta sempre la Ludovico, che mette lo spettatore davanti a tre punti di vista, “lo spettacolo frontale, tutto quello che si muove sotto la piramide e un ulteriore spettacolo laterale di ombre prodotto inconsapevolmente dagli attori”. La prospettiva del pubblico cambia così a seconda della posizione. Ulteriore elemento sono le musiche, composte da Nino Rota nel 1973 per un famoso balletto di Bejart, “Le Molière imaginaire”, come sintesi e summa di tutte le sue opere. Dunque il cerchio si chiude e “tutto si coniuga bene insieme”.

Per maggiori informazioni www.teatrovascello.it




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/01/2020 15:07:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Maresa Palmacci - Redazione Cultura
Data: 21/01/2020
Roma, teatro de' Servi: Il deserto dei Tartari - dal 27 al 29 Gennaio

Dopo il successo riscosso la scorsa stagione, torna in scena dal 27 al 29 gennaio al Teatro de’ Servi, nell’ambito della “Stagione Fuoriclasse”, dedicata alla drammaturgia contemporanea...

Leggi l'articolo

Autore: Silvia Signorelli - Redazione Cultura
Data: 12/01/2020
Roma, Teatro Brancaccio: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè

È un affresco su calcio e potere in salsa sudamericana la nuova produzione del Teatro Nazionale di Genova Tango del calcio di rigore, che ,dopo il debutto a Genova a febbraio 2019, è ora in scena al Teatro Brancaccio di Roma.

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 10/01/2020
Roma, OffOff Theatre: L'enigma dell'amore - in memoria di Karl Heinrich Urlichs

Sul palco, l'anziano e ormai malato Urlichs è al termine della sua vita e giace nel suo letto, nella mansarda di Palazzo Persichetti a L'Aquila. A

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 09/01/2020
Roma, Museo Macro - Io sono Chi - di e con Alessia Arena - 10 e 11 Gennaio 2020

Va in scena venerdì 10 e sabato 11 gennaio al Mattatoio – La Pelanda del complesso del Museo MACRO di Roma, nell’ambito dell’ottava edizione del Roma Fringe Festival, Io sono Chi di e con Alessia Arena

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -