Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Medici Senza Frontiere: Siria, aumenta la violenza. Decine di migliaia di sfollati

Medici Senza Frontiere: Siria, aumenta la violenza. Decine di migliaia di sfollati
Autore: Ufficio Stampa MsF
Data: 29/10/2015 10:26:22

Riceviamo dall'Ufficio Stampa di Medici Senza Frontiere e diffondiamo:

Siria: Aumenta la violenza, decine di migliaia gli sfollati. Attaccati 12 ospedali in un mese.


MSF: “Diritto Umanitario Internazionale schernito da tutte le parti del conflitto”

Roma, 29 ottobre 2015 - Almeno 35 pazienti e medici siriani sono stati uccisi e 72 sono rimasti feriti, per il grave intensificarsi degli attacchi aerei contro gli ospedali in Siria settentrionale nel mese di ottobre. Lo riferisce il personale sanitario supportato da Medici Senza Frontiere (MSF) in Siria. Gli attacchi, sempre più frequenti a partire dalla fine di settembre, hanno colpito dodici ospedali, di cui sei supportati da MSF, nei governatorati di Idlib, Aleppo e Hama. In tutto, sei ospedali sono stati costretti a chiudere, tra cui 3 supportati da MSF, e quattro ambulanze sono state distrutte. Un ospedale ha riaperto, ma l’accesso ai servizi di pronto soccorso, maternità, pediatria e assistenza medica di base resta estremamente ridotto.

A causa degli attacchi nella regione, decine di migliaia di persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case.
Alcune hanno cercato rifugio nelle aree rurali e nei villaggi circostanti. Secondo il personale locale di MSF, altre sono fuggite più lontano: circa 1.700 famiglie si sono aggiunte ai 110.000 sfollati interni che vivono in quattro campi sorti attorno ad Atmeh, nel governatorato di Idlib, di cui 225 nuove famiglie sono arrivate solo nell’ultima settimana.

“Dopo oltre quattro anni di conflitto, sono esterrefatto di come il Diritto Umanitario Internazionale possa essere così facilmente schernito da tutte le parti di questo conflitto”
ha detto Sylvain Groulx, responsabile di MSF per la Siria. “Possiamo solo chiederci se questo concetto non sia ormai morto. Tantissimi attori medico-umanitari, tra cui MSF, hanno lanciato ripetuti appelli e stanno chiedendo di fermare immediatamente questi attacchi in tutto il paese. Ma qualcuno ascolta le nostre voci?”

Con l’arrivo dell’inverno e le temperature in calo, trovare ripari adeguati è una priorità urgente, che si aggiunge al già difficile accesso alle cure mediche per queste popolazioni sfollate. La capacità di ampliare i campi esistenti o costruirne di nuovi per ricevere questo ingente afflusso di persone è limitata. Alcune delle famiglie sfollate condividono le proprie tende mentre altre hanno trovato riparo in spazi comuni come scuole e moschee.

“Oltre a fornire supporto medico supplementare attraverso una clinica mobile nell’area meridionale di Aleppo, stiamo organizzandoci per distribuire beni di prima necessità come tende o coperte, per affrontare l’inverno in arrivo”
ha detto Sylvain Groulx. “Ma questo genere di supporto è solo una goccia nell’oceano quando si pensa a ciò di cui queste famiglie davvero hanno bisogno. Hanno bisogno di sicurezza. Hanno bisogno di protezione. Hanno bisogno di non vivere più alla giornata, chiedendosi quando cadrà la prossima bomba.”

In Siria MSF gestisce sei strutture sanitarie e supporta direttamente oltre 150 cliniche, centri medici e ospedali da campo. MSF assiste anche pazienti provenienti dalla Siria che sono fuggiti in Giordania, Libano e Iraq.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 07:38:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/10/2019 06:46:25
Rapporto Oxfam: la dura condizione dei lavoratori delle aziende agricole nel mondo

I salari molto bassi, le dure condizioni di lavoro e la discriminazione basata sul genere sono diffusi nelle aziende agricole e nelle piantagioni che forniscono tè, frutta e verdura a catene di vendita al dettaglio come Lidl, PLUS e Whole Foods

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -