Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Sud Sudan: MSF risponde ai bisogni medici dopo i recenti scontri nel paese

Sud Sudan: MSF risponde ai bisogni medici dopo i recenti scontri nel paese
Autore: Redazione
Data: 14/07/2016

Le équipe di MSF a Juba stanno rispondendo ai bisogni medici insorti dopo i recenti scontri nel paese e stanno valutando come poter assicurare una maggiore assistenza.

Da ieri un’équipe di quattro persone ha avviato cliniche mobili alla chiesa di Santa Teresa, dove si sono rifugiate 2500 persone.

L’équipe si è concentrata sulle persone con maggiore necessità di cure mediche e ha trattato 115 pazienti, inclusi 82 bambini. Tra le principali patologie, infezioni delle vie respiratorie, febbre e diarrea. Gli operatori hanno visitato anche due pazienti con ferite da arma da fuoco e curato persone ferite mentre fuggivano dalla violenza. La maggior parte dei pazienti racconta di essere arrivata dai Campi di Protezione dei Civili (PoC) in città.

Le équipe di MSF stanno svolgendo attività di cliniche mobili anche nei campi Gudele 1 e Gudele 2, un’area che ha visto gli scontri maggiori per la vicinanza a una base militare, dove hanno trovato rifugio circa 3000 persone sfollate a causa dei combattimenti. Ieri gli operatori di MSF hanno visto corpi che giacevano ancora a terra. Le persone che hanno iniziato a tornare nelle loro case le hanno trovate saccheggiate e hanno perso tutto ciò che avevano. La popolazione è estremamente vulnerabile e non ha accesso alle cure mediche. Servono acqua e servizi igienici per ridurre il rischio di epidemie.

Ieri MSF ha donato kit chirurgici all’ospedale di Juba e sacchi per cadaveri all’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO). MSF ha anche rifornito gli ospedali di due dei PoC a Juba e sta trasferendovi un’équipe chirurgica per gestire l’afflusso di casi.

Da quando venerdì sono scoppiati gli scontri a Juba, anche il PoC di Bentiu ha visto un afflusso di 6000 persone. MSF è preoccupata per l’estendersi dei combattimenti, che sono già iniziati a Wau e Leer dove le persone sono di nuovo in fuga, ostacolando la capacità dell’organizzazione di fornire assistenza medica a chi ne ha più bisogno.

Come sempre, MSF continua a monitorare da vicino le condizioni di sicurezza all’interno del paese e i progetti nella maggior parte del paese restano attivi. Molte delle nostre équipe stanno gestendo un alto numero di pazienti malnutriti o colpiti da malaria, in una popolazione che per sopravvivere dipende già in gran parte dall’assistenza umanitaria.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/07/2024 13:14:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -