Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
In Morning and Rage: il Convegno a Roma Tre

In Morning and Rage: il Convegno a Roma Tre
Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 12/04/2014

 

In Mourning and Rage, il titolo dato a questo convegno tenutosi nell’Aula 26 della Facoltà di Lettere presso l’Università Roma Tre, il giorno 11 Aprile dalle ore 14 alle 20. Hanno partecipato: il Prof. Paolo D’Angelo, Direttore del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo, Daria Deflorian, attrice e performer, la dott.ssa Marina Piranomonte, direttore archeologo della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, la dott.ssa Anna Liguori, PhD in Filosofia e Teoria delle Scienze Umane presso Roma Tre, la dott.ssa Ludovica Malknecht, PhD in Filosofia e Teoria delle Scienze Umane presso l’Università Roma Tre, Sergio Prodigo, docente di Composizione e Analisi Musicale presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” di L’Aquila, il dott. Luca Zanchi, teorico dell’Arte presso Universidad Complutense de Madrid, Graziano Graziani, critico e giornalista, la prof.ssa Miriam  Mirolla, ordinario presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma, il dott. Derrell Acon, PhD Candidate, University of Cincinnati, la dott.ssa Viviana Meschesi, PhD in Filosofia e Teoria delle Scienze Umane presso Roma Tre.

Gli interventi hanno teso a rendere completo un quadro sullo studio della lamentazione e maledizione, dall’antichità fino ai giorni nostri, come esternazione di un sentimento intrapsichico che si manifesta nella forma artistica. Dalle defixiones e maledizioni in età romana, con l’analisi della fontana di Anna Perenna e il suo rituale magico, all’osservazione della compenetrazione tra arti e musica, di come la melodia musicale possa trasformare voci e parole nella disperazione del lamento. Al centro di alcuni di questi studi la figura di Diamanda Galàs, performer, musicista, autrice che ha dato voce all’orrore dell’olocausto con la sua musica straziante e l’intonazione acuta e secca dei suoni nasali. Con la lettura di Celan e Michaux e la presentazione di alcune performer nel mondo contro la violenza sulle donne, il canto e la poesia diventano messaggio volto verso l’esterno, non isolato e soggettivo. Solo la donna, con il suo pianto, sa rendere le lacrime versi di poesia, come nei threnoi della Grecia, dove la lamentazione funebre era in sé stessa spettacolo e metamorfosi, da oggetto violentato a soggetto violentatore, nel sogno della donna picchiata e uccisa, da istigata a istigatrice, la donna non è più vittima. Il percorso ha guidato il pubblico nella musica e nelle arti visive, come in India dove tre anni fa è stata violentata e uccisa brutalmente una ragazza di venticinque anni, e per lei un gruppo chiamato Red Brigade ha manifestato con una performance organizzata all’esterno, per gli astanti. Oppure come ha fatto Clemente Padin, a Montevideo, per ricordare i desaparecidos, in mezzo ad una strada ha dato colpi di martello su un feticcio e nel frattempo un aiutante segnava su un cartello questi colpi, contandoli, che raffiguravano ogni persona scomparsa sotto il governo di Franco. Infine il video, da cui ha preso le mosse il convegno, chiamato appunto In Mourning and in Rage, dove un gruppo di attiviste contro il femminicidio, a Los Angeles  nel 1977 con Suzanne Lacy, coperte in volto da un velo nero, proclamavano il loro dissenso. Todesfuge è stata la musica di sottofondo, un componimento di Diamanda Galas contro l’Olocausto. Un lungo percorso di azione-performance, rappresentazione e iconoclastia, soffermandosi sul modo in cui attraverso l’arte e la letteratura l’uomo ha dato vita alle sua rabbia e alla lamentazione che si fa esternazione artistica, uscendo dagli angusti limiti della introspezione psichica. Notevole il contributo degli studi di ricerca archeologica e storico-filosofica.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/08/2022 21:21:48

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -