Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Malattia mentale: al centro dell'attenzione solo il business delle strutture private

Malattia mentale: al centro dell'attenzione solo il business delle strutture private
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 28/07/2009

  

C'è un mondo oscuro, abitato da persone invisibili. Sorde. Inaccessibili. Un mondo entro il quale l'unico suono percepibile è la disperazione. Un mondo vasto, spaventosamente sviluppato. Eppure, tenuto ben lontano dalla realtà quotidiana e dalle cronache dei Media nazionali. E' il mondo della malattia mentale.

 

In Italia, i casi accertati di persone con disagio mentale, arrivano a malapena a circa 500.000 unità. Questi dati si evincono dall'accesso alla terapia attraverso al frequentazione dei Centri di Igiene Mentale, servizio pubblico a disposizione dei cittadini che necessitano ora di cure psichiatriche ora di supporto psicologico.

 

Ma questi dati pubblici, non sono assolutamente reali. Il perché è da ricercare nell'abitudine diffusa di non accettare da un lato il disagio mentale proprio o di un congiunto, dall'altro nella difficoltà a ravvisare una patologia psichiatrica o psicologica da parte del medico di base.

 

In effetti, si calcola che il numero reale di soggetti affetti dalle varie patologie psico psichiatriche, raggiungano circa i dieci milioni di persone. Un numero enorme. Che sconfina spesso in tragedie insospettabili all'interno di famiglie ritenute "normali" secondo i parametri di accettazione sociale.

 

Dal 1978, data della approvazione della famosa Legge Stanca L. 180/78 in materia di rivoluzione del settore psichiatrico in Italia, Legge poi pienamente integrata alla Legge 833/78 ad oggi, ciò che doveva divenire un processo di modernizzazione delle varie fasi di supporto ai malati di patologie mentali, è divenuto una grande bluff, di cui ancora oggi si pagano allarmanti conseguenze.

 

Di per se la Legge in questione, apriva un grande portone su un settore che fino ad allora, faceva ancora pensare più ad una fossa dei serpenti che ad un sistema che adempisse l'obbligo di curare e dare supporto a chi soffrisse di patologie psichiatriche gravi. La Legge si fonda su criteri di dignità, diritto, libertà di cura oltre che sulla creazione, a livello nazionale, di punti di riferimento pubblici per tutti coloro che necessitino di terapie psichiatriche.

 

All'atto pratico, così non è stato. Colpevole forse la troppa vena innovativa, che entrò subito in contrasto con criteri che fino ad allora, si fondavano su un senso deviato del come, quando e perché, curare un malato psichiatrico.

 

Così, se da un lato la nuova normativa pretendeva di innovare il settore e dare nuova dignità al malato mentale, dall'altro non trovò corresponsione per il semplice fatto che nessuno sapeva come mettere in pratica queste strategie riformiste.

 

Negli anni, ciò che è accaduto realmente, è che se da un lato i vecchi istituti manicomiali, sono stati chiusi, dall'altro le persone che vi soggiornavano non hanno trovato una opzione diversa se non quella di esser lasciate a se stesse.

 

Concretamente però, c'è stata una evoluzione, ma che piuttosto che rendere un servizio ai milioni di malati psichiatrici ha prodotto più ampio respiro economico a molte cliniche private che hanno subito sentito l'odore di business nel comminare la propria realtà sanitaria verso una nicchia che necessitava palesemente di strutture che il nuovo sistema riformista non è riuscito a creare sul territorio nazionale.

 

Forti quindi di queste mancanze strutturali, centinaia di cliniche private hanno cambiato la loro indicazione di cura generica, reinvestendo nel settore psichiatrico. Un affare alquanto lucroso se si considerano i grandi finanziamenti elargiti a tutto tondo per far si che l'innovazione passasse attraverso strutture consolidate seppur private.

 

In sostituzione dei manicomi quindi, non è stato mai fatto nulla di pubblico. Se non far accedere ai finanziamenti pubblici, strutture private che se da un lato risolvono la problematica relativa alla tipologia di ambiente di cura, dignitoso ed adeguato così come da normativa. Dall'altra non sostiene del tutto le necessità dei pazienti, che dovrebbero – per tipologia patologica – esser messi ancor più al centro delle attenzioni dei medici curanti e delle strutture sanitarie.

 

Si è passati così dalle fosse dei serpenti, alle lussuose cliniche private e convenzionate che dietro la copertina patinata di strutture spesso eleganti e confortevoli, nascondono comunque la stessa tipologia di problematiche  e metodiche riscontrabili nei vecchi istituti manicomiali.

 

C'è comunque da riflettere su un altro punto fondamentale. Negli ultimi trenta anni, la tipologia delle patologie riscontrate ha virato verso nuove sindromi. Oggi per lo più, si trattano casi di depressione grave, schizofrenia, disturbi del comportamento disturbi alimentari o dipendenze da farmaci, alcool e droghe.

 

Ma se pur cambiano i parametri di patologia, non sembra cambiare l'attenzione alle metodologie ed alle grandi carenze strutturali pubbliche che – appunto – demandano sempre alle strutture private un qualcosa che ancora, a distanza di trent'anni – non è stato assolutamente recepito dalle strutture pubbliche.

 

La salvaguardia del benessere umano, vive di tanti livelli. Passa per le trame del Sistema Sociale e dell'organizzazione pubblica. Ogni anno nel mondo quasi un milione sono le persone che muoiono di suicidio, per non aver trovato giusta cura, considerazione e conforto dal Sistema sanitario, sia pubblico che privato.

 

All'atto pratico, una Legge che voleva cambiare totalmente un settore, ha creato solo un maggior numero di persone lasciate nella solitudine e nella disperazione del proprio disagio mentale. Ed ha creato un'enorme business a favore di tutte quelle centinaia di strutture che hanno compreso subito le falle dello stesso Sistema, facendole divenire punto cardine della speculazione economica.

 

Ogni paziente, quotidianamente, è un carico per la Società. Una disperazione per i familiari. Fonte di studio per la Ricerca. Denaro per chi li accoglie.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/12/2022 16:44:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -