Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Gratta e vivi...! Ovvero...una lotteria vi salverà. (?)

Gratta e vivi...! Ovvero...una lotteria vi salverà. (?)
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/10/2009

(Videoclip: "Monetine" di Daniele Silvestri)

 

 

C'era una volta il sistema pensionistico. E c'era una volta lo stipendio a fine mese. Tanto tempo fa – ormai non si conta più quanto – dopo una vita di lavoro, ottenevi una sorta di compenso che si era generato in anni ed anni di versamenti contributivi che ti aiutava a campare per gli anni della pensione.

 

Certo, erano anche i tempi in cui tutti – bene o male – lavoravano ed a fine mese percepivano una ricompensa per il lavoro svolto.
 
Cosa sia accaduto fra queste cose d'altri tempi e la situazione attuale si sa: un po' l'aumento dell'età media che ha fatto si che i giovani in realtà versassero contributi non più per se stessi ma per i tanti anziani pensionati, un po' per il fatto che il lavoro è divenuto precario e molto spesso quel po' di lavoro che si trova non garantisce ricompensa, ed anche "grazie" alla riforma sui contratti di lavoro che ha creato la baraonda dei cosidetti "lavoratori atipici" che lo sono già per il solo fatto di aver firmato un contratto con una serie infinita di non garanzie per il lavoratore, ecco che l'Italiano medio di tutte le età, ha dovuto inventarsi qualche benedetta opzione per campare.
 
E se prima erano lavoretti "a nero" che facevano sbarcare il lunario oppure le innovative pensioni integrative, una sorta di assicurazione ch egarantisce dopo un tot di anni l'erogazione di una somma o di un vitalizio,  oggi la grande possibilità è data dal gioco. No, non parlo di girotondi e mosca cieca, ma del gioco di Stato: gratta e vinci, lotterie, Lotto, enalotto e superenalotto.

 

E da poco…"Win for Life" – vinci per la vita – la trovata più eclatante di questa tendenza che invece di garantire una economia ragionata su basi tecniche, contributive ed economiche, fuoriesce dal cappello a cilindro di Stato ormai avvezzo a trovar denaro attingendo dalle tasche dei contribuenti non più materializzzando nuove imposte – che si fa cattiva figura con la cittadinanza – ma al grido di "Giochiamo tutti allegramente per racimolare i soldi per campare"!

 

Nessun futuro pensionistico? Tranquilli: ci pensa Win for Life, che col suo montepremi destinato a rendere un vitalizio di 4mila euro al mese a tempo determinato –20 anni - capovolge ogni criterio fin qui adoperato per parlare di vita, lavoro, denaro e pensione.

 

Lo Stato non garantisce più nulla a nessuno? Ecco che si ingegna e fa correre tutti al botteghino a tentare la fortuna.

 

Di più: infila nel cappello magico anche la quota "etica" e trasferisce una percentuale dei proventi nelle casse dedicate alla ricostruzione in Abruzzo.
 
Il denaro manca - si sa - e nel Decretone per la ricostruzione (DL 39/09) appare scritto a chiare lettere che una parte del denaro stanziato sarà evinto da qualche nuova lotteria nazionale.

 

Ecco infatti che, all'articolo 12 del DL 39/09 appare scritto: "al fine di assicurare maggiori entrate non inferiori a 500mln di euro l'anno a decorrere dall'anno 2009, il Ministero dell'Economia decorsi 60 giorni dall'approvazione del presente decreto potrà indire nuove lotterie ad estrazione istantanea, adottare nuove modalità del gioco del Lotto, inclusa la possibilità di più estrazioni giornaliere e persino autorizzare l'apertura dei tabaccai anche nei giorni festivi"

Seguono le modalita sulle percentuali erogate per la ricostruzione abruzzese.

 

Il punto è: se è pur vero che stante le cose non sono state aggiunte altre imposte ai contribuenti, parallelamente si delinea un futuro di nuove e maggiori lotterie che lo Stato crea al fine di evincere le somme ritenute necessarie ora alla ricostruzione post sisma, ora chissà a quale altro comparto di destinazione.

 

Ma la cosa cammina su un filo sottilissimo: considerando le basse percentuali di possibilità di vincita di qualsiasi gioco ad estrazione ed anche di qualsiasi gratta e vinci, verosimilmente questa situazione è peggiore di una nuova imposta che tutto sommato è più controllabile e gestibile da parte dei contribuenti.
 
Cosa che non avviene invece nella ricerca smodata della cartolina vincente: a conti fatti, meglio una imposta ulteriore che perdere di vista quanto si spende nel tentativo di vincere. Molte familgie alla rovina sociale sommano la rovina da tentativo dei numeri vincenti...
 
Sicuramente lo Stato, reperisce più denaro da tutte queste nuove forme di gioco che dai contributi: una sorta di garanzia ad omnia contro la piccola evasione fiscale.
 
Immaginate qualcuno disertare i botteghini per non tentare la fortuna? Ecco quindi trovato l'éscamotàges per far pagare tutti, ma proprio tutti e col sorriso sulle labbra.

 

Insomma: tutti in tabaccheria! Per l'agognata pensione, per lo stipendio che non c'è. Per far del bene. Per sognare. Per pagare i debiti…

 

Una volta semmai c'erano le banche. In alcuni casi, c'era addirittura lo Stato che si prendeva cura dei tuoi bisogni.

 

Oggi no: una lotteria ti cambierà la vita!
 

L'ha già cambiata. Nei parametri ormai accettati da tutti di una economia fondata sul gioco e sull'azzardo.

 

Chissà se anche per il Ponte sullo Stretto di Messina verrà fuori un'altra bella lotteria, un gratta e vinci o nuove ruote del Lotto per la costruzione?

Lo sapremo a tempo debito. Intanto, tentiamo la sorte.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2022 05:25:15

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -