Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
“Art. 50. - Le funzioni di Senatore e di Deputato non danno luogo a retribuzione o indennità

“Art. 50. - Le funzioni di Senatore e di Deputato non danno luogo a retribuzione o indennità"
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/10/2009

 

"Art. 50. - Le funzioni di Senatore e di Deputato non danno luogo ad alcuna retribuzione od indennità". Calma. Tranquilli. Risedetevi sulla seggiola. Questo è un articolo che non leggerete mai più. Già, perché in realtà è esistito. Ed era la base fondamentale dei criteri di onestà e pubblico servizio ai cittadini Italiani che un tempo chi era chiamato a rivestire questi ruoli.

 

Essere Senatore o Deputato era un "onore", da qui la parola "onorevole". Nulla a che vedere col potere quindi. Ne con introiti economici da capogiro. Ma dove troviamo questo articolo che oggi appare bizzarro, impossibile, fantasioso persino? All'interno dello "Statuto fondamentale della Monarchia di Savoia", conosciuto anche come "Statuto Albertino" proclamato il 4 Marzo 1848 da Carlo Alberto di Savoia Carignano.

 

All'interno del documento, si trovano in effetti le stesse basi fondamentali della nostra Costituzione, che infatti da esso fu ispirata. Subì alcune modifiche il 17 Marzo 1862 con la fondazione del Regno d'Italia e tale rimase fino al 1946.

 

Successivamente, fu ulteriormente modificato con alcuni decreti legislativi fino all'entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana (1 Gennaio 1948) divenendo documento costituzionale transitorio.

 

In pratica, lo "Statuto Albertino" si può ritenere antesignano della nostra Costituzione. Erano i tempi in cui parole come "onore" "affidabilità" "onestà" avevano un loro valore ed erano viste come condizioni fondamentali almeno per ciò che riguardava l'aspetto puramente pubblico di alcune persone nei confronti del bene Comune e della stessa Comunità.

 

Non che all'epoca non esistesse l'intrallazzo, lo scandalo, il maggior arricchimento. Ma almeno, per ciò che riguardava l'aspetto di servizio dato alla cittadinanza, si considerava tendenzialmente migliore un comportamento che esulava addirittura dall'ottenere compensi.

 

Senatori e Deputati quindi, prestavano la loro opera gratuitamente, seppur regolamentati da normative che in alcuni casi, allora come oggi, disciplinavano nel bene e nel male il loro operato.

 

Cosa è accaduto quindi da allora, per far si che oggi coloro che ancora dovrebbero essere chiamati ad operare al servizio dei cittadini, altro non fanno in effetti se non – in maniera del tutto spregiudicata – ottenere il massimo sia economicamente sia per ciò che riguarda una serie illimitata di agevolazioni personali rispetto alla media nazionale?

 

Si iniziò all'incirca nella metà degli anni '50 ad introdurre una sorta di piccolo rimborso spese per le cariche politiche in questione. All'epoca, nessuno ebbe nulla da eccepire. Peraltro l'Italia, fresca di una guerra mondiale che l'aveva profondamente ferita e lasciata in uno stato di povertà quasi assoluto, rilasciava l'impronta delle carenze a tutto tondo, falcidiando – chiaramente – anche coloro che operavano nel settore politico.

 

Ai tempi, la povertà investiva ancora tutto e tutti. E non furono pochi i personaggi politici che per anni tirarono avanti con lo stesso abito magari girato e rigirato come si usava all'epoca per consentirsi un po' di dignità almeno nel vestire.

 

Poi ci fu il boom economico. L'accesso al credito. L'indebitamento sviluppato a tappeto alla cittadinanza, con la chimera di poter – finalmente – accedere ad un po' di "ricchezza" attraverso l'acquisto di beni accessori fino li mai nemmeno immaginati. Si sviluppò anche l'Economia basata sul nulla. Pezzi di carta – le cambiali – "garantivano" sul proprio onore la volontà di assolvere ad un debito contratto. "Pagherò" infatti c'era scritto. Una promessa da mantenere.

 

Pian piano si perse il controllo di ciò che fosse il denaro come bene materiale e la possibilità a trecentosessanta gradi di accedere al grande consumismo in una epoca appunto, troppo a ridosso con lo spettro della fame, della morte e della disperazione.

 

Il mondo politico intanto, scopriva anch'esso un gioco fino ad allora nemmeno sospettabile. Si commisero i primi atti di speculazione che nulla avevano a che fare con il sevizio alla cittadinanza. Si creò commistione fra Politica e mondo Economico. Si pregiudicò la riuscita di una onorevole strategia per amministrare bene il Paese. Si iniziò ad impastare le mani in affari pubblici che in realtà servivano solo a spremere denaro pubblico nelle tasche degli operatori politici.

 

Una grande abbuffata. Che rese all'improvviso una immagine completamente diversa di ciò che si ricordava essere l'Onorevole di un epoca che appariva già lontana.

 

Quel po' di ricchezza fittizia delle nuove famiglie italiane post guerra mondiale, confuse animi, criteri, capacità di discernimento. Convinse che tutto era possibile a tutti, mentre l'Italia – piuttosto che essere governata dalla Politica – diveniva orfana della stessa, che divenne man mano auto-referenziale, ricca per se stessa, potente, intoccabile. Deroga di una buffa condizione di Democrazia, parola che perdeva la stessa reale accezione ad ogni nuovo passo di un gigante potente e ricco, mal disposto al bene di tutti ma molto al bene di pochi.

 

Ecco che si iniziò inconsapevolmente a perdere di vista quali fossero in realtà i motivi per cui il Popolo chiamava alcuni ad esercitare quel servizio – un tempo "onorevole" – dedicato al bene dei cittadini, vera ed una fonte e motivazione dello stato in essere del Potere nazionale stesso.

 

La Massa commise l'errore di lasciarsi andare ad un periodo di nuova civiltà del benessere, perdendo così di vista gli accadimenti abnormi che già ruotavano intorno a quei pochi ben ancorati ad un potere già intriso di strategie, speculazioni, godimento di diritti esasperati e forte volontà di conservare i privilegi acquisiti prima di ogni cosa.

 

Eccoci quindi alla perdita della missione reale che la politica un tempo ha avuto. Al ribaltamento totale della condizione umana esasperata dal potere sempre più assoluto e commisto al potere economico, che tutto spazza e spiazza e rende così lontani dal poter minimamente contare su una reale volontà di far beneficiare il Paese piuttosto che le tasche di quegli "Onorevoli" signori che oggi siedono beffardi sulle loro poltrone.

 

A volte un po' di ripasso della Storia, non può che rendere oltre che maggiormente edotti, anche inclini ad una maggiore riflessione, che ci si augura non rimanga tale, ma spunto per ritrovare la capacità di interloquire da cittadini attivi e non passivi di uno scenario ormai così perverso da non poter realisticamente essere accettato sopra ogni cosa.
 
 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2022 05:28:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -