Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L’Italia crolla. Siamo un Paese fondato sull'abusivismo. Edilizio.

L’Italia crolla. Siamo un Paese fondato sull'abusivismo. Edilizio.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/10/2009

 (Video: l'8° gruppo dei Vigili Urbani di Roma e la demolizione di una villa abusiva)
 
(Foto: il quartiere Ponticelli a Napoli. Caseggiati abusivi)
 
L'Italia sta cedendo. Non politicamente in questo caso. No. Sta letteralmente cedendo, strutturalmente. Colpevole solo la natura? Non solo. La natura sta dando "una mano" a scoperchiare una edilizia abusiva che è la realtà del nostro Paese da oltre trent'anni.

 

 

Siamo un Paese fondato sull'abusivismo edilizio. Eppure, abbiamo una legislazione in materia che fa venire i brividi a qualsiasi altra nazione europea. Gli iter amministrativi legali, se conosciuti, farebbero togliere qualsiasi voglia di edificazione a qualsiasi cittadino ed impresa edile.

 

Soffochiamo di burocrazia. Sarà questo il motivo per cui poi, realisticamente. Si trova la "soluzione" a tutto, quella che accontenta chi costruisce, chi compra chi firma le approvazioni sulle edificazioni?

 

In realtà, la nostra legislazione in materia di edilizia è così articolata e complessa che spesso appunto, non viene minimamente presa in considerazione.

 

Così spesso, sempre più spesso si "chiude un occhio". Meglio: tutti e due.

 

Accade nell'edilizia privata dove malgrado "Tangentopoli" le mazzette a chi di dovere sono all'ordine del giorno. Ma succede – fatto allarmante – sempre e comunque quando si tratta di edilizia pubblica.

 

Siamo vittime del nostro stesso Sistema. Un Sistema così complesso da lasciare spazio ad ogni argomentazione e sviluppo di illegalità. Se in effetti gli iter burocratici in materia di edilizia fossero snelliti, e se le verifiche fossero effettuate realisticamente, potremmo contare su un Sistema dinamico, sicuro e a garanzia di un reale sviluppo infrastrutturale del nostro Paese.

 

Invece no. Ove le azioni vengono seriamente compromesse da un sistema legislativo e burocratico aberrante, si trovano molti éscamotàges per farla franca. In qualche modo, nel caos si sa albergano tutte le possibilità. In primis, quelle della speculazione.

 

Una nazione intera, edificata su aree non edificabili. Costruita con materiali di terz'ordine. Spesso senza alcun piano regolatore. Tanto poi arriva una sanatoria, e tutto viene rimesso in ordine.

 

Situazioni insospettabili eppure reali: interi edifici pubblici – ospedali in testa – sono edificati senza alcun criterio legislativo, senza – addirittura – accatastamento. Un caso per tutti: l'Ospedale S. Salvatore dell'Aquila. Trent'anni di lavori, al solo scopo di generare finanziamenti su finanziamenti. Un'inaugurazione pubblica all'inizio del 2000 senza alcuna documentazione reale: bastò l'ok di un Manager della ASL locale e nessuno che chiedesse altro.

 

L'Impresa costruttrice, la solita imperterrita Impregilo s.p.a. che scansa le inchieste come il migliore dribblatore di una partita di calcio nazionale.

 

Ma ora, dopo trent'anni di edilizia selvaggia, compromessa, folle, impossibile, scadente...ecco che ci pensa la natura a presentare il conto.

 

Un terremoto, un'alluvione... ed ecco che un pezzo alla volta, l'Italia scompare, portandosi nella tomba Storia, Geografia, umanità, razionalità.

 

Siamo un Paese compromesso dalle fondamenta. Siamo alla resa dei conti: pensare che il prossimo può essere chiunque di noi, è terrificante ma reale.

 

Mezzi a disposizione per intervenire sulle infrastrutture? Non ci saranno mai.

 

Servirebbe un piano nazionale, servirebbe la volontà di tutti di metter le mani laddove la parola "scandalo" urla vendetta e parla di morti, sangue, miseria e disperazione.

 

A nessuno interessa il passato. Bisogna andare avanti. Verso lo sviluppo, verso il futuro. Verso un'Italia che sta cambiando faccia, forma e che porge la guancia agli schiaffoni di un Potere che basa tutta la sua operosità al massimo guadagno. Meglio se personale.

 

Un giorno sarà necessario rimetter mano alle piantine toponomastiche. Da Nord a Sud città e paesi sono stati toccati da un qualche terribile evento catastrofico. E le ricostruzioni "provvisorie" sono divenute il futuro di figli di una generazione compromessa da uno stato mentale aberrato da un Potere che non merita più di esser nominato tale.

 

L'attesa del peggio è ciò che ci rimane. Meglio aprire gli occhi e rendersene conto. Una volta per tutte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/12/2022 17:23:51

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -