Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Allarme rosso: siamo tutti malati. ...Di medicine.

Allarme rosso: siamo tutti malati. ...Di medicine.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/10/2009

 (Video: in un cartone animato della Walt Disney, Pippo viene mandato via dal lavoro al primo accenno di un raffreddore)

 

Se tutta l'Umanità vivesse in salute, le industrie farmaceutiche dovrebbero re-inventarsi un business diverso. Le imprese farmaceutiche devono il loro "successo" economico alle cattive condizioni dell'Umanità. Siamo esse reali, e quindi conseguenza di un qualcosa che perde equilibrio all'interno del complicato sistema dell'organismo umano, siano esse malattie indotte da una serie incredibile di messaggi più o meno occulti che le stesse industrie farmaceutiche veicolano attraverso sofisticate metodiche di marketing a livello mondiale.

 

Insomma: un comparto industriale che necessita di malati. Molti malati. La cui guarigione non è assolutamente l'obiettivo da raggiungere. Anzi. Provate ad immaginare di essere il titolare di una impresa che produce medicine. Solo così potrete riflettere meglio sul concetto drammatico per cui: più malati più denaro.

 

A livello internazionale le industrie di settore devono trovare nuove malattie. Nuovi criteri di malessere organico. Nuove metodiche che devono condurre l'umanità ad assimilare uno stato di malessere continuo per cui si necessita ora di questo ora di quel medicamento.

 

A seconda del periodo dell'anno poi, si preme l'acceleratore su necessità diverse. Così, se l'Estate è la stagione dei prodotti dimagranti, abbronzanti (per bocca), energetici, l'Inverno apre con la convulsione delle prime sintomatologie da raffreddamento. L'Umanità di oggi sembra non potersi permettere di starnutire!Nossignore. Nell'epoca del benessere ad ogni costo, si cura sempre più spesso ciò che malattia non è. Uno starnuto è la reazione naturale del nostro organismo ad una infreddatura. Verosimilmente, bloccare fin dalla prima comparsa un sintomo non fa altro che mantenere nell'organismo quel male che non è stato bloccato dalle medicine, bensì semplicemente "contraffatto" da qualcosa che fa apparire risolto il problema.

 

Curare i primi sintomi di qualsiasi cosa, fa si che l'organismo pian piano non sia più in grado di riconoscere un male e di conseguenza mettere in atto – in maniera del tutto naturale – una serie di reazioni scatenate per attaccare la patologia insorgente.

 

In pratica: diviene difficile, bloccando agli esordi un sintomo, riconoscere poi l'eventuale patologia che qual sintomo voleva palesare. Bloccando qualsiasi messaggio dell'organismo, si crea nel tempo una incapacità a sostenere quelli che appunto sono più dei campanelli di allarme che vere patologie. E se il corpo non riconosce questi semafori rossi, un giorno potrebbe non inviare nemmeno più messaggi di allerta.

 

In qualche modo, si sta generando una corsa compulsiva ad uno stato di benessere che in realtà è totalmente fittizio. Generato dal concetto per cui l'umanità è più "vincente" se con uno stato di salute, energia e benessere totale ed assoluto.
 
Inolre, il ricorso all'automedicazione con prodotti da banco - vendibili senza ricetta del medico - va ad alimentare un grosso canale della distribuzione farmaceutica che si sviluppa col "solo" lavoro della strategia di Marketing operata a seconda del periodo dell'anno.
 
Dati alla mano, nel 2007 sono state vendute 332 milioni di confezioni di prodotti da banco - ben il 19% del totale di medicine vendute) che peraltro il più delle volte vengono assunti senza nemmeno leggere il foglio illustrativo interno per verificare eventuali effetti collaterali dannosi o addiritura incompatibilità con l'assunzione di altri farmaci.

 

Di contro, nuove e più complesse malattie sorgono nella nostra epoca: dall'HIV, alle pandemie virali, ai tanti casi di SLA (Sindrome Amiotrofica Laterale) e le tante altre malattie che un tempo non venivano registrate perché...inesistenti. A quanto pare, sta cambiando la qualità delle malattie, a "beneficio" di patologie che sfregiano gravemente l'organismo.

 

Qualcuno dubita che alcune patologie vengano addirittura decise a tavolino e sviluppate attraverso strategie da film dell'orrore: i veicoli per una contaminazione di massa in realtà esistono. Basti pensare agli acquedotti, all'aria, alle stesse medicine che promettono di curare un male e magari – consapevolmente da parte di chi le produce – ne creano un'altro.
 

In effetti, i tanti – a volte troppi – effetti collaterali di certe medicine sortiscono mali più gravi della stessa malattia che dovrebbero curare.

 

Un esempio per tutti: i farmaci usati in psichiatria che, ad una attenta lettura del bugiardino (il foglio illustrativo interno alle confezioni) palesano effetti collaterali incredibili, fra cui – incredibilmente a volte – gli stessi sintomi  ma maggiorati, della malattia psichiatrica da curare.

 

Fare chiarezza è sicuramente difficile. Non prendere farmaci assolutamente sconsigliabile, in special modo per alcune gravi patologie. Ma è altrettanto difficile trovare una ragione, un metodo ed un criterio per non cadere coinvolti in un giro senza fine, fatto di medicamenti che curano addirittura gli effetti collaterali di altre medicine.

 

Se la virtù sta – ancora – nel mezzo, curiamo sicuramente le patologie più serie, ma non corriamo dal medico per un paio di starnuti. Potremmo scoprire che dopo aver starnutito, il passo successivo è solo una stupida infreddatura che passa in mezza giornata.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/12/2022 17:27:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -